Rassegna Stampa
Rassegna Stampa
Newsletter
Newsletter
Accesso Webmail
Accesso Webmail
Sponsor
[HyperLink1]

[HyperLink1]

Area Privata
Log In
 
 
Contact Info
an image
A.S.D. - C.N. Posillipo
Via Posillipo 5, 80123 Napoli

Email:
cnposillipo@cnposillipo.org
ufficiostampa@cnposillipo.org

Phone: (+39) 081-5751282
Fax: (+39) 081-5757832
Partita I.V.A. 01769100635

Servizi - Utilità

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

1

GENERALITÀ E REGOLE COMUNI ALLE TRE ARMI

Capitolo 1

APPLICAZIONE DELLE REGOLE

t.1

della F.I.E”., cioè:

Le disposizioni del presente Regolamento sono obbligatorie (ne varietur) per le “prove ufficiali

i Campionati del Mondo di tutte le categorie,

le prove di scherma delle Olimpiadi,

le prove di Coppa del Mondo

i Campionati di Zona

Capitolo 2

TERMINOLOGIA

COMPETIZIONI

t.2

Assalto e match

Il

considerazione il risultato di questo combattimento (gara) lo si definisce

t.3

combattimento cortese tra due schermitori (o tiratori) è un “assalto”; quando si prende in“match”.

Incontro

L’insieme dei matchs tra schermitori di

t.4

1

2

due squadre diverse si chiama “incontro”.

Prova

È

designare il vincitore della gara.

Le gare

siano individuali o a squadre.

l’insieme dei matchs (prove individuali) o degli incontri (prove a squadre) necessari persi distinguono per l’arma, per il sesso dei partecipanti, per la loro età e per il fatto che

t.5

Campionato

Definizione data ad una prova d

squadra

definita

estinata a designare il miglior schermitore o la migliorein ciascuna arma, di una federazione, di un continente, del mondo e per la durata.

SPIEGAZIONE DI ALCUNI TERMINI TECNICI PIÙ FREQUENTEMENTE USATI

NEL GIUDIZIO DI UNA FRASE SCHERMISTICA

1

t.6

Tempo

Il

tempo schermistico è la durata d’esecuzione di un’azione semplice.

t.7

1

2

Azioni offensive e difensive

Definizione

Le azioni

offensive sono: l’attacco, la risposta e la contro-risposta.

costantemente il bersaglio valido dell’avversario, - movimento che deve comunque precedere

l’inizio dell’affondo o della flèche (Cf.

L’attacco è l’azione offensiva iniziale eseguita distendendo il braccio e minacciandot.56 e seg., e t.75 e seg.)

La risposta è l’azione offensiva dello schermitore che ha parato l’attacco.

Le diverse azioni

La contro-risposta è l’azione offensiva dello schermitore che ha parato la rispostadifensive sono le parate.

toccare.

La parata è l’azione difensiva eseguita con l’arma per impedire ad un’azione offensiva di

1

comprensione del Regolamento.

Si precisa che questo capitolo non sostituisce un trattato di scherma e che viene qui riportato al solo scopo di facilitare la

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

2

t.8

1

2

3

4

Spiegazione

Azioni offensive

L’attacco

L’azione è

semplice quando è eseguita in un solo movimento:

sia diretta (nella medesima linea).

L’azione è

sia indiretta (in un’altra linea).composta quando viene eseguita in più movimenti.

Risposta

La risposta è

Le risposte sono:

immediata o a tempo perso: è questione di fatto e di rapidità di esecuzione.

a) semplici dirette:

la parata è stata fatta

Risposta dritta: risposta che tocca l’avversario senza aver lasciato la linea dove

parata

Risposta sul ferro: risposta che tocca l’avversario scivolando sul ferro dopo la

b) semplici indirette:

quella dove la parata è stata fatta (passando sotto il suo ferro, se la parata ha

avuto luogo in linea alta, e sopra il suo ferro, se la parata ha avuto luogo in linea

bassa).

Risposta di cavazione: risposta che tocca l’avversario nella linea opposta a

dove la parata è stata fatta (passando, in ogni caso, la lama davanti alla punta

dell’avversario).

Risposta di coupé: risposta che tocca l’avversario nella linea opposta a quella

c) composte:

dove la parata è stata eseguita, ma dopo aver percorso attorno alla lama

avversaria una circonferenza completa.

Risposta di circolata: risposta che tocca l’avversario nella linea opposta a quella

stata eseguita, ma dopo essere stata inizialmente nella linea opposta, passando

al disotto del ferro avversario.

Risposta di uno e due: risposta che tocca l’avversario nella linea dove la parata è

Contrattacco

I

contrattacchi sono azioni offensive o difensive-offensive eseguite durante l’offensiva dell’avversario:

a) Arresto

: contrattacco eseguito sull’attacco.

b) Contrazione:

ove deve finire l’attacco (Cfr.

(arresto in opposizione): contrattacco eseguito chiudendo la lineat.56 e seg., t.64 e seg., t.76 e seg.)

c) Uscita in tempo

(Cfr. Art. t.59 e t.79)

Altre azioni offensive

a) Rimessa:

Azione offensiva semplice immediata che segue una prima azione,

senza ritirare il braccio

, dopo una parata o una ritirata dell’avversario, sia che egli abbia lasciato il ferro senza rispondere, sia che abbia risposto in ritardo, o indirettamente o con azione in più tempi.

b) Raddoppio: Nuova azione

, semplice o composta, su un avversario che ha parato senza rispondere, o che ha semplicemente evitato la prima azione per ritirata o per schivata.

c) Ripresa d’attacco: Nuovo attacco

guardia

eseguito immediatamente dopo il ritorno in.

d). Controtempo:

avversario.

Tutte le azioni eseguite dall’attaccante su un arresto del suo

t.9

Azioni difensive

Le

Sono

parate sono semplici, dirette, quando sono eseguite nella stessa linea dell’attacco.circolari (di contro) quando sono eseguite sulla linea opposta a quella dell’attacco.

t.10

Posizione di “punta in linea” (o “ferro in linea” o “arma in linea”)

La

punta in linea è una posizione particolare nella quale lo schermitore mantiene il braccio armato disteso e minaccia costantemente con la punta dell’arma il bersaglio valido del suo avversario (Cfr. art. t.56.3.a/b/c, t.60.4.e, t.60.5.a, t.76, t.80.3.e, t.80.4.a/b).

3

Capitolo 3

IL TERRENO

t.11

svantaggiare l’uno o l’altro dei due avversari, soprattutto per quanto riguarda l’illuminazione.

Il terreno deve presentare una superficie piana ed orizzontale. Non può avvantaggiare né

t.12

1

2

La parte del terreno destinata al combattimento viene definita

pedana.

Le prove

alle tre armi si disputano sulle stesse pedane.

t.13

1

2

La

La

dalla linea mediana, abbia a sua disposizione, per indietreggiare senza oltrepassare la linea di fine

pedana con i due piedi, una lunghezza totale di 5 metri.

larghezza della pedana è da metri 1,50 a metri 2,00.lunghezza della pedana è di 14 metri, in maniera tale che ciascun tiratore, stando a 2 metri

t.14

della pedana, cioè:

Sulla pedana sono tracciate, in maniera ben visibile, cinque linee perpendicolari alla lunghezza

a) una linea mediana

larghezza della pedana;

che deve essere tracciata con una linea tratteggiata su tutta la

b) due linee di messa in guardia

devono essere tracciate attraverso tutta la pedana);

a due metri e da ciascun lato della linea mediana (e che

c) due linee di fine-pedana

distanza dalla linea mediana di sette metri.

, che devono essere tracciate attraverso tutta la pedana, ad una

d)

essere chiaramente segnalati - possibilmente con un colore della pedana differente - in maniera

tale che i tiratori possano individuare facilmente la loro posizione in pedana. (vedi il disegno).

Inoltre gli ultimi due metri, che precedono queste linee del limite posteriore, devono

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

4

Capitolo 4

MATERIALE DEI TIRATORI

(Armi – Equipaggiamento – Abbigliamento)

t.15

1

2

I tiratori si armano, si equipaggiano, si vestono e tirano

rischio e pericolo

Le

controllo, edite dal presente Regolamento (vedi Regolamento del Materiale) non sono destinate

che ad

conseguenza – qualunque sia il modo in cui sono applicate – comportare la responsabilità né della

F.I.E., né degli organizzatori delle gare, né degli arbitri, né del personale incaricato

all’organizzazione, né degli autori di un eventuale incidente

sotto la loro responsabilità e a loro.misure di sicurezza stabilite dal Regolamento e dalle norme allegate, così come quelle diaumentare la sicurezza degli schermitori, senza poterla garantire e non possono in

Capitolo 5

IL COMBATTIMENTO

t.16

1

2

3

4

Modo di tenere l’arma

Alle tre armi,

impiegate sia separatamente che congiuntamente.

In assenza di un dispositivo speciale o di un attacco o di una forma speciale (anatomica), il tiratore

è libero di

posizione della mano. Tuttavia l’arma non può, in modo permanente o temporaneo, apparente o

celato, essere trasformata in

abbandoni l’impugnatura e, durante un’azione offensiva, senza scivolare sull’impugnatura,

dall’avanti all’indietro.

Quando esiste un

l’impugnatura deve essere tenuta in maniera tale che la superficie superiore del pollice sia

orientata nella medesima direzione della scanalatura della lama (di fioretto o di spada), o

perpendicolare al piano di flessibilità della lama della sciabola.

L’arma è impugnata da

dell’assalto, a meno che non sia autorizzato dall’arbitro, in caso di ferita alla mano o al braccio.

l’azione difensiva si esercita esclusivamente con l’aiuto della lama e della coccia,tenere l’impugnatura come vuole e può anche, durante l’assalto, modificare laarma da lancio: essa deve essere impugnata senza che la manodispositivo speciale, o un attacco, o una forma speciale (anatomica),una sola mano; il tiratore non può cambiare di mano fino alla fine

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

5

t.17

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

Messa in guardia

Il tiratore che è

assalto tra un destro ed un mancino, se il primo ad essere chiamato è il mancino.

L’arbitro fa

dalla linea mediana della pedana (quindi dietro la linea di “messa in guardia”).

La messa in guardia all’inizio dell’assalto e le rimesse in guardia, si fanno sempre

della larghezza

Nel momento della messa in guardia, durante l’assalto, la distanza tra i due tiratori deve essere

tale che nella posizione “ferro in linea” le

Dopo

Se la

all’interruzione del combattimento.

La messa in guardia dopo

deve essere effettuata al centro della pedana.

La

linea di fine-pedana lo schermitore che si trovava al di qua della linea al momento della

sospensione del combattimento. Se il tiratore ha un piede al di là del limite, egli resta al suo posto.

La rimessa in guardia a giusta distanza, dovuta a

difetto al di là della linea di fine-pedana, assegnandogli una stoccata contro

Gli schermitori si mettono in guardia al comando

di che l’arbitro domanda:

assenza di una risposta negativa, l’arbitro dà il segnale di combattimento:

I tiratori devono mettersi

al comando di “A voi!” (“

Al fioretto ed alla sciabola la posizione di guardia non può essere assunta ponendosi nella

chiamato per primo, deve piazzarsi alla destra dell’arbitro, salvo nel caso di unpiazzare ciascuno dei due avversari in modo che il piede anteriore sia a due metrinel mezzodella pedana.punte non possano venire in contatto.ogni stoccata giudicata valida, i tiratori sono rimessi in guardia al centro della pedana.stoccata non è stata aggiudicata, essi sono rimessi in guardia nel posto che occupavanoogni intervallo dell’assalto, o dell’eventuale minuto supplementare,rimessa in guardia, a giusta distanza, non può aver per conseguenza il piazzare oltre lauscita laterale, può piazzare il concorrente in“In guardia” (“en garde”) dato dall’arbitro. Dopo“Pronti?” (“Etes-vous prets?”). Dopo una risposta affermativa o in“A voi!” (“Allez!”)in guardia in maniera corretta e conservare l’immobilità completa finoAllez!”)

posizione “ferro in linea”

.

t.18

1

2

3

4

5

6

Inizio, arresto e ripresa del combattimento.

L’

prima del comando è ritenuta valida.

La

modificano le condizioni regolari e normali del combattimento (Vedi anche

Dopo il comando

rimane valida. Tutto quello che avviene dopo non è più assolutamente valido (però vedi

Se uno dei tiratori

L’ordine “Alt!” è anche dato se il gioco dei tiratori è

Regolamento

retrocedendo, si avvicina troppo al pubblico o all’arbitro (vedi

Salvo casi eccezionali, l’arbitro non può autorizzare un tiratore ad

Chiunque lo faccia senza autorizzazione, sarà passibile delle sanzioni previste agli art.

inizio del combattimento è dato dal comando “A voi!”. Nessuna stoccata lanciata o portatafine del combattimento è data dal comando “Alt!” (“Halte!”), salvo in caso di fatti chet.32.1/2)“Alt!”, il tiratore non può iniziare una nuova azione: solo la stoccata già lanciatat.32.1/2)si ferma prima del comando ”Alt!” ed è toccato, la stoccata è valida.pericoloso, confuso o contrario al, se uno dei tiratori è disarmato, se uno dei tiratori esce dalla pedana, o se,t.26, t.54.5, t.73.4/j)abbandonare la pedana.t.114,

t.116

, t.120.

t.19

Combattimento ravvicinato

Il

loro armi e fino a che l’arbitro può, nel fioretto e nella sciabola continuare a seguire l’azione.

combattimento ravvicinato è ammesso fino a che i tiratori possono servirsi regolarmente delle

t.20

1

2

3

Il corpo a corpo

Il

combattimento viene arrestato dall’arbitro (vedi art.

Nel

violenza). In questo caso, l’arbitro infliggerà allo schermitore falloso le sanzioni previste dagli art.

corpo a corpo si ha quando i due avversari vengono in contatto; in questo caso ilt.25 e t.63.1/2/3).fioretto e nella sciabola, è proibito provocare il corpo a corpo (anche senza brutalità e

t.114, t.116 e t.120

In tutte e

urtare l’avversario. Nel caso di una simile infrazione, l’arbitro infliggerà al tiratore colpevole le

sanzioni previste dagli art.

sarà annullata.

e la stoccata eventualmente portata dal concorrente falloso sarà annullata.tre le armi è proibito provocare il corpo a corpo volontario per evitare una stoccata, ot.114, t.116 e t.120 e l’eventuale stoccata portata dal tiratore colpevole

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

6

t.21

1

2

3

4

5

Schivate – Spostamenti e superamenti

Gli

a contatto col terreno.

È proibito durante il combattimento

In tal caso, l’arbitro infliggerà al tiratore colpevole le sanzioni previste dagli art

spostamenti e le schivate sono permessi, anche quelli in cui la mano non armata può venirevolgere la schiena all’avversario.. t.114, t.116 e t.120

e l’eventuale stoccata portata dallo schermitore colpevole sarà annullata.

Nel corso di un combattimento, quando un tiratore

immediatamente il comando “Alt!” e rimettere i tiratori nel posto occupato prima del superamento.

In caso di scambio di stoccate

portata è valida; la stoccata portata dopo il superamento è annullata, ma quella immediatamente

portata dal tiratore che ha subito l’azione offensiva è valida anche se quest’ultimo si gira.

Quando, nel corso di un match, un tiratore che ha eseguito una flèche è segnalato toccato e

oltrepassa l’estremità della pedana d’una distanza sufficientemente lunga da provocare lo

del rullo o del filo

(vedi art.

supera l’avversario, l’arbitro deve darenel momento del superamento, la stoccata immediatamentestrappodi collegamento di questo, la stoccata che egli ha ricevuto non sarà annullatat.103).

t.22

1

2

3

Sostituzione di bersaglio ed utilizzo del braccio e della mano non armata

L’utilizzo della

che difensiva (vedi art

tiratore che l’ha commessa sarà annullata e quest’ultimo riceverà le sanzioni previste per le

infrazioni del 2° gruppo (cartellino rosso).

Nel fioretto ed nella sciabola è proibito

parte del corpo, sia per copertura, sia con un movimento anormale. (vedi art.

La stoccata eventualmente portata dal tiratore falloso sarà annullata.

mano e del braccio non armato è proibito sia per esercitare un’azione offensiva. t.114, t.117 e t.120). In caso di tale infrazione, la stoccata portata dalproteggere o sostituire un bersaglio valido con un’altrat.114, t.116 e t.120).

a) se, durante la frase schermistica, si verifica

il tiratore falloso riceverà le sanzioni previste per le infrazioni del 1° gruppo (cfr. t.49.1 t.72.2)

b) se, durante la frase schermistica, come conseguenza di protezione o di sostituzione del

bersaglio valido, una stoccata portata correttamente è registrata come non valida, il tiratore

falloso riceverà le sanzioni previste per le infrazioni del 1° gruppo (cfr. t.49.1 t.72.2) e l’arbitro

assegnerà la stoccata come valida.

protezione o sostituzione del bersaglio valido,

Durante il combattimento, la mano non armata del tiratore non deve in alcun caso

parte qualsiasi dell’equipaggiamento elettrico

eventualmente portata dal tiratore falloso sarà annullata.

afferrare una(vedi art. t.114, t.116 e t.120). La stoccata

t.23

1

2

3

Nel caso in cui l’

della mano non armata, o protegge, o copre un bersaglio valido con un’altra parte del corpo non

valida, può chiedere l’assistenza di due

di Torneo.

Questi assessori, piazzati da una parte e dall’altra della pedana, seguono l’

combattimento

della mano non armata, o la protezione o la copertura della superficie valida con un’altra non

valida. (vedi art.

L’arbitro può far

commettere tale infrazione non gli volga le spalle.

arbitro s’accorga che nel corso del match uno dei tiratori fa uso del braccio o/eassessori neutrali, che saranno designati dalla Direzioneinsieme dele segnalano, alzando la mano o su richiesta dell’arbitro, l’utilizzo del braccio ot.49, t.114, t.116 e t.120).scambiare di posto i due tiratori in maniera tale che colui il quale è ritenuto

t.24

Terreno guadagnato o perso

All’ordine di “Alt” il

concessa. Al momento della rimessa in guardia, ciascun tiratore deve arretrare di una distanza

uguale, così da riprendere la distanza di messa in guardia (vedi art.

terreno guadagnato resta acquisito finché una stoccata non sia statat.17.3/4).

t.25

rimessi in guardia, in modo tale che colui che ha subito il corpo a corpo rimanga nel posto ove si

trovava; così pure se l’avversario ha eseguito una

Ciò nonostante, se l’incontro è stato sospeso a causa di un corpo a corpo, i tiratori sarannoflèche, anche senza un corpo a corpo.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

7

t.26

1

2

3

4

Sorpasso dei limiti

Arresto del combattimento

Se un tiratore

immediatamente dare l’ “Alt”.

Se il tiratore esce di pedana

dopo il superamento del limite, salvo la stoccata ricevuta dallo schermitore che ha sorpassato il

limite, anche se dopo il superamento, a condizione che si tratti di una stoccata semplice e

immediata.

Per contro la stoccata portata dal tiratore

è lanciata prima dell'Alt.

Quando

considerazione la stoccata portata dallo schermitore che è rimasto in pedana con almeno un

piede, anche in caso di un colpo doppio.

supera con uno o con due piedi uno dei limiti laterali della pedana, l’arbitro devecon i due piedi, l'arbitro deve annullare tutto quello che è successouscito di pedana con un piede resta valida se l'azioneuno dei due tiratori esce dalla pedana con i due piedi, può solo essere presa in

t.27 Limiti posteriori

Quando uno schermitore supera completamente, con i due piedi, il

è dichiarato toccato.

limite posteriore della pedana

t.28

1

2

3

Limiti laterali

Il tiratore che supera con un solo piede un

momento della rimessa in guardia, il suo avversario sarà avanzato di un metro rispetto alla

posizione che occupava al momento del superamento e il tiratore penalizzato dovrà retrocedere

per riprendere la corretta distanza.

Se per l’

il limite posteriore della pedana, verrà dichiarato toccato.

Il tiratore che,

pedana – specialmente facendo una flèche – riceverà le sanzioni previste dagli articoli

e t.120

limite laterale della pedana sarà penalizzato. Alapplicazione di tale penalizzazione uno dei tiratori si verrà a trovare con i due piedi oltreper evitare di essere toccato, esce con i due piedi da uno dei limiti laterali dellat.114, t.116.

t.29 Uscita accidentale

Il tiratore che supera

spinta) non è passibile di alcuna penalizzazione.

involontariamente uno dei limiti a seguito di un caso fortuito (quale una

t.30

1

2

3

Durata del combattimento

Per durata del combattimento si intende la

tra l’ “A voi” e l’ “Alt”.

La durata del combattimento è

ufficiali della F.I.E., così come per tutte le fasi che comportano un cronometro visibile dagli

spettatori, il cronometro deve essere sistemato in modo tale da essere visibile anche dai due

schermitori in pedana e dall’arbitro.

La durata del combattimento effettivo è:

durata effettiva, cioè la somma del tempo trascorsocontrollata dall’arbitro o dal cronometrista. Per le finali delle prove

nei gironi: 5 stoccate, massimo 3 minuti

un minuto di riposo tra due periodi;

nell’eliminazione diretta: 15 stoccate, massimo 9 minuti divisi in periodi di 3 minuti, con

negli incontri a squadre: 3 minuti per ciascuna frazione.

t.31

1

2

Lo schermitore può

Quando un tiratore cerca abusivamente di

combattimento, l’arbitro gli infliggerà le sanzioni previste dagli articoli

richiedere il tempo ogni volta che il combattimento è interrotto.provocare o di prolungare interruzioni dit.114, t.116 e t.120.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

8

t.32

1

2

3

Alla

segnalatore (norma obbligatoria per tutte le finali delle prove ufficiali della F.I.E.), questo dovrà

provocare automaticamente l’emissione di un potente segnale sonoro e bloccare

automaticamente il funzionamento dell’apparecchio; ma le segnalazioni registrate prima del

bloccaggio dell’apparecchio devono restare visibili sull’apparecchio stesso. Dopo la percezione del

segnale sonoro il combattimento è terminato.

Quando il

azionare un segnale sonoro che arresta il combattimento ed anche la stoccata lanciata non è

valida.

In caso di

valutare autonomamente il tempo che rimane alla fine del combattimento.

scadenza del tempo regolamentare, se il cronometro è inserito nell’apparecchiocronometro non è inserito nell’apparecchio, il cronometrista deve gridare “Alt!” omalfunzionamento del cronometro o di errore del cronometrista, l’arbitro dovrà

t.33

1

2

3

4

5

Incidente – Ritiro di uno schermitore

Trauma o crampo – Ritiro di uno schermitore

Per

delegato della Commissione Medica o dal medico di servizio, potrà essere concessa una sosta

di 10 minuti al massimo, calcolata dal momento della constatazione da parte del medico e

strettamente destinata alle cure del

dello scadere o alla fine di tale sosta di 10 minuti, se il medico constata l’impossibilità dello

schermitore a riprendere l’assalto, egli decide il ritiro dello schermitore dalle prove individuali e/o

la sua sostituzione, se possibile, negli incontri a squadre (vedi art.

Nel seguito della

o il crampo sono diversi da quello precedente.

trauma o crampo sopravvenuti nel corso di un assalto e debitamente constatati daltrauma o del crampo che ha provocato l’interruzione. Primao.44.11.a/b).stessa giornata non potrà essere concessa una nuova sosta, solo se il trauma

In caso di

Commissione Medica o dal medico di servizio, l’arbitro infliggerà allo schermitore le sanzioni

previste dagli articoli

Negli

combattimento, potrà tuttavia, dopo la decisione dello stesso medico, disputare nella stessa

giornata incontri successivi.

La Direzione di Torneo può

andamento della gara. (vedi art.

richiesta ingiustificata di una sosta, ufficialmente constatata dal Delegato dellat.114, t.117 e t.120.incontri a squadre, lo schermitore giudicato dal medico di servizio incapace a riprendere ilmodificare l’ordine degli incontri dei gironi per assicurare il buono.16.1)

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

9

Capitolo 6

ARBITRAGGIO E GIUDIZIO DELLE STOCCATE

t.34

1

2

Il fatto di accettare una designazione sia ad arbitro o ad assessore comporta l’

impegno d’onore

del designato a rispettare ed a far rispettare i regolamenti, così come ad adempiere le proprie

funzioni con la più scrupolosa imparzialità e la massima attenzione.

Gli arbitri

torneo, quale membro della Direzione di Torneo, capitano di una squadra, osservatore ufficiale

della propria federazione nazionale, accompagnatore, ecc.

non possono cumulare la loro funzione con nessun altro ruolo all’interno dello stesso

t.35

1

2

Gli arbitri

Ogni incontro di scherma è diretto da un

stagione in corso

pagato e annunciato la loro candidatura agli esami d'arbitraggio della FIE sono autorizzati a

giudicare le competizioni di Coppa del mondo junior.

L’arbitro ha

a) fa l’

b) Ha la

c) prima di ogni assalto, l’arbitro deve

tiratori, secondo le disposizioni qui presenti.

d)

capitano di squadra o di un tiratore, procede agli esami di verifica e di localizzazione del

difetto eventualmente verificatosi. Impedisce che i tiratori contrastino le ricerche modificando

o sostituendo intempestivamente il proprio materiale.

e)

f) deve posizionarsi e spostarsi in modo da poter

qualsiasi momento l’accensione delle luci;

g)

h)

i)

j) ogni volta che lo ritiene opportuno, deve

elettrica (Cf.

arbitro titolare di licenza di arbitro FIE valida per la. Per ragioni pratiche, gli arbitri di categoria nazionale candidati che hannonumerosi compiti:appello dei tiratori (Cf. t.86.1, t.86.5/6)direzione dell’incontro;controllare le armi, l’abbigliamento ed il materiale deisorveglia il regolare funzionamento dell’apparecchio. Di sua iniziativa, o su richiesta di undirige gli assessori, i cronometristi, i cartellonisti, ecc.seguire l’assalto, potendo constatare insanziona le trasgressioni al regolamento (Cf. t.96.2)assegna le stoccate (Cf. t.40 e segg.)mantiene l’ordine (Cf. t.96.1/2/3/4);consultare i tecnici in materia di segnalazioneo.7)

t.36

1

2

3

4

Gli assessori

L’arbitro compie la sua missione con l’aiuto di un apparecchio di controllo automatico delle

stoccate con, eventualmente, l’assistenza di

della mano non armata, la sostituzione del bersaglio valido, le stoccate di spada portate a terra

nella spada, le uscite laterale e posteriori della pedana, o tutte le altre fallosità definita dal

regolamento (Cf.

L’intervento degli assessori è

due assessori che sorvegliano l’uso del braccio ot.120)obbligatorio in tutte le finali (da 4 o da 8) individuali e per la finale

(da 2) a squadre.

Gli assessori si piazzano ai due lati dell’arbitro, da una parte e dall’altra della pedana; essi

seguono tutte le fasi del combattimento

Gli assessori si devono

frazione di un incontro a squadre, in modo da non dover controllare sempre lo stesso tiratore.

.scambiare di lato a metà dell’assalto, dopo ogni intervallo, e dopo ogni

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

10

t.37

1

2

3

4

5

6

Designazione degli arbitri

Olimpiadi e Campionati del Mondo

Prove individuali

Durante il i gironi di qualificazione e nel turno preliminare, i

gli arbitri per sorteggio.

delegati all’arbitraggio designeranno

Nei gironi di qualificazione

tiratori del girone.

Nel

stabiliranno, tra gli arbitri presenti, una lista dei migliori in ciascuna arma (in base alle note che

essi hanno ottenuto nel corso della stagione).

Allo scopo di arbitrare gli assalti nell’ordine del tabellone, saranno designati 4 arbitri mediante

sorteggio tra almeno 7 o 8 arbitri, in ogni quarto del tabellone.

A seconda della progressione del tabellone, gli arbitri saranno scambiati in base ad un

criterio/ordine che dovrà essere stabilito preliminarmente.

Alla fine di ogni turno, i delegati all’arbitraggio

non sia stata soddisfacente. Questa decisione deve essere presa a maggioranza dai Delegati

all’arbitraggio presenti. Al contrario, un arbitro non sarà mai sostituito nel corso dell’assalto, salvo

casi eccezionali. In questo caso la decisione motivata sarà presa a maggioranza dai Delegati

all’arbitraggio (regola applicabile anche nelle gare a squadre).

Per la

sorteggeranno 4 arbitri tra almeno 7 o 8 che dovranno essere di nazionalità diversa rispetto a

quella di ciascun tiratore.

, l’arbitro dovrà essere di nazionalità diversa da quella di ciascuno deitabellone principale ad eliminazione diretta di ogni arma, i delegati all’arbitraggiopossono sostituire un arbitro la cui prestazionefinale a 4, i Delegati all’arbitraggio, dopo la fine del tabellone di eliminazione diretta,

10 minuti prima

l’arbitro di ciascun assalto, secondo l’ordine seguente: 1° semifinale, 2° semifinale, finale e (ai

Giochi Olimpici) finale 3° posto.

I sorteggi saranno effettuati con l’aiuto del

diretta da 64;

della finale, i Delegati all’arbitraggio sorteggeranno contemporaneamentecomputer per i gironi e fino al tabellone d’eliminazionemanualmente a partire dal tabellone di eliminazione diretta da 64.

t.38

Prove a squadre.

Le stesse regole dell’articolo t.37 sub 3/4/5/6 sono applicate nelle prove a squadre, con

arbitri

duedesignati per ogni incontro.

t.39 Prove di Coppa del Mondo

Le regole degli articoli

per le finali dall’

t.37 e t.38 precedenti sono applicabili dalla Direzione di Torneo, assistitaOsservatore ufficiale della FIE.

t.40

1

2

Giudizio delle stoccate

Materialità della stoccata

La

con la consultazione degli assessori (Cf.

Solo l’

con le luci di ripetizione, fa fede per giudicare le stoccate. Mai l’arbitro può giudicare toccato un

tiratore senza che l’apparecchio abbia segnalato regolarmente la stoccata (salvo nei casi previsti

dal Regolamento, Cf.

materialità della stoccata è constatata dopo le indicazioni dell’apparecchio, eventualmentet.36)indicazione dell’apparecchio segnalatore, manifestatasi con l’accensione delle lampade ot.49.1, e per le stoccate di penalizzazione).

t.41

per ciascuna arma (Cf.

Invece l’arbitro dovrà annullare la stoccata segnalata dall’apparecchio nei casi specifici stabilitit.53 e segg., t.66 e segg., t.73).

t.42

1

2

3

4

Validità o priorità della stoccata

Dopo l’arresto del combattimento, l’arbitro

composto l’ultima frase d’arme.

Durante le

controllare la sua decisione qualora avesse qualche dubbio.

Dopo la constatazione relativa alla materialità della stoccata l’arbitro decide,

regole

verificata nessuna stoccata (Cf.

L’arbitro eseguirà i seguenti gesti:

analizza brevemente le azioni che hannofinali, l’arbitro potrà servirsi di una ripresa televisiva (monitor) al fine diapplicando le, quale tiratore è toccato, se sono toccati tutti e due (alla spada) o se non si èt.55 e segg., t.64 e segg., t.74 e segg.).

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

11

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

12

NOTE:

1) L’arbitro analizza e spiega le sue decisioni per mezzo delle definizioni e dei gesti sopra riportati;

2) in seguito alla frase schermistica, l’arbitro impiegherà ancora le seguenti parole, senza fare

alcun gesto: “

Il gesto “

3) Gli schermidori possono, cortesemente, chiedere all’arbitro una ricostruzione più completa della

frase schermistica.

4) Ogni gesto deve avere una certa durata (1 o 2 secondi), dovrà essere espressivo ed eseguito

correttamente; nell’esempio sono eseguiti per lo schermidore a destra dell’arbitro.

Risposta!”, “Controrisposta!”.attacco” sarà utilizzato anche per le azioni di “Rimessa!”, “Ripresa!”, “Raddoppio!”.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

13

t.43

1

2

3

4

Materiale regolamentare e controllo del materiale da parte dell’arbitro

Prima dell’inizio

deve riunire i tiratori al fine di controllare (

a) In tutte le armi, che sul materiale dei tiratori siano evidenti le

FIE

b) Al fioretto, che il

in piedi, in guardia ed affondo.

c) Alla spada, che ciascuno indossi una

l’abbigliamento non presentino superfici troppo lisce.

d) Alla sciabola, che il

posizioni, in piedi, in guardia ed in affondo.

e) Alle tre armi, che ciascun tiratore indossi, sotto la divisa, una

di ogni girone, di ogni assalto, o di ogni match d’eliminazione diretta, l’arbitrot.35.2.c):etichette regolamentari della(divisa e maschera).giubbetto metallico sia conforme all’articolo m.28 nelle differenti posizioni,divisa regolamentare e che i tessuti che costituisconogiubbetto metallico sia conforme all’articolo m.34 nelle differenticorazzina protettrice

regolamentare che resista a 800 Nw.

f) Alle tre armi, che lo schermidore

elettronica

nel corso del combattimento.

Nei gironi tale verifica dovrà essere fatta al momento dell’appello dei tiratori.

Per gli assalti di eliminazione diretta e di finale tali verifiche devono essere effettuate nella

stanza di chiamata (chambre d’appel)

Gli organizzatori di ogni competizione ufficiale della FIE (Junior e Senior) devono predisporre

all’interno delle installazioni una stanza di chiamata (chambre d’appel).

Per gli

Olimpiadi

presenteranno,

situata nelle prossimità della pedana. Il loro materiale sarà controllato sotto la responsabilità della

SEMI (o dal tecnico designato per le finali di Coppa del Mondo). Se si constata un’irregolarità, il

materiale difettoso sarà immediatamente sostituito, senza penalità. Il delegato della SEMI

consegnerà i passanti, le maschere e le armi controllate all’arbitro dell’assalto.

non sia equipaggiato di apparecchi di comunicazioneche permettano a una persona al di fuori della pedana di comunicare col tiratoreassalti di eliminazione diretta e nelle finali di Campionato del Mondo e delle, ed anche nelle finali di prove di Coppa del Mondo i due tiratori di ogni assalto, si30 minuti prima dell’entrata in pedana, nella zona di controllo del materiale,10 minuti prima

dell’entrata in pedana, i tiratori si presenteranno all’arbitro designato per l’assalto. L’arbitro

consegnerà, nella zona vicino alla pedana, un passante a ciascun tiratore. Inoltre controllerà che i

tiratori indossino la corazzina regolamentare sotto la divisa.

Fino al momento di salire in pedana, l’arbitro ed i tiratori devono

pedana.

che sarà collegata al passante. Nessun controllo preliminare sarà pertanto effettuato in pedana.

Gli organizzatori dovranno prevedere uno

restare insieme, nei pressi dellaUn minuto prima dell’entrata in pedana, l’arbitro consegnerà un’arma a ciascun tiratorespazio d'attesa dove sia possibile il riscaldamento

degli atleti durante tale procedura di controllo.

t.44

1

2

3

4

5

Oltre alle misure di controllo

momento, di sua propria iniziativa o su richiesta di un tiratore o del capitano di squadra, sia

procedere egli stesso al controllo, sia verificare le misure di controllo già effettuate, che effettuare

o far effettuare anche nuove prove di controllo (

L’arbitro in ogni caso, prima di ogni assalto, controllerà la presenza dell’

qui sopra ricordate, l’arbitro dell’assalto potrà in qualsiasit.35).etichetta di garanzia

della divisa, il marchio sulla lama e sulla maschera del tiratore, l’

isolamento dei fili elettrici

nell’interno della coccia e la

dell’isolamento dei fili e la prova del peso sarà ripetuta ad ogni cambio di arma. Alle tre armi,

controllerà che il tiratore non sia provvisto di

consentano a qualcuno dall’esterno della pedana di comunicare con lo schermidore nel corso del

combattimento.

Nella spada si verificherà la

prova del peso sulla punta della spada o del fioretto. Il controlloapparecchi di comunicazione elettronica checorsa totale e la corsa residua della punta d’arresto:

mm. di spessore. Questa lamina, fornita dagli organizzatori, può avere una tolleranza di + o –

0,05 mm. Esempio: 1,45 mm – 1,55 mm.

La corsa totale introducendo nello spazio tra la punta d’arresto ed il bottone una lamina di 1,5

0,50 mm. di spessore, e premendo sulla punta d’arresto non si deve provocare lo scatto

dell’apparecchio. Questa lamina, fornita dagli organizzatori, può avere una tolleranza di + o –

0,05 mm. Esempio: 0,45 mm – 0,55 mm.

Per

La corsa residua introducendo nello spazio tra la punta d’arresto ed il bottone una lamina dii pesi necessari al controllo, vedasi m.11.3, m.19.3, m.42.2.d

Il

pedana, dal lato del tiratore in pedana.

materiale di riserva controllato sarà deposto dall’arbitro, all’inizio del combattimento, presso la

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

14

t.45

1

2

3

Materiale non regolamentare

Qualunque siano le circostanze nelle quali un tiratore si trovi in pedana munito di

conforme al Regolamento

materiale sarà immediatamente sequestrato e consegnato agli esperti in servizio per un esame. Il

materiale in questione non sarà restituito al proprietario se non dopo gli esami ai quali si dà luogo

in questi casi, le riparazioni del caso ed il pagamento delle spese. Prima del riutilizzo il materiale

sarà nuovamente controllato.

Quando un tiratore si presenta in pedana (Cf.

materiale non(m.8, m.9, m.12, m.13, m.16, m.17, m.23) o difettoso, il suddettot.86.1/2):

con una sola arma regolamentare,

con un solo passante regolamentare,

Regolamento.

con un’arma o con un passante che non funziona, o non conforme agli articoli del

senza la corazzina di protezione (Cf. t.43.1.e)

con un giubbetto metallico che non ricopre completamente il bersaglio valido,

L’arbitro gli infliggerà le sanzioni previste dagli articoli

Quando, nel corso di un assalto, si constata un’irregolarità nel materiale che può essere

intervenuta

Esempi:

con una divisa non regolamentaret.114, t.116, t.120 (primo gruppo)nel corso del combattimento:

giubbetto che presenta strappi o zone in cui le stoccate non sono segnalate,

passante o arma che non funziona,

punta che non regge più il peso,

l’arbitro non infliggerà

divenuta difettosa sarà assegnata.

Al contrario, anche nel corso del match, un tiratore la cui arma, nel momento in cui si dichiara

pronto a tirare, non rispetta le norme della

commette una infrazione del 1° gruppo e sarà sanzionato secondo gli artt.

prova dello spessore non più regolare (corsa della punta),né avvertimenti, né sanzioni e la stoccata validamente portata con l'armafreccia della lama (Cf m.8.6, m.16.2, m.23.4)t.114, t.116 e t.120.

a)

materiale usato dal tiratore:

i. non porta i

Se, al momento della presentazione in pedana o nel corso dell’assalto si constata che ilmarchi di controllo preventivi: l’arbitro

annullerà l’ultima stoccata eventualmente portata dal tiratore in difetto,

ii. non è regolamentare in merito a

infliggerà al tiratore in difetto le sanzioni previste agli articoli

gli infliggerà le sanzioni previste dagli articoli t.114, t.117, t.120;parti non soggette al controllo preliminare: l’arbitrot.114, t.116, t.120.

iii. È stato approvato dal controllo preventivo,

ma risulta manomesso.

iv. riporta

v. si è operato in maniera di

funzionamento dell’apparecchio.

vi. È munito di

al di fuori della pedana di comunicare col tiratore nel corso del combattimento,

In uno dei casi

passante, eventualmente il giubbetto metallico, maschera, ecc) e farlo esaminare dal tecnico di

servizio.

marchi del controllo preventivo imitate o contraffatte.provocare irregolarmente la registrazione di stoccate o il nonequipaggiamenti di comunicazione elettronica che permettono a una personaiii) iv) v) ed vi), l’arbitro deve immediatamente sequestrare il materiale (arma,

4

b)

Campionati del Mondo), dopo aver fatto le constatazioni del caso (Cf. m.33 e segg.), l’arbitro

applicherà le

Dopo aver consultato l’esperto (il membro della SEMI nelle prove delle Olimpiadi e neisanzioni seguenti senza pregiudizio dell’applicazione dell’articolo t.96.2/4:

infrazioni del

nei casi iii), iv), v) e vi) l’arbitro infliggerà al tiratore colpevole le sanzioni previste per le4° gruppo dagli articoli t.114, t.119, t.120.

c)

continuare.

In attesa del giudizio dell’arbitro, l’assalto è sospeso, ma gli altri assalti del girone possono

Ogni tiratore deve presentarsi in pedana con una divisa regolamentare, nel modo seguente

a) nome e nazionalità regolamentari sulla schiena della divisa (norma valida in tutte le

competizioni ufficiali della FIE, a qualsiasi livello e fase di gara)

b) emblemi della divisa nazionale (

i. Campionato del Mondo e Campionato del Mondo Giovani/Cadetti, in tutti gli assalti, nei

gironi, nell’eliminazione diretta e nelle gare a squadre;

ii. Gare di Coppa del Mondo Seniores individuali, in tutti gli assalti di eliminazione diretta

:m.25.3) nei seguenti casi:

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

15

5

dal tabellone eliminatorio a 64;

iii. Gare di Coppa del Mondo a squadre, in tutti gli assalti di tutti gli incontri;

In caso di violazione di questa regola:

Per le gare menzionate nei punti

potrà più partecipare alla prova.

Per le gare menzionate nel punto

i) e iii) precedenti, l’arbitro eliminerà il tiratore in difetto, che nonii) precedente, l’arbitro sanzionerà il tiratore in difetto con un

cartellino rosso

diritto di restare in pedana e di disputare il relativo assalto.

La stessa sanzione è ugualmente applicabile per l’assenza del nome e della nazionalità

regolamentari sul dorso della divisa nelle gare di Coppa del Mondo Juniors e nelle gare di Coppa

del Mondo individuale prima del tabellone da 64, e nei Campionati di Zona (continentali)

In caso di non conformità del giubbetto elettrico, il tiratore dovrà indossare un giubbetto di riserva

regolamentare. Se tale giubbetto non riporta il nome e la nazionalità del tiratore sul dorso, il

tiratore avrà a disposizione il tempo sino alla fase successiva della gara per farli stampare (dal

tabellone di 64 a quello di 32, ecc.). Altrimenti, salvo casi di forza maggiore, l’arbitro eliminerà il

tiratore in difetto, che non potrà più partecipare alla gara.

(art. t.114, t.117, t.120 del 2° gruppo). Comunque, il tiratore colpevole ha il

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

16

IL FIORETTO

CONVENZIONI DEL COMBATTIMENTO

MODO DI PORTARE LE STOCCATE

t.46

1

2

Il fioretto è un’arma esclusivamente

con la punta e solo con la punta.

È severamente proibito durante il combattimento (tra l’ ”A voi” e l’ “Alt”),

di punta. L’azione offensiva di tale arma si esercita, pertanto,appoggiare o trascinare

la punta dell’arma sulla pedana metallica. È anche proibito, in ogni momento,

sulla pedana. Ogni infrazione sarà punita secondo gli art.

raddrizzare la lamat.114, t.116 e t.120.

BERSAGLIO VALIDO

t.47

1

2

Limitazione del bersaglio valido

Sono valide solo le stoccate portate sul bersaglio cosiddetto

valido.

Il

sommità del collo, fino a 6 centimetri al di sopra della sommità delle clavicole; sul lato, alle

cuciture delle maniche, che dovranno passare dalla punta dell’omero; verso il basso seguendo

una linea che passa orizzontalmente per il dorso, per la sommità delle anche e che di là

raggiunge, per una linea diritta, il punto di unione delle pieghe degli inguini.

altresì la bavetta (gorgiera) al di sotto di una linea orizzontale tracciata tra 1,5 e 2 cm sotto

il mento e che, in ogni caso, non può mai essere più bassa della linea delle spalle.

bersaglio valido esclude gli arti e la testa. Esso è limitato al tronco e s’arresta, verso l’alto, allaEsso comprende

t.48

Bersaglio non valido

Una stoccata che arriva in

considerata stoccata valida, ma arresta la frase schermistica e pertanto annulla ogni stoccata

portata successivamente (vedi art.

bersaglio non valido (sia direttamente che per effetto di parata), non èt.49)

t.49

1

2

Estensione del bersaglio valido

Ciononostante, le stoccate che arrivano su una superficie del corpo non valida sono considerate

valide quando, per una

valida, il bersaglio valido.

L’arbitro può chiedere l’aiuto d’assessori, ma deve decidere

no.

posizione anormale, lo schermitore ha sostituito con una superficie nonda solo se la stoccata è valida oppure

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

17

GIUDIZIO DELLA STOCCATA

t.50

Le prove sono giudicate con l’aiuto dell’apparecchio elettrico di segnalazione delle stoccate

MATERIALITÀ DELLA STOCCATA

t.51

Per giudicare la materialità della stoccata, solo l’indicazione dell’apparecchio elettrico fa fede.

L’arbitro non può dichiarare toccato un tiratore

segnalato la stoccata. (salvo i casi previsti dal Regolamento art.

penalizzazione).

senza che l’apparecchio abbia regolarmentet.49.1 e per le stoccate di

t.52

a) Se è stata portata una

valida portata successivamente dalla stessa parte;

b) L’apparecchio non segnala se vi è

segnala come simultanee.

Nell’utilizzazione dell’apparecchio bisogna tenere presente che:stoccata non valida, l’apparecchio non registra un’eventuale stoccatapriorità cronometrica tra due o più stoccate, ma le

ANNULLAMENTO DELLA STOCCATA

t.53

1

2

3

L’arbitro

non terrà conto delle segnalazioni che risultino da stoccate:

lanciate prima dell’ “A voi” o dopo l’ “Alt”. (art. t.18.1/3)

Il tiratore che

suolo o su di una superficie qualsiasi al di

art.

È proibito al tiratore di mettere una

metallico allo scopo di provocare il blocco dell’apparecchio ed evitare così di essere toccati.

Se è stata commessa tale infrazione, l’arbitro infliggerà allo schermitore falloso le sanzioni previste

dagli art

annullata.

che abbiano urtato oggetti al di fuori dell’avversario o del suo materiale (art. t.41).volontariamente provocherà una segnalazione poggiando la punta del fioretto alfuori dell’avversario, riceverà le sanzioni previste daglit.114, t.117 e t.120.parte non isolata dell’arma in contatto con il giubbetto. t.114, t.116 e t.120. La stoccata eventualmente portata dallo schermitore colpevole sarà

t.54

1

2

L’arbitro dovrà fare attenzione agli

a) deve

una stoccata valida (lampadina colorata) se si accorge che, dopo alcune prove effettuate sotto

la sua attenta sorveglianza, prima della ripresa effettiva del combattimento (prima del

comando “A voi”) e senza che nessun materiale sia stato sostituito in sua presenza (

eventuali guasti del materiale elettrico, specialmente:annullare la stoccata che ha eventualmente accordato in seguito alla segnalazione dit.35.2.d)

stoccata effettivamente valida;

sia che un segnale “valido” sul tiratore dichiarato toccato si produca senza che vi sia

nessun segnale;

sia che una stoccata “non valida” data dal tiratore dichiarato toccato non provochi

segnale, né valido, né non valido;

sia che una stoccata “valida” data dal tiratore dichiarato toccato non provochi nessun

dall’apparecchio.

b) Viceversa, se l’arbitro ha accordato la priorità alla stoccata di un tiratore,

annullamento

dichiarato toccato è stata registrata come non valida o se l’arma del tiratore dichiarato toccato

dà una segnalazione non valida in permanenza.

c) Se il

sarà applicabile nel caso che un segnale sia provocato per una stoccata in superficie non

valida.

L’arbitro, inoltre, deve applicare le seguenti regole:

a) solo

b) il tiratore che, senza aver avuto il permesso dell’arbitro, ha proceduto a

sostituzioni del suo materiale

diritto all’annullamento di una stoccata (vedi

c) se c’è stata una

l’annullamento di una stoccata subita prima della ripresa;

d) la

stessi) non da diritto ad un annullamento della stoccata;

sia che le segnalazioni provocate dal tiratore dichiarato toccato non restino registratenon ci saràse si accorgerà, dopo le prove, che una stoccata valida portata dal tiratoremateriale di un tiratore non è conforme agli articoli m.27 e m. 28.3, l’annullamento nonl’ultima stoccata precedente alla constatazione di un difetto può essere annullata;modifiche o, prima che l’arbitro abbia preso una decisione, perde qualsiasit.35.d);ripresa effettiva de combattimento un tiratore non può più reclamarelocalizzazione di un guasto constatata nell’attrezzatura (compresa quella dei tiratori

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

18

3

4

5

6

e) non è necessario che

dubbio constatato anche una sola volta dallo stesso arbitro nel corso di prove eseguite da lui o

sotto la sua sorveglianza;

f) il fatto che il tiratore segnalato toccato abbia

stoccata portata su di lui dal suo avversario, a meno che la rottura della lama accada

nettamente dopo la registrazione della stoccata;

g) l’arbitro deve prestare la massima attenzione alle

maniera anormale

il membro della Commissione SEMI, se presente, o il tecnico delle armi in servizio, al fine di

verificare se il materiale è conforme al Regolamento.

h) L’arbitro dovrà stare attento che

tiratori, né nel complesso del materiale elettrico, prima del controllo del tecnico.

In tutti i casi in cui la verifica sia resa impossibile a causa di casi fortuiti, la stoccata sarà

considerata

Se l’apparecchio segnala

l’arbitro non può accertare la priorità, egli deve rimettere gli schermitori in guardia

In applicazione delle regole generali (vedi

l’arbitro deve

analizzare la frase schermistica.

L’arbitro deve sorvegliare sempre lo

match se la pedana presenta strappi o difetti tali da turbare il buon andamento del match (Gli

organizzatori devono prendere le misure necessarie per permettere la riparazione dei guasti il più

rapidamente possibile o la sostituzione rapida del materiale difettoso).

il guasto si ripeta ad ogni prova, ma è sufficiente che sia senzaspezzato la lama, motiva l’annullamento dellastoccate non registrate o segnalate indall’apparecchio. In caso di ripetizione di queste anomalie dovrà chiamarenon venga modificato niente, né nell’equipaggiamento deidubbia e pertanto annullata.due stoccate simultanee dalle parti di tutte e due gli schermitori et.18.5) anche se nessun segnale è stato registrato,arrestare il combattimento se questo diventa confuso e se non è più in grado distato della pedana metallica; non potrà far continuare il

VALIDITÀ O PRIORITÀ DELLA STOCCATA

t.55

Nota preliminare

Solo l’arbitro

seguono e che costituiscono le convenzioni tipiche del fioretto.

deve decidere la validità o la precedenza della stoccata, applicando le regole che

t.56

1

2

3

Rispetto della frase schermistica

Ogni

parata o completamente schivata e la frase deve essere continua, cioè coordinata (vedi

Per giudicare la

a) L’

distensione del braccio, la punta minacciante il bersaglio valido, preceda l’inizio dell’azione

d’affondo o di flèche.

b) L’

in occasione della prima finta, la punta minaccia il bersaglio valido, senza accorciare il braccio

durante l’esecuzione dei movimenti successivi dell’attacco e l’inizio dell’azione d’affondo o

della flèche.

c)

quando la distensione del braccio precede la fine del passo avanti e l’inizio dell’azione

d’affondo o di flèche.

d) Un’azione, semplice o composta, la marcia o le finte

non sono da considerarsi come un attacco, ma come una preparazione e pertanto sono

esposte al pericolo di un’azione offensiva o difensiva/offensiva (vedi

Per giudicare la

che:

a) Se l’attacco parte quando l’

una botta dritta, o con una cavazione, o con un coupé, o può essere preceduto da una battuta

o da finte efficaci che obblighino l’avversario alla parata.

b) Se l’attacco parte quando

l’arma avversaria. Gli arbitri dovranno stare attenti a non giudicare un semplice incontro del

ferro come sufficiente per deviare il ferro dell’avversario. (vedi

c) Se, cercando il ferro avversario per deviarlo, l’attaccante non lo trova (

la priorità passa all’avversario.

d) Il

dell’avversario ha la precedenza.

attacco, vale a dire ogni azione offensiva iniziale, correttamente eseguita, deve esseret.7.1)correttezza di un attacco, bisogna considerare che:attacco semplice, diretto o indiretto (vedi art. t.8.1) è correttamente eseguito quando laattacco composto (vedi art. t.8.1) è correttamente eseguito quando distendendo il braccioL’attacco di passo avanti-affondo o di passo avanti e flèche è correttamente eseguitoeseguite con il braccio raccorciato,t.8.1/3) dell’avversario.priorità di un attacco nell’analisi di una frase schermistica, bisogna osservareavversario non è in linea (vedi t.10), può essere portato o conl’avversario è in linea (vedi t.10), chi attacca deve prima deviaret.60.5.a)cavazione in tempo),passo avanti è una preparazione e su questa preparazione ogni attacco semplice

t.57

La parata dà diritto alla risposta: la risposta semplice può essere diretta o indiretta, ma per

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

19

annullare ogni azione successiva dell’attaccante deve essere eseguita immediatamente, senza

indecisione o tempo d’arresto (sospensione).

t.58

risposta.

In un attacco composto, se l’avversario trova ferro durante una delle finte acquista diritto alla

t.59

precedere di un tempo schermistico la fine dell’attacco, cioè l’arresto deve toccare prima che

l’attaccante abbia cominciato l’ultimo movimento della finale dell’attacco.

Negli attacchi composti, l’avversario ha diritto all’arresto, ma perché questo sia valido deve

t.60

1

2

3

4

5

6

Giudizio

In applicazione di questi principi fondamentali del fioretto, l’arbitro deve giudicare come segue:

quando, in una frase schermistica, i tiratori sono

un’azione simultanea, o ad un colpo doppio.

L’

parte di ambo gli schermitori; in questo caso le stoccate date sono annullate per entrambi gli

schermidori, anche se un dei due ha dato una stoccata in bersaglio non valido.

Il

Pertanto, se non c’è un tempo schermistico tra le due stoccate si avrà:

toccati simultaneamente si ha luogo o adazione simultanea è dovuta alla concezione ed all’azione contemporanea di un attacco dacolpo doppio, al contrario, è la conseguenza di un’azione sbagliata di uno dei due tiratori.

L’attaccato è il solo toccato:

a) se

b) se invece di parare tenta di

c) se, dopo essere riuscito a parare, ha un

all’avversario di riprendere l’attacco (raddoppio, rimessa o ripresa d’attacco);

d) se, su un attacco composto,

schermistico;

e) se, essendo

tira o rimette il suo ferro in posizione di linea, invece di parare un colpo direttamente portato

dall’attaccante.

arresta su un attacco semplice;schivare senza riuscirci;momento di sospensione che dà dirittoesegue un arresto senza aver il vantaggio di un tempoin linea (vedi t.10), dopo una battuta o una presa di ferro che devia la sua arma,

l’attaccante è il solo toccato:

a) se,

avversario. Gli arbitri dovranno essere attenti che un lieve incontro del ferro non sia

considerato sufficiente a deviare il ferro dell’avversario.

b) se cerca il ferro, non lo trova (per una

c) se, in un attacco composto nel corso del quale l’avversario

l’attacco mentre l’avversario risponde immediatamente;

d) se, in un attacco composto, ha un

un colpo d’arresto e poi l’attaccante continua il suo attacco;

e) se, in un attacco composto, l’attaccante

anticipo rispetto al movimento finale;

f) se l’attaccante tocca di rimessa, raddoppio o ripresa d’attacco, su una

seguita da una risposta immediata

braccio.

quando l’avversario è in linea (vedi t.10), l’attacco parte senza deviare il ferrocavazione in tempo) e continua l’attacco;ha trovato il ferro, continuamomento di esitazione durante il quale l’avversario portasubisce un arresto con un tempo schermistico diparata dell’avversario,, semplice, eseguita in un solo tempo e senza ritirare il

I tiratori sono rimessi in guardia

grado di giudicare da che parte è stato commesso l’errore.

Uno dei casi più difficili da giudicare si presenta quando vi è un colpo d’arresto che lasci il dubbio

se vi sia o no un vantaggio sufficiente sulla finale di un attacco composto.

In generale in questo caso, il colpo doppio è la conseguenza di un errore simultaneo dei due

tiratori, ciò che giustifica una rimessa in guardia (errore dell’attaccante per un attimo d’indecisione,

per lentezza o per finte insufficientemente efficaci ed errore dell’attaccato per un ritardo, o per

lentezza nel colpo d’arresto).

, ogni volta che l’arbitro, dopo un colpo doppio, non è stato in

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

20

LA SPADA

CONVENZIONI DEL COMBATTIMENTO

MODO DI PORTARE LE STOCCATE

t.61

1

2

La spada è un’arma esclusivamente

punta e solo con la punta.

Durante il combattimento (tra l’ “A voi” e l’ “Alt”) è proibito

della’arma sulla pedana metallica. È ugualmente proibito, in qualsiasi momento,

lama sulla pedana.

Tale infrazione sarà punita con gli articoli

di punta. L’azione offensiva di quest’arma si esercita con laappoggiare o trascinare la puntaraddrizzare lat.114, t.116 e t.120.

BERSAGLIO VALIDO

t.62

l’equipaggiamento. Perciò ogni stoccata arrivata è assegnata, qualunque sia la parte del corpo

(tronco, arti o testa), dell’abbigliamento o dell’equipaggiamento che è stata colpita. (Vedi disegno)

Il bersaglio valido comprende tutto il corpo dello schermitore, compresa la sua divisa e tutto

CORPO A CORPO E FLECHES

t.63

1

2

3

4

Lo schermitore che, sia con una flèche, sia portandosi decisamente in avanti, provoca, anche più

volte consecutive, il

fondamentali del combattimento di spada, né commette alcuna irregolarità (vedi art.

Il tiratore che

l’avversario, riceve le sanzioni previste dagli articoli

Non bisogna confondere

tratta in quest’articolo con

quale a tutte e tre le armi è considerata un

corpo a corpo (senza brutalità né violenza) non trasgredisce le convenzionit.20.1/3, t.25)provoca il corpo a corpo volontariamente per evitare una stoccata, o che urtat.114, t.116 e t.120.la “flèche che finisce sistematicamente in un corpo a corpo” di cui sila “flèche che termina in uno scontro che urta l’avversario”, laatto brutale volontario e come tale punita. (vedi

t.87.2

Viceversa, la

proibita: l’arbitro non deve dare l’ “Alt” troppo presto per non annullare l’eventuale risposta; se

eseguendo questo tipo di flèche, senza aver toccato l’avversario, il tiratore supera uno dei limiti

laterali della pedana, deve essere sanzionato come previsto dall’art

GIUDIZIO DELLA STOCCATA

t.64

1

2

, t.120)“flèche eseguita correndo al di là dell’avversario” e senza corpo a corpo non è. t.28.3

Le prove di spada sono giudicate con l’aiuto dell’

stoccate.

Quando i due tiratori sono toccati e l’apparecchio segnala validamente le due stoccate, si avrà il

apparecchio elettrico di segnalazione dellecolpo doppio”, cioè una stoccata per ciascuno.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

21

t.65

Regola fondamentale

Per giudicare la materialità della stoccata,

solamente l’indicazione dell’apparecchio

segnalatore fa fede. L’arbitro non potrà dichiarare toccato uno schermitore senza che

l’apparecchio abbia regolarmente registrato la stoccata (salvo per le stoccate di penalizzazione).

t.66

1

2

Annullamento delle stoccate

Nel giudicare, l’arbitro non deve tenere conto delle segnalazioni dovute a colpi:

lanciati prima dell’ “A voi” e dopo l’ “Alt” (vedi t.18.1/3);

provocati da un incontro tra le punte delle spade o per una botta che colpisca il terreno

fuori dalla pedana isolata;

o che tocchi oggetti qualsiasi esterni all’avversario, compreso il suo equipaggiamento (vedi

t.36.1

Il tiratore che,

e t.67/e)volontariamente, provocherà una segnalazione toccando una qualsiasi superficie

esterna all’avversario

, subirà le sanzioni previste dagli articoli t.114, t.117 e t.120.

t.67

stoccata registrata nei casi seguenti:

a) se un

metallica

b) se una

l’accensione dell’apparecchio;

c) se l’apparecchio s’

toccato, per esempio a seguito di una battuta sul ferro o per qualsiasi movimento

dell’avversario, o per qualsiasi altra causa diversa da una stoccata regolare;

d) se la segnalazione di una stoccata portata dal tiratore indicato toccato,

un’ulteriore stoccata dell’avversario.

e) Casi particolari:

L’arbitro deve tenere conto dei eventuali guasti del materiale elettrico ed annullare l’ultimacolpo portato sulla coccia del tiratore segnalato come toccato o sulla pedana, provoca l’accensione dell’apparecchio;stoccata regolamentare portata dallo schermitore segnalato toccato non provocaaccende intempestivamente dalla parte dello schermitore segnalatorisulta annullata da

fuori dell’avversario art.

Se si verifica un colpo doppio per una stoccata valida ed una non valida (stoccata al dit.66.1, stoccata portata dopo aver abbandonato la pedana art.

t.26 e seg.

), si annulla solamente la stoccata non valida.

dell’apparecchio elettrico), il tiratore che ha portato la stoccata certa può scegliere di

accettare il colpo doppio o di farselo annullare.

Se si verifica un colpo doppio per una stoccata certa ed una dubbiosa (guasto

t.68

a) Solo

solamente se il tiratore dato come toccato è svantaggiato da tale guasto.

b) Il

combattimento, sotto la sorveglianza dell’arbitro e senza cambiare nulla del materiale

utilizzato.

c) In tali esami, si deve solo constatare se esiste la

giudizio a causa di un guasto. La

elettrico, compreso l’equipaggiamento personale dell’uno o dell’altro dei tiratori, è senza

importanza per il giudizio.

d) Il tiratore che, senza essere invitato dall’arbitro, proceda a

materiale, prima che il giudizio sia reso, perde il diritto all’annullamento (vedi

Ugualmente, dopo la rimessa in guardia e dopo la ripresa effettiva del combattimento, un

tiratore non può più chiedere l’annullamento di una stoccata segnalata su di lui prima della

ripresa del combattimento.

e) Non è necessario, per l’annullamento di una stoccata, che il

ciascun colpo, ma è necessario che sia constatato, con certezza, almeno una volta

dall’arbitro.

f) Se gli incidenti segnalati dall’art.

contatto del passante del tiratore (sia presso la mano, sia sul dorso del tiratore), essi non

possono dar luogo all'annullamento della stoccata segnalata. Tuttavia, se il dispositivo di

sicurezza prescritto dall’art.

concesso nel caso di distacco della spina sul dorso del tiratore.

L’arbitro deve inoltre applicare le seguenti regole d’annullamento delle stoccate:l’ultima stoccata che precede la constatazione del guasto può essere annullata, eguasto deve essere constatato da esami fatti immediatamente dopo l’arresto delpossibilità materiale di un errore neldeterminazione di tale guasto nell’insieme del materialemodificare o cambiare il suot.35.2.d).guasto segnalato si ripeta at.67 si producono a seguito del distacco delle prese dim.55.4 non funziona o non esiste, l’annullamento deve essere

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

22

g) Il fatto che la spada di un tiratore presenti sulla coccia, sulla lama o altrove,

macchie isolanti

più o meno diffuse, formate da ossido, colla, pittura o altra materia, sulle quali le stoccate

avversarie possono provocare un segnale, così come il

punta della lama in modo tale, cioè, da poter essere avvitato o svitato con l’uso delle mani,

non può costituire motivo d’annullamento di stoccate a carico di quel tiratore.

h) Il fatto che il tiratore segnalato come toccato si trovi ad aver

l’annullamento della stoccata su di lui portata da parte dell’avversario, a meno che la rottura

non si sia verificata nettamente dopo la registrazione della stoccata.

i) Nel caso in cui, per un colpo a terra, un tiratore

il segnale si accende dal suo lato, la stoccata deve essere annullata.

j) In tutti i casi in cui la verifica divenga impossibile a seguito di un caso fortuito, la stoccata sarà

considerata

k) L’arbitro deve essere molto attento alle stoccate

anomale

membri della Commissione SEMI presenti o ad un esperto tecnico in servizio, in modo da

verificare se il materiale è consono al Regolamento.

L’arbitro dovrà stare attento affinché

dello schermitore, sia nell’apparecchio elettrico prima del controllo dell’esperto.

bottone elettrico mal fissato sullarotto la lama, motivastrappa la pedana metallica, e nel contempodubbia e annullata (ma vedi t.67.e)non registrate o registrate in mododall’apparecchio. Nel caso in cui tali difetti si ripetano, l’arbitro deve far appello ainon venga modificato nulla sia nell’equipaggiamento

t.69

l’assalto si inizi o si continui se la pedana presenta strappi che possano alterare la

registrazione o provocare incidenti. (Gli organizzatori dovranno prendere le misure

necessarie per provvedere alla riparazione o alla tempestiva sostituzione delle pedane

metalliche).

L’arbitro dovrà, inoltre, sorvegliare lo stato della pedana metallica; non ammetterà che

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

23

LA SCIABOLA

CONVENZIONI DEL COMBATTIMENTO

MODO DI PORTARE LE STOCCATE

t.70

1

2

3

4

5

6

La sciabola è un’

Tutti i colpi portati di

(colpi di taglio e controtaglio).

È proibito

deve essere annullata ed il tiratore che ha messo questa botta deve essere penalizzato con le

sanzioni di cui agli art.

I colpi di punta che

(colpi passati – punta che va fuori) non contano.

I colpi

dell’avversario sono validi ogni volta che arrivano nettamente sul bersaglio.

È proibito in qualsiasi momento

secondo gli art

arma di punta, taglio e controtaglio.taglio, di piattonata o di controtaglio sono considerati come stoccate valideportare colpi con la coccia. Ogni stoccata provocata da un colpo portato con la cocciat.114, t.116 e t.120.scivolano sulla superficie valida o i colpi che sfiorano il corpo dell’avversarioattraverso il ferro, cioè quelli che toccano nel contempo la superficie valida e la sciabolaraddrizzare la lama sulla pedana. Ogni infrazione sarà punita. t.114, t.116 e t.120.

BERSAGLIO VALIDO

t.71

Il

passa dagli angoli formati dalle cosce e dal tronco del tiratore nella posizione “in guardia” (vedi il

disegno)

Contano solo le stoccate portate sul bersaglio valido.bersaglio valido comprende ogni parte del corpo posta al di sopra della linea orizzontale che

t.72

1

2

Una stoccata che arriva al di

non arresta la frase schermistica e non annulla le stoccate che seguono.

Se il tiratore

copertura che con un movimento anormale, l’arbitro applicherà le sanzioni previste dagli articoli

fuori del bersaglio valido non è considerata come stoccata; essasostituisce una superficie valida con una non valida, sia per mezzo di una

t.114, t.116

e t.120 e la stoccata eventualmente portata dal tiratore famoso sarà annullata.

GIUDIZIO DELLA STOCCATA

MATERIALITÀ ED ANNULLAMENTO DELLA STOCCATA

t.73

1

2

Le prove alla sciabola sono giudicate con l’ausilio di un apparecchio elettrico segna-stoccate.

Per giudicare

fede. L’arbitro non potrà dichiarare toccato uno schermitore, senza che l’apparecchio abbia

registrato regolarmente la stoccata ad eccezione delle stoccate di penalizzazione. Non si terrà,

inoltre, conto delle stoccate lanciate prima dell’ “A voi” e dopo l’ “Alt”. (vedi

L’arbitro deve tenere conto dei

che stava per attribuire in seguito alla segnalazione dell’apparecchio, se egli constata, dopo

controlli effettuati sotto la sua scrupolosa sorveglianza, prima di ogni

combattimento e senza che sia stato cambiato alcunché nei confronti del materiale utilizzato in

tale occasione (vedi art.

la materialità della stoccata solo l’indicazione dell’apparecchio segna-stoccate fat.18.1/3).possibili guasti del materiale elettrico, annullando la stoccataripresa effettiva delt.35/d):

sia che una stoccata data dal tiratore dichiarato toccato non provochi un segnale di stoccata;

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

24

3

4

sia che il segnale provocato dal tiratore dichiarato toccato non resti fissato sull’apparecchio;

effettivamente una stoccata o che tale segnale sia stato provocato da una stoccata sulla

coccia o su di una superficie non valida.

Se la

(isolamento dell’interno e dell’esterno della coccia, dell’impugnatura e del pomolo) non ci sarà

annullamento, anche se una stoccata vibrata sull’arma provoca il segnale.

L’arbitro, inoltre, dovrà applicare le seguenti regole:

a) solo l’

b) il tiratore che, senza essere autorizzato dall’arbitro, procede a

materiale, prima che l’arbitro abbia espresso la sua decisione, perde ogni diritto

all’annullamento della stoccata (vedi

c) dopo una

l’annullamento di una stoccata accordata contro di lui prima della ripresa del combattimento;

d) la

due tiratori stessi) non da diritto ad un annullamento automatico della stoccata;

e) non è necessario che il difetto constatato

stato constatato con certezza almeno una volta dall’arbitro nel corso di prove eseguite da lui

stesso o sotto la sua direzione;

f) il fatto che il tiratore segnalato come toccato abbia

l’annullamento della stoccata portata su di lui dal suo avversario, a meno che la rottura della

lama sia avenuta nettamente dopo la segnalazione della stoccata;

g) l’arbitro deve essere molto attento alle

anormale

membro della Commissione SEMI, se presente, o del tecnico delle armi in servizio, al fine di

controllare se il materiale è conforme al Regolamento;

h) in tutti i casi in cui una verifica sia resa impossibile per casi fortuiti, la stoccata sarà

considerata

i) Se si accendono i

di cui all’art

j) In applicazione della regola generale (vedi

segnalazione, l’arbitro dovrà arrestare il

più possibile analizzare la frase schermistica.

sia che un segnale di stoccata sul tiratore dichiarato toccato si produca senza che ci siasciabola del tiratore segnalato come toccato non è conforme all'art. m.24.6/7/8,ultima stoccata precedente la constatazione del difetto può essere annullata;modifiche o cambi del propriot.35.2.d)ripresa effettiva del combattimento, un tiratore non può più pretendereconstatazione di un difetto riscontrato nel materiale elettrico (compreso il materiale deisi ripeta ad ogni prova; ma bisogna che esso siaspezzato la sua lama motivastoccate non segnalate o segnalate in manieradall’apparecchio. Nel caso del ripetersi di difetti, deve richiedere l’intervento deldubbia e pertanto annullata;due segnali da ambo i lati dell’apparecchio, l’arbitro applicherà le regole. t.80.t.18.5), anche se non è stato registrata alcunacombattimento se questo diviene confuso e non è

VALIDITÀ O PRIORITÀ DELLA STOCCATA

t.74

Nota preliminare

Solo all’arbitro

principi che seguono, i quali costituiscono le convenzioni proprie dell’arma della sciabola.

ha il diritto di decidere circa la validità o la priorità della stoccata, applicando i

t.75

1

2

3

4

5

Rispetto della frase schermistica

Ogni

la frase schermistica deve essere continua.

L’

taglio della lama che minaccia costantemente il bersaglio valido, precede l’inizio dell’affondo.

attacco correttamente eseguito (vedi t.7) deve essere parato o completamente schivato eattacco è correttamente eseguito quando la distensione del braccio, con la punta o con il

L’attacco con affondo è correttamente eseguito:

a) per un

precede lo slancio di affondo

la pedana;

b) per un

momento della prima finta

arriva, al più tardi, quando il piede anteriore tocca la pedana

“attacco semplice” (vedi t.8.1) quando l’inizio di allungamento del braccioed il colpo arriva, al più tardi, quando il piede anteriore tocca“attacco composto” (vedi t.8.1) quando l’inizio di allungamento del braccio al(vedi art. t.77.1), precede lo slancio di affondo ed il colpo;

L’attacco per passo-avanti e affondo è correttamente eseguito:

a) per un

precede il passo-avanti

pedana

“attacco semplice” (vedi t.8.1) quando l’inizio di allungamento del braccioed il colpo arriva, al più tardi, quando il piede anteriore tocca la;

b)

presentazione corretta della prima finta (vedi

dall’affondo e

per un “attacco composto” (vedi t.8.1) quando l’inizio di allungamento del braccio, nellat.77.1) è seguito dal passo-avanti, poiil colpo arriva, al più tardi, quando il piede anteriore tocca la pedana.

Il passo in avanti, la flèche

il piede anteriore sono proibiti

e tutti i movimenti in avanti del piede posteriore che oltrepassino. Ogni infrazione comporterà l’applicazione delle sanzioni previste

dalle infrazioni del 1° gruppo

tiratore che ha commesso l’infrazione sarà annullata. La stoccata, invece, correttamente portata

dall’avversario sarà considerata valida.

(t.114, t.116 e t.120). La stoccata eventualmente portata dal

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

25

t.76

Per giudicare la correttezza di un attacco occorre considerare:

a)

l’attaccante deve prima deviare l’arma dell’avversario. Gli arbitri devono stare attenti affinché

un semplice sfioramento del ferro non sia considerato sufficiente per deviare il ferro

dell'avversario.

Se l’attacco parte quando l’avversario è nella posizione “punta in linea” (vedi t.10),

b)

diritto all’azione passa all’avversario.

Se, nella ricerca del ferro avversario per deviarlo, non lo si trova (cavazione in tempo) il

c)

essere portato o con un colpo dritto, o con una cavazione, o con un coupé, o essere

preceduto da finte (vedi

Se l’attacco parte quando l’avversario non è in posizione “punta in linea”, l’attacco puòt.77.1) che obblighino l’avversario alla parata.

t.77

1

2

3

Negli

a) la

superficie valida;

b) la

ottuso di circa 135°, la lama di taglio che minaccia una superficie valida.

In un attacco composto, se l’avversario

risposta.

In un attacco composto l’avversario ha diritto d’arrestare; ma per essere valido, l’arresto deve

precedere la finale dell’attacco di un “tempo schermistico”, vale a dire che l’

prima che l’attaccante abbia cominciato l’ultimo movimento della finale dell’attacco.

attacchi composti le finte devono essere eseguite correttamente, vale a dire:finta del colpo di punta: il braccio che si distende, la punta che minaccia costantemente lafinta del colpo di taglio: il braccio in distensione, la lama ed il braccio facenti un angolotrova ferro durante una delle finte, ha diritto allaarresto deve toccare

t.78

a) in un attacco per battuta sul ferro, tale attacco è correttamente eseguito e conserva la sua

priorità quando la battuta è fatta sulla

superiori di questa;

b) in un attacco eseguito per battuta sul ferro, quando la battuta è eseguita

avversaria

all’avversario la priorità della risposta immediata.

Attacco per battuta sul ferro:parte debole della lama avversaria, cioè sui 2/3sul forte della lama, cioè sul 1/3 inferiore di quest’ultima, tale attacco è mal eseguito e la battuta offre

t.79

1

2

La parata dà diritto

annullare ogni azione successiva dell’attaccante, deve essere eseguita immediatamente, senza

indecisione o sospensione.

Contro i

superficie valida verso la quale sono diretti i colpi dell’avversario, pertanto:

a) la parata è

impedisce l’arrivo del colpo avversario, chiudendo la linea nella quale tale azione offensiva

deve terminarsi;

b) quando una parata è correttamente eseguita, l’azione offensiva dell’avversario deve essere

considerata parata e giudicata come tale dall’arbitro stesso, anche se,

flessibilità della lama

alla risposta; la risposta semplice può essere diretta o indiretta, ma percolpi di taglio, controtaglio e piattonata, la parata ha lo scopo d’impedire l’accesso allacorrettamente eseguita quando, prima della finale dell’azione offensiva, essaper effetto della, l’estremità di questa va a toccare il bersaglio verso cui era diretta.

t.80

1

2

3

4

Giudizio

In applicazione di tali convenzioni fondamentali dell’arma della sciabola, l’arbitro deve giudicare

come segue:

Quando, in una frase schermistica, i tiratori sono ambedue toccati simultaneamente, si può avere

o

“l’azione simultanea” o il “colpo doppio”.

La prima è dovuta alla concezione ed all’azione simultanea d’attacco dei due tiratori; in tal caso i

colpi dati sono annullati ad entrambi.

Il colpo doppio, al contrario, è la conseguenza di un’azione nettamente sbagliata di uno dei tiratori.

Di conseguenza, se non vi è un tempo schermistico tra i due colpi, si avrà:

l’attaccato è il solo toccato:

a) se tira un

b) se, invece di parare, tenta di

c) se, dopo una parata, si

all’avversario il diritto di riprendere il suo attacco (raddoppio, rimessa o ripresa d’attacco);

d) se, su un attacco composto,

e) se, essendo in posizione di “

che devia la sua arma, tira o rimette il ferro in linea, invece di parare un colpo direttamente

portato dall’avversario.

arresto su un colpo semplice;schivare senza riuscirci;ferma momentaneamente (risposta a tempo perso) dandoarresta senza aver il vantaggio di un tempo schermistico;punta in linea” (vedi t.10), dopo una battuta o una presa di ferro

l’attaccante solo è toccato:

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

26

5

a) se l’attacco parte quando

deviare il ferro avversario. Gli arbitri devono essere molto attenti affinché un semplice

sfioramento del ferro non sia considerato come sufficiente per deviare il ferro dell’avversario;

b) se cerca il ferro, non lo trova (per

c) se, in un attacco composto, nel corso del quale l’avversario

attacco mentre l’avversario ha risposto immediatamente;

d) se, in un attacco composto, si ha un

l’avversario è in posizione “punta in linea” (vedi t.10) senzacavazione in tempo dell’avversario) e continua l’attacco;ha trovato ferro, continua il suoripiegamento del braccio, o un momento d’esitazione

durante il quale l’avversario arresta o porta un attacco, mentre l’attaccante continua la sua

azione;

e) se, in un attacco composto,

azione finale d’attacco;

f) se tocca per rimessa, raddoppio o ripresa d’attacco, dopo una

da una risposta immediata, semplice, eseguita in un solo tempo e senza ritirare il braccio.

è arrestato con un tempo schermistico di anticipo prima della suaparata dell’avversario seguita

I tiratori sono rimessi in guardia

nettamente da quale parte è stato commesso l’errore.

Uno dei casi più difficili da giudicare si verifica quando vi è un colpo d’arresto genera dei dubbi in

merito al vantaggio sufficiente sul finale di un attacco composto. In generale, in tal caso, il colpo

doppio è la conseguenza di un errore simultaneo dei due tiratori, che giustifica la rimessa in

guardia: errore dell’attaccante per indecisione, lentezza, o per finte insufficientemente efficaci,

errore dell’attaccato a causa di ritardo o lentezza dell’arresto.

, ogni volta che l’arbitro, in un colpo doppio, non può giudicare

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

27

CODICE DISCIPLINARE DELLE GARE

Capitolo 1

CAMPO DI APPLICAZIONE

t.81

1

2

Chi vi è soggetto

Le norme di questo titolo sono applicabili a

tutte le persone che partecipano o assistono ad una

gara di scherma, compresi gli spettatori.

Tutte queste persone sono, negli articoli seguenti, chiamate “

schermitori”.

t.82

1

2

3

4

Ordine e disciplina

Gli schermitori dovranno

della F.I.E., le regole particolari delle gare in corso, le regole tradizionali di cortesia e di lealtà e gli

ordini degli ufficiali di gara.

Essi si sottoporranno,

che seguono; ogni infrazione a tali regole può comportare sanzioni da parte delle autorità

disciplinari competenti, dopo o anche senza avvertimento, secondo il caso e le circostanze (vedi

art. da

Tutte le persone che partecipano o assistono ad una gara di scherma, devono

e comportarsi in modo da non turbare il corretto svolgimento

dei combattimenti nessuno è autorizzato ad

a criticare l’arbitro

osservare scrupolosamente e lealmente il Regolamento e gli Statutiscrupolosamente, con ordine, disciplina e spirito sportivo alle normet.113 a t.120).rispettare l’ordinedella manifestazione. Nel corsoavvicinarsi alla pedana, a dare consigli ai tiratori,o gli assessori o ad ingiuriarli; o ad infastidirli in qualsiasi modo. Anche il

capitano di squadra

intervenire se non nei casi e modi previsti dall’art.

impedire immediatamente qualsiasi atto turbante il corretto svolgimento del match. (vedi

È proibito

della manifestazione (vedi

e t.120

deve rimanere nella posizione che gli è stata assegnata e non puòt.90 del Regolamento. L’arbitro ha l’obbligo dit.96.1/3).fumare nei locali della gara. Il fatto di fumare sarà considerato turbamento dell’ordinet.83). Qualsiasi infrazione sarà sanzionata secondo gli art. t.114, t.118.

t.83

F.I.E. o del Comitato Organizzatore, possono decidere

manifestazione

parole, turbi l’ordine o il corretto svolgimento della gara.

L’arbitro e (o) la Direzione di Torneo, d’ufficio o su richiesta di un rappresentante ufficiale dellal’espulsione dal locale della, con o senza avvertimento, qualsiasi persona che, con gesti, atteggiamenti o

t.84

I tiratori

Impegno d’onore

Per il semplice fatto di partecipare ad una gara schermistica, i tiratori assumono

d’onore

dell’arbitro e degli assessori e di obbedire scrupolosamente agli ordini alle indicazioni dell’arbitro

(vedi

l’impegnodi rispettare il Regolamento e le decisioni dei giudici, d’essere deferenti nei confrontit.114, t.116 e t.120)

t.85

1

2

Rifiuto di incontrare un avversario

Nessun tiratore (individuale o squadra) di una Federazione Nazionale affiliata può partecipare alle

prove ufficiali se si

regolarmente iscritto alla gara.

per le infrazioni del 4° gruppo (t.114, t.119, t.120)

rifiuta di incontrare un qualsiasi altro tiratore (individuale o squadra),La violazione di questa norma comporta le sanzioni previste

La FIE

della Federazione Nazionale d’appartenenza dello schermitore squalificato, in conformità con le

disposizioni degli Statuti della F.I.E., cf. 1.2.4 (Vedi

esaminerà poi se ci sono i termini e le circostanze per prendere una sanzione nei confrontit.120).

t.86

1

2

Puntualità

I tiratori, completamente equipaggiati di materiale conforme al Regolamento (vedi da

pronti a tirare, dovranno

incontro o match, o all’ora indicata per la verifica del materiale prima dell'inizio della gara, (vedi

t.43 a t.45) epresentarsi all’ora e nel luogo indicato per l’inizio di ogni girone,

t.43.1/2//3

Al momento di presentarsi per disputare un match, il tiratore si presenterà presso la pedana

), così come, durante la gara, ad ogni ordine dell'arbitro.

completamente pronto a tirare

tenuti nella mano armata, passante innestato nella presa di coccia; unica eccezione per la

maschera che dovrà essere portata nella mano non armata.

: divisa in regola, giubba chiusa, capelli raccolti, guanto e arma

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

28

3

4

5

6

7

Prima dell’inizio dell’assalto, i capelli dei tiratori/tiratrici devono essere raccolti e posti sotto la

divisa e/o sotto la maschera in modo idoneo affinché:

non venga coperta una superficie valida (per non impedire la segnalazione di una stoccata)

non sia coperto il nome e la nazionalità del tiratore

combattimento.

In caso di infrazione l’arbitro infliggerà le sanzioni previste per i falli del 1° gruppo (t.114, t.116 e

t.120).

In nessun caso è ammesso

incidente e per disposizione del medico di servizio o del delegato della Commissione Medica (art.

non sia necessario risistemarli nel corso dell’assalto provocando così una interruzione delvestirsi o spogliarsi in luogo visibile al pubblico, salvo nei casi di

t.87.8

I tiratori devono presentarsi in pedana, per disputare il proprio assalto, con

ricambio) e

(vedi

, t.114, t.116, t.120).due armi (una didue passanti (uno di ricambio) regolamentari ed in perfetto stato di funzionamentot.45.1, t.114, t.116 e t.120).

Prima dell’inizio del girone eliminatorio, dell’incontro a squadre o dell’assalto di

eliminazione diretta (individuale o a squadre):

i. 10 minuti prima dell’entrata in pedana all’orario indicato per l’inizio del girone o dell’incontro a

squadre o per la disputa dell’assalto di eliminazione diretta (art.

una squadra al completo

squadra

t.43.2) qualora un tiratore onon si presentino al primo appello dell’arbitro, il tiratore o lasaranno eliminati.

ii.

iii. All’incontro possono partecipare solamente i componenti della squadra (tiratori, il capitano

della squadra e un allenatore, art.

minuti prima dell’ora indicata per l’inizio dell’incontro previsto.

Una squadra è considerata al completo quando sono presenti almeno tre tiratori.t.92.4), che sono presenti al primo appello dell’arbitro, 10

Nel corso della gara individuale o a squadre:

Nel corso della gara (individuale o a squadre), qualora un tiratore

ingiunzione dell’arbitro, pronto a tirare:

non si presenti in pedana, su

il tiratore o il componente della squadra sarà sanzionato con un cartellino giallo;

sarà effettuato un secondo appello, a un minuto di intervallo dal primo appello, seguito da un

cartellino rosso

per il tiratore o per il componete della squadra che non si presenta;

un terzo e ultimo appello sarà effettuato, a un minuto dal secondo appello, seguito dalla

eliminazione dalla prova

squadra nella competizione a squadre.

Se un tiratore

le sanzioni previste dagli articoli

per il tiratore che non presente nella gara individuale o per tutta laabbandona un assalto lasciando la pedana (art. t.18/6), verrà penalizzato secondot.114, t.116, t.120.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

29

t.87

1

2

3

4

5

6

7

Maniera di combattere

I tiratori combatteranno

Regolamento. Ogni infrazione a tali regole li sottoporrà alle sanzioni previste di seguito (vedi da

con lealtà e osservando strettamente le regole del presente

t.114 a t.120

Ogni incontro deve conservare le

che termina con uno spintone all’avversario, gioco disordinato, spostamenti anormali, colpi portati

con brutalità,

)caratteristiche di cortesia e lealtà. Ogni atto anormale (flèchestoccata portata durante o dopo una caduta) è assolutamente proibito (vedi da

t.114

falloso sarà annullata.

Prima dell’inizio del combattimento, i due schermitori devono effettuare

schermitore

l’ultima stoccata, l’assalto non sarà terminato finché ogni schermidore non avrà salutato il proprio

avversario, l’arbitro e il pubblico; essi dovranno, pertanto, restare immobili durante l’attribuzione

dell’assalto da parte dell’arbitro,

saluto dello schermitore e

stata data. Se uno o entrambi gli schermidori rifiutano di conformarsi a questa regola, l’arbitro

infliggerà

Quando i due tiratori danno prova di

il comando “Alt!”

a t.120). In caso di una tale infrazione, la stoccata eventualmente portata dallo schermitoreil saluto delloall’avversario, all’arbitro e al pubblico. Analogamente, allorché è stata portataposizionarsi sulla linea di messa in guardia, procedere alstringere la mano non armata dell’avversario quando la decisione saràle sanzioni previste per le infrazioni del 4° gruppo (art. t.114, t.119, t.120).non-combattività manifesta, l’arbitro darà immediatamente

prova individuale

a) se nel corso delle prime due frazioni entrambi i tiratori danno prova di non-combattività

manifesta* nel corso di un assalto di eliminazione diretta, l’arbitro comminerà un avvertimento

(cartellino giallo) a ciascuno dei due tiratori e passerà alla frazione successiva senza

effettuare il minuto di riposo;

b)

ciascuno dei due tiratori e passerà alla frazione successiva senza effettuare il minuto di

riposo;

c) quando due tiratori danno prova di non-combattività manifesta

se il fallo si ripete, l’arbitro infliggerà ogni volta una stoccata di penalità (cartellino rosso) a* nel corso della terza frazione

di un assalto ad eliminazione diretta:

i. se il fallo non si era verificato nel corso delle frazioni precedenti, l’arbitro comminerà a

ciascuno dei due tiratori un avvertimento (cartellino giallo) e procederà d’ufficio a un

ultimo minuto°

ii. se il fallo si è già verificato nel corso delle frazioni precedenti l’arbitro comminerà una

stoccata di penalizzazione (cartellino rosso) a ciascuno dei tiratori e procederà d’ufficio a

un

di combattimento;ultimo minuto° di combattimento;

°

sorteggio per determinare il vincitore in caso di parità di punteggio alla fine del minuto.

Tale ultimo minuto, che sarà giocato interamente, sarà decisivo e sarà preceduto da un

Prova a squadre

a) Quando le

squadre l’arbitro comminerà un avvertimento (certellino giallo) a ciascuna delle due squadre e

passerà all’assalto successivo;

b) Se il fallo si ripete, l’arbitro ogni volta comminerà una stoccata di penalizzazione (cartellino

rosso) a ciascuna delle due squadre e passerà all’assalto successivo, e così fino all’ultima

frazione.

c) Quando due squadre danno prova di non-combattività manifesta*

due squadre danno prova di non-combattività manifesta* nel corso di un incontro adurante l’ultima frazione:

i. se il fallo non si è mai verificato durante le frazioni precedenti l’arbitro comminerà a

ciascuna delle due squadre un avvertimento (cartellino giallo) e procederà d’ufficio ad un

ultimo minuto°

ii. se il fallo si è già verificato nel corso delle frazioni precedenti l’arbitro comminerà una

stoccata di penalizzazione (cartellino rosso) a ciascuna squadra e procederà d’ufficio a un

di combattimento;

ultimo minuto°

di combattimento;

°

sorteggio per determinare il vincitore in caso di parità di punteggio alla fine del minuto.

Tale ultimo minuto, che sarà giocato interamente, sarà decisivo e sarà preceduto da un

* definizione di non-combattività manifesta

Si avrà non-combattività se

1. criterio di tempo: un minuto di tempo senza riportare stoccate

2. assenza di contatto di ferro

3. distanza eccessiva (superiore a quella di passo-avanti affondo)

Il tiratore, dentro o fuori della pedana,

dato dall’arbitro. Egli non può in alcun caso intervenire nei confronti dell’arbitro prima che egli

abbia espresso la sua decisione (Vedi

due dei seguenti criteri sono compresenti:non si deve togliere la maschera fino all’ordine dell’”Alt”t.114, t.116, t.120)

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

30

8

9

I tiratori non possono in alcun caso

(art.

Alla fine di ogni assalto, l’arbitro riunisce i due schermidori al fine di

punteggio

signor

spogliarsi in pedana, neppure per cambiare il loro passantet.114, t.116, t.120)segnalare loro chiaramente ilche sarà comunicato alla Direzione di Gara. Egli dovrà proclamare chiaramente: «IlX ha vinto sul signor Y col punteggio di x stoccate a y»

t.88 Difesa delle proprie prerogative

I tiratori devono

prova al fine di ottenere la migliore classifica possibile, senza concedere o richiedere una stoccata

a chiunque sia (Vedi

difendere le proprie prerogative individuali sportivamente fino alla fine dellat.114, t.119 e t.120)

t.89

Il Capo Delegazione

In ogni prova, i tiratori della stessa nazionalità sono diretti da un

no), responsabile diretto, nei confronti della Direzione del Torneo e del Comitato Organizzatore,

della disciplina, della condotta e dello spirito sportivo dei tiratori della sua delegazione.

Capo Delegazione (tiratore o

t.90

1

2

Il Capitano di squadra

Nelle prove a squadre, solamente il

sua squadra all’interno del recinto di gara e di intervenire nei confronti del Presidente della

Direzione di Torneo per risolvere insieme a lui tutti i problemi di ordine tecnico, o rivolgergli

reclami.

I componenti della squadra, che si

potranno essere considerati responsabili di fronte agli organi competenti. Tuttavia,

personalmente responsabili

di tutte le infrazioni da loro commesse in violazione alle disposizioni del presente Regolamento.

capitano della squadra ha il diritto di sedersi insieme allaatterranno scrupolosamente alle sue decisioni, nonsarannodi tutti gli atti commessi al di fuori dell’intervento del loro capitano e

t.91

Gli arbitri e gli assessori

Essi devono adempiere al proprio dovere, non solo con

imparzialità assoluta, ma con la più

scrupolosa attenzione

. (Vedi art. t.34.1)

t.92

1

2

3

4

5

6

Gli allenatori, i massaggiatori e i tecnici

Gli

vicino agli schermitori all’interno del recinto del luogo di gara.

L’arbitro può autorizzare, ogni volta che lo ritenga necessario, una persona a

momentaneamente assistenza

Ogni nazione della quale un tiratore sta effettivamente partecipando al turno in corso, può

designare al massimo

del recinto delle pedane, in prossimità di un accesso. Gli organizzatori devono prevedere la

postazione necessaria per queste persone.

Durante le prove a squadre, deve essere previsto un luogo riservato ai componenti. Solo il

capitano di squadra ed un allenatore hanno il diritto di piazzarsi con i tiratori della squadra

all'interno della

terra o con altro sistema. Essa deve essere almeno di mq 9 ed essere situata ad una distanza tra

2 e 6 metri a ciascuna estremità e al di fuori della zona della pedana che misura m. 18x8.

Durante gli incontri i componenti della squadra che non tirano debbono

zona per i tiratori riservata alla loro squadra.

Nelle gare a squadre,

autorizzazione dell'arbitro. In caso di tale infrazione l'arbitro comminerà alla squadra colpevole le

sanzioni previste dagli artt.

tutte le frazioni dell'incontro; se un tiratore commette, nel corso dello stesso incontro, un'altra

infrazione del 1° gruppo , l'arbitro lo sanziona ogni volta con un cartellino rosso.

allenatori, i massaggiatori e i tecnici non sono autorizzati a sedersi nel corso delle proveportaread un tiratore.due persone che hanno il diritto di piazzarsi nelle vicinanze e all’esternozona riservata ai tiratori, che deve essere ben delimitata con una linea gialla perrestare all'interno dellanessuno ha il diritto di entrare nella zona della pedana senzat.114, t.116 e t.120. L'avvertimento dato alla squadra rimane valido per

t.93

Gli spettatori

Gli spettatori sono tenuti a

influenzare i tiratori o l’arbitro, e di rispettare le decisioni di quest’ultimo, anche se non le

condividono. Essi devono obbedire alle indicazioni che l’arbitro riterrà opportuno dare (Vedi

non turbare l’ordine delle prove, e a non far niente che possa

t.82.3/4

, t.118 e t.120).

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

31

Capitolo 2

AUTORITÀ DISCIPLINARI E LORO COMPETENZE

Le seguenti disposizioni non regolano che la disciplina sul luogo di gara. In funzione della gravità delle

infrazioni constatate, esse non escludono l'applicazione del regolamento disciplinare della FIE ( Capitolo VII

degli Statuti della FIE), che completa o, se del caso, prevale su queste disposizioni.

t.94

Organismi di giurisdizione.

Le autorità di disciplina competenti sono:

l’arbitro (Art.

la Direzione di Torneo (art.

il/i delegato/i della Commissione per l’Arbitraggio, o il rappresentante, in mancanza del

delegato;

la Commissione esecutiva del C.I.O. ai Giochi Olimpici (art.

il Bureau della F.I.E. (art.

il Comitato Esecutivo della F.I.E. (art.

la Commissione Disciplinare della FIE e il suo tribunale.

La corte arbitrale dello Sport e la Commissione Arbitrale dello sport

Si veda, inoltre, il Regolamento disciplinare della FIE (Capitolo VII degli Statuti della FIE).

t.96)t.97, da o.56 a o.62)t.98)t.99.1/4, t.127.h e o.63)t.99.5)

t.95

1

2

3

4

Principio di giurisdizione.

Qualunque sia l’organismo di giurisdizione che abbia preso una decisione, essa sarà suscettibile

di un eventuale

Nessuna decisione può essere rivista quando essa è presa "

Un appello contro una decisione non è

senza ritardo.

Ogni ricorso in appello deve essere accompagnato da un

controvalore; questa somma potrà essere trattenuta a favore della FIE in tutto o in parte in caso di

rigetto dell'appello per "ricorso immotivato"; questa decisione sarà presa dalla giurisdizione che si

deve pronunciare sul ricorso. Tuttavia, gli appelli contro le decisioni dell'arbitro non danno luogo ai

depositi sopra menzionati.(Cf

“appello” innanzi ad una giurisdizione superiore, ma una volta solamente.di fatto". (Cf t.122.1/2)sospensivo che a condizione di poter essere giudicatodeposito di cauzione di $80 USA o dalt.122)

t.96

1

2

3

4

5

L’arbitro.

L’arbitro non ha solo il compito, nella direzione di un match, di giudicare le stoccate e di controllare

il materiale, ma ha anche l’incarico

di far rispettare l’ordine nel corso dei match che arbitra (art.

t.35.1.i

In qualità di direttore di combattimento e giudice delle stoccate può, in conformità con il

Regolamento,

portata sull'avversario, sia infliggendo loro una stoccata non effettivamente ricevuta, sia

escludendoli dalla prova che arbitra, il tutto, a seconda dei casi, dopo o senza avvertimento. In

questa materia e

In virtù del diritto di giurisdizione che possiede su tutti gli schermidori che partecipano od

assistono alla prova che egli arbitra, può altresì

dal luogo di gara

).penalizzare i tiratori, sia rifiutando di riconoscere una stoccata effettivamentese il giudizio è "di fatto " le sue decisioni sono irrevocabili (Cf. t.122.1/2).proporre alla Direzione di Torneo l'espulsionedi spettatori, massaggiatori, allenatori e altri accompagnatori dei tiratori (Cf.

t.114

Può infine

da tutta la competizione, sospensione o squalifica) (Cf.

Il Delegato della Commissione per l’Arbitraggio o l’Osservatore (qualora non ci fosse il Delegato)

l'organismo di appello in merito alle decisioni dell'arbitro

, t.118, t.120).proporre alla Direzione di Torneo ogni altra sanzione che reputi meritata (esclusionet.97.3).è.

t.97

1

2

3

4

5

La Direzione di Torneo nelle competizioni ufficiali FIE ( Cf. da o.56 a o.62)

La

competizione che essa dirige.

In caso di necessità può

Deve parimenti

comminare le sanzioni previste dal Regolamento.

Direzione di Torneo ha giurisdizione su tutti i tiratori che prendono parte o assistono allaintervenire spontaneamente in tutti i conflitti.far rispettare l’ordine e la disciplina nel corso della competizione e potrà

Trasmette

pronunciate durante le prove come anche le eventuali richieste di biasimo, di sospensione, di

estensione della penalità, di radiazione e i ricorsi in cassazione.

La Direzione di torneo

inoltre direttamente alla sede della FIE l'indicazione delle sanzioni disciplinarirende esecutive tutte le sanzioni pronunciate in ultima istanza o non

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

32

6

7

sospensive (Cf.

Le decisioni della Direzione di torneo prese spontaneamente o d'ufficio (prima istanza) sono

t.95).

suscettibili di appello

Tutte le decisioni della Direzione Tecnica sono

rende sospensiva la decisione nel corso della competizione.

presso la Commissione di disciplina.immediatamente esecutive; nessun appello

t.98

La Commissione Esecutiva del CIO ai Giochi Olimpici.

La

dei Giochi Olimpici e non avente carattere tecnico. Essa interviene sia d'ufficio, sia su richiesta di

un Comitato Olimpico Nazionale, della FIE o del Comitato Organizzatore.

Commissione Esecutiva del CIO dirime, in ultima istanza, ogni vertenza verificatasi nel corso

t.99

1

2

3

4

5

FIE - Bureau, Commissione di Disciplina, Comitato Esecutivo, Tribunale

Arbitrale dello Sport.

Tutte le questioni disciplinari inviate alla FIE da una Federazione Nazionale, una Direzione di

Torneo o altro organismo competente in occasione di una competizione ufficiale della FIE, sono

indirizzate al

La

dei territori di competenza dalla FIE, dirime tutte le vertenze disciplinari inviate alla FIE e giudica

tutti gli appelli avverso le decisioni della Direzione di Torneo, del delegato della Commissione per

l’Arbitraggio o del Rappresentante (qualora non ci fosse stato il Delegato).

Il

Tribunale della Commissione di Disciplina

In caso d'urgenza il

sospensione della licenza della persona soggetta a giudizio in conformità al Regolamento di

Disciplina.

Il

Disciplinare.

Si veda il Regolamento di Disciplina della FIE (Capitolo VII degli Statuti della FIE).

Bureau della FIE. Questo le trasmette all'organismo competente.Commissione di Disciplina della FIE è l'organismo di giurisdizione della FIE che, nel limiteTribunale Arbitrale dello Sport ("TAS") giudica ogni appello contro una decisione delBureau della FIE potrà prendere dei provvedimenti amministrativi diComitato Esecutivo assicura il rispetto e la attuazione delle decisioni della Commissione

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

33

Capitolo 3

LE SANZIONI

t.100

1

2

Categorie.

Sono previste precise

seg

categorie di sanzioni applicabili a generi differenti di infrazioni (art. t.114 e.)

Le sanzioni di combattimento

, che si applicano ad infrazioni di combattimento e che sono:

la perdita di terreno;

il rifiuto dell’omologazione di una stoccata realmente portata;

l’assegnazione di una stoccata non effettivamente ricevuta;

l’esclusione dalla gara.

Le sanzioni disciplinari

lo spirito sportivo e che sono:

, che si applicano ad infrazioni commesse contro l’ordine, la disciplina o

l’attribuzione di una stoccata non effettivamente ricevuta;

l’esclusione dalla prova;

l’esclusione dal torneo;

l’espulsione dal luogo di gara;

la squalifica;

il biasimo;

l'ammenda

la sospensione temporanea;

la radiazione

t.101

1

2

Tutte queste sanzioni possono essere

Direzione di torneo - salvo la radiazione.

La

di saluto (Cf.

Vedere il Regolamento di disciplina della FIE (Capitolo VII degli Statuti FIE ).

applicate dalle autorità competenti nella gara - l'arbitro e lasospensione temporanea può essere applicata da queste autorità solamente in caso di rifiutot.87.3, t.120).

t.102

Sanzioni di combattimento

Perdita di terreno

Il tiratore che

perdita di terreno di un metro.

(vedi t.28.1)esce lateralmente dalla pedana con uno o con i due piedi è penalizzato con una

t.103 Rifiuto di omologare una stoccata effettivamente portata

Pur avendo realmente toccato il proprio avversario in bersaglio valido, un tiratore potrà

rifiutare

tempo riservato al combattimento, sia perché è stata portata da fuori pedana, sia per difetto

dell’apparecchio elettrico, sia perché la stoccata è stata portata con brutalità e violenza, sia per

tutte le altre cause previste dal Regolamento (vedi

t.41.2, t.45.3.2, t.53.3, t.60.2/6, t.66.1, 7.67, t.68, t.70.3, t.73.1/2/4, t.80, t.87.2, t.96.2, t.114.2,

t.120).

t.104 Attribuzione di una stoccata non effettivamente ricevuta

vedersil’assegnazione di tale stoccata, sia perché la stoccata non è stata realmente portata nelt.18.1/3, t.20.2/3, t.21.2/4, t.22, t.26.2/4, t.32.2,

Uno schermitore può

aver superato il limite posteriore della pedana, (vedi

all’avversario di tirare (una flèche seguita da un urto, corpo a corpo al fioretto o alla sciabola,

intervento della mano non armata, ecc.) (vedi

vedersi penalizzare di una stoccata non effettivamente ricevuta, sia pert.27), sia per un’infrazione che ha impeditot.96.2, t.114.3.a/b, t.116, t.117, t.118.1, t.120)

t.105

1

2

Esclusione

Il tiratore che commette durante il combattimento

così come colui il quale

fraudolentemente

Il

se si è classificato per il turno successivo; perde il diritto alla classifica individuale e l’insieme dei

tiratori classificati dopo di lui rimonta di una posizione ai fini del risultato della gara. Se si verifica il

caso, i due classificati al terzo posto vengono separati seguendo il loro ordine di classifica

utilizzato per la formazione del tabellone. Ad ogni modo, solo i tiratori che hanno ottenuto punti nel

corso della gara possono risalire di un posto nel risultato finale della gara stessa.

violenze o atti vendicativi contro l’avversario,non difende lealmente le proprie prerogative o chi si accordacon l’avversario, può essere escluso dalla prova.tiratore escluso da una prova non può più continuare a prendere parte alla prova stessa, anche

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

34

t.106

1

2

Sanzioni disciplinari

Esclusione dalla prova

L’

presentazione in pedana, armi non regolamentari, atteggiamento scorretto verso un arbitro, ecc.)

Le conseguenze di quest’esclusione per un tiratore sono le stesse di quelle fissate dall’art.

esclusione da una prova può anche essere decretata per un’infrazione disciplinare (nont.105

qui sopra.

t.107

1

2

3

Esclusione dal torneo

Per “

indirizzo, la stessa epoca e la stessa occasione.

Un tiratore escluso da un torneo non sarà più ammesso a partecipare a

torneo, né nella stessa arma, né in altra arma.

Quando una

essere valutato individualmente e uno dei membri di questa squadra potrà essere oggetto,

secondo il caso, di misure disciplinari diverse da quelle comminate agli altri (vedi art.

Torneo” si intende l’insieme di più prove individuali o a squadre che hanno lo stessonessuna prova delsanzione è comminata ad una squadra, il caso di ciascuno dei membri devet.90.2).

t.108 Espulsione dal luogo di gara o del torneo

Tutti i partecipanti o gli assistenti non tiratori (allenatori, massaggiatori, tecnici, accompagnatori,

dirigenti, spettatori), possono essere

impedire loro l’accesso al luogo dove si svolge la competizione, durante tutta la sua durata (vedi

oggetto di espulsione, la qual cosa ha la conseguenza di

t.93, t.96.3, t.120

). Questa misura non può essere revocata da nessuno.

t.109

1

2

3

Squalifica

La

altro richiesto per una prova), non comporta automaticamente la sua sospensione o la sua

radiazione, se si accerta la sua buona fede; una richiesta di sanzione supplementare per

intenzione fraudolenta potrà tuttavia essere avviata contro questo tiratore.

Una

schermitore ed è, a sua volta, squalificata.

Le conseguenze di questa squalifica sono le stesse dell’esclusione dalla prova (vedi

squalifica di un tiratore (per esempio per non corrispondenza ai requisiti d’età, di categoria osquadra che abbia utilizzato uno schermitore squalificato, segue le sorti dellot.105).

t.110 Biasimo

Nel caso che non sia giustificata una sanzione più severa, il tiratore o il dirigente può essere

sanzionato con un

biasimo.

t.111

1

2

Sospensione temporanea

Un

tempo della sua sospensione.

Qualsiasi

luoghi fissati dalla sospensione.

tiratore sospeso non può più prendere parte ad alcuna prova ufficiale della F.I.E. durante ilaltra persona sospesa non potrà più esercitare le sue funzioni nei limiti di tempo e nei

t.112 Radiazione

La

radiazione comporta le stesse conseguenze della sospensione, ma a titolo definitivo.

t.113

1

2

Promulgazione delle sanzioni

La Direzione di Torneo è tenuta a

sanzioni

Ai Giochi Olimpici, la Direzione di Torneo deve avvisare il C.I.O., attraverso il Comitato

Organizzatore.

comunicare, senza ritardi, alla segreteria della F.I.E. leprese durante una gara e le relative motivazioni (vedi t.97.5).

.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

35

Capitolo 4

LE SANZIONI E LE GIURISDIZIONI COMPETENTI

t.114

1

2

3

4

Natura delle sanzioni.

Vi sono

Quando un arbitro deve punire un tiratore che commette più infrazioni contemporaneamente,

sanzionerà inizialmente l’infrazione meno grave.

tre tipi di sanzioni che si applicano nei casi che figurano nella tabella dell’art. 120.

Le sanzioni

sono cumulabili e valide per il match, ad eccezione di quelle comunicate con un

CARTELLINO NERO

del torneo e per i 2 mesi successivi della stagione effettiva in corso o che andrà a cominciare (1°

ottobre per i Campionati del Mondo Juniores e 1° gennaio per i Campionati del Mondo Assoluti).

Al contrario, una squadra esclusa dal torneo a causa di un cartellino nero inflitto a uno dei suoi

membri non è per nulla esclusa, in quanto squadra, dalle prove successive, ma ella non può

comprendere il tiratore punito.

Alcune infrazioni possono comportare l’

l’ha commessa. Nel corso del combattimento sono annullate soltanto le stoccate commesse in

relazione all’infrazione (vedi

Le

a)

colpevole. Lo schermitore a questo punto sa che qualsiasi nuova infrazione da lui commessa,

comporterà una stoccata di penalizzazione;

b)

allo schermitore colpevole. Una stoccata è aggiunta al punteggio del suo avversario, e

comporta, se si tratta dell’ultima stoccata, la perdita dell’assalto. Inoltre, ogni cartellino rosso

non può essere seguito che da un altro CARTELLINO ROSSO o da un CARTELLINO NERO,

secondo la natura della nuova infrazione (vedi

c) l’esclusione dalla gara, sospensione per il resto del torneo e per i 2 mesi successivi della

stagione in corso o futura,

indica il colpevole.

, che ha il significato di una esclusione dalla prova, sospensione per il restoannullamento della stoccata portata dallo schermitore chet.120)sanzioni sono le seguenti:l’avvertimento, espresso con un CARTELLINO GIALLO segnalato allo schermitorela stoccata di penalizzazione, espressa da un CARTELLINO ROSSO segnalato dall’arbitrot.120)espressa da un CARTELLINO NERO attraverso il quale l’arbitro

d)

l’espulsione dal luogo della gara (per ogni persona che turba l’ordine).

Ogni avvertimento (CARTELLINO GIALLO), stoccata di penalizzazione (CARTELLINO ROSSO)

ed esclusione (CARTELLINO NERO), oltre alla motivazione – gruppo di appartenenza, deve

essere

verbalizzata sul foglio del match, del girone o dell’incontro.

t.115

Competenza

Le

raggruppate nella tabella dell’articolo

infrazioni e le relative sanzioni, espresse nei differenti articoli del Regolamento, sonot.120; esse sono divise in quattro gruppi (vedi da t.116 a

t.119

di Torneo è sempre possibile (vedi

). Ogni sanzione è di competenza dell’arbitro, anche se l’intervento d’ufficio della Direzionet.97.1/2/3).

t.116

Infrazioni del 1° gruppo.

Nel primo gruppo, la prima infrazione, qualunque sia, è sanzionata da un

CARTELLINO GIALLO

(avvertimento). Se il tiratore commette, nello stesso match, la stessa o un’altra infrazione di

questo gruppo, l’arbitro deve sanzionarla, ogni volta, con un

penalizzazione). Se il tiratore colpevole è stato già penalizzato con un CARTELLINO ROSSO a

causa di un’infrazione del 2° o del 3° gruppo, egli riceve un nuovo CARTELLINO ROSSO alla

prima infrazione del 1° gruppo rilevata.

CARTELLINO ROSSO (stoccata di

t.117

Infrazioni del 2° gruppo.

Nel secondo gruppo, ogni infrazione è sanzionata, sin dalla prima volta con un

ROSSO

CARTELLINO(stoccata di penalizzazione).

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

36

t.118

1

2

3

4

Infrazioni del 3° gruppo.

Nel terzo gruppo, una prima infrazione è sanzionata con un

stoccata di penalizzazione (ciò anche se il tiratore colpevole ha già ricevuto un CARTELLINO

ROSSO per un’infrazione del 1° o del 2° gruppo).

Se il tiratore commette, nello stesso match, la stessa o un’altra infrazione di questo gruppo,

l’arbitro lo punisce con un

del torneo e per i 2 mesi successivi della stagione effettiva in corso o che andrà a cominciare (1°

ottobre per i Campionati del Mondo Juniores e 1° gennaio per i Campionati del Mondo Assoluti).

Per tutti coloro che

a) alla

tutta la gara, che deve essere menzionato sul foglio del match e annotato dal Direttore di

Torneo;

b) alla

CARTELLINO ROSSO, cioè unaCARTELLINO NERO: esclusione dalla prova, sospensione per il restoturbano l’ordine al di fuori della pedana si avrà:prima infrazione un avvertimento, segnalato con un CARTELLINO GIALLO, valido perseconda infrazione nel corso della stessa competizione, il CARTELLINO NERO e/o

l’espulsione dal luogo della competizione.

Nei casi più gravi di turbamento dell’ordine sia in pedana che fuori, l’arbitro può escludere o

espellere

immediatamente il colpevole.

t.119

Infrazioni del 4° gruppo

Nel 4° gruppo, la prima infrazione è sanzionata con il

o dal torneo, sospensione per il resto del torneo e per i 2 mesi successivi della stagione effettiva in

corso o futura (1° ottobre per i Campionati del Mondo Juniores e 1° gennaio per i Campionati del

Mondo Assoluti). Al contrario, una squadra esclusa dal torneo a causa di un cartellino nero inflitto

a uno dei suoi membri non è per nulla esclusa, in quanto squadra, dalle prove successive, ma ella

non può comprendere il tiratore punito.

CARTELLINO NERO: esclusione dalla gara

t.120

Le infrazioni e le relative sanzioni

INFRAZIONI ARTICOLI SANZIONI

0.1

mancanza della tenuta nazionale quando

obbligatoria, ai Campionati del Mondo e alla

Coppa del Mondo a squadre

Mancanza del nome sulla schiena,

t.45.4, a), b) i e iii

0.2

alla sostituzione di giubbetto elettrico non

conforme

Mancanza del nome sulla schiena in seguito

t.45.5

0.3

dell’arbitro 10 minuti prima dell’ora indicata per

l’entrata in pedana per l’inizio del girone o

dell’incontro a squadre, o per l’inizio dell’assalto

ad eliminazione diretta

Mancata presentazione al primo appello

t.86.5

Eliminazione

dalla gara

0.4

all’intimazione dell’arbitro, dopo tre appelli intervallati

da un minuto

Mancata presentazione in pedana pronto a tirare

t.86.6

appello

appello

appello

elimin.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

37

PRIMO GRUPPO

I° infr. II° infr. III° infr.

1.1

1.2

1.3

1.4

1.5

1.6

1.7

stoccata

Abbandono della pedana senza autorizzazione t.18.6Corpo a corpo semplice (fioretto e sciabola) (*) t.20.2Corpo a corpo per evitare una stoccata (*) t.20.3 e t.63.2Volgere la schiena all’avversario (*) t.21.2Copertura o sostituzione del bersaglio valido (*) t.22.2, t.49.1, t.72.2Toccare o afferrare il materiale elettrico (*) t.22.3Uscita laterale dalla pedana per evitare una

t.28.3

1.8

1.9

della lama non conforme. Mancanza dell’arma o del

passante regolamentare/di riserva

Interruzione abusiva del combattimento t.31.2Materiale o divisa non regolamentare. Curvatura

t.45.1/2/3.a)ii; t.86.4

1.10

Raddrizzare l’arma sulla pedana t.46.2/3, t.61.2/3, t.70.6

1.11

punta sulla pedana elettrica

Al fioretto e alla spada appoggiare o trascinare la

t.46.2/3, t.61.2/3

1.12

1.13

passo-avanti, flèche e tutti i movimenti di avanzamento

incrociando gambe o piedi (*)

Contatto dell’arma con il giubbetto elettrico (*) t.53.3Alla sciabola, colpo portato con la coccia (*)

t.70.3

1.14

1.15

1.16

togliersi la maschera prima dell’Alt; spogliarsi in pedana

e t.75.5Rifiuto d’obbedienza t.82.2 e t.84Capelli non conformi t.86.2Spinta/urto (bousculade), gioco disordinato (*);

t.86.3, t.87.2/7/8

1.17

brutalmente o

caduta (*)

Spostamenti anormali (*); colpo portatostoccata postata durante e dopo una

t.87.2

1.18

1.19

non combattività t.87.4/5/6Reclamo ingiustificato t.122.2/4

*

annullamento della stoccata eventualmente portata dal tiratore sanzionato

SECONDO GRUPPO

I° infr. II° infr. III° infr.

2.1

2.2

infortunio/

Utilizzo del braccio o della mano non armati (*) t.22.1Richiesta di sospensione con il pretesto di uncrampo non riconosciuto

t.33.3

2.3

2.4

divisa nazionale quando obbligatoria, gare Coppa del

Mondo individuali, Campionati Continentali

Mancanza del marchio di controllo (*) t.45.3.a).iMancanza del nome sulla schiena, mancanza della

t.45.4 a), b) ii

2.5

dell’avversario

Colpo portato volontariamente al di fuori

t.53.2

2.6

coccia o con il pomolo (*)

, t.66.2Atto violento dannoso o vendicativo, colpo con la

t.87.2 t.103 t.105.1

*

annullamento della stoccata eventualmente portata dal tiratore sanzionato

INFRAZIONI ARTICOLI

SANZIONI (cartellini)

TERZO GRUPPO

I° infr. II° infr.

3.1

3.2

3.3

pubblicità

Tiratore che turba l’ordine in pedana (2) t.82.3 t.83 t.96.2 Rosso o (2)Combattimento non leale (*) t.87.1Infrazione concernente la pubblicità Codice della

3.4

della pedana

Ogni persona che turba l’ordine al di fuori

t.82.3/4 t.83 t.96.3

t.118.3/4

Giallo

o (3)

espulsione

e/o (1)

*

annullamento della stoccata eventualmente portata dal tiratore sanzionato

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

38

QUARTO GRUPPO

4.1

consente di ricevere comunicazioni durante il

combattimento

tiratore munito di apparecchiatura elettronica che

t.43.1.f; t.44.2;

t.45.6.a).vi

4.2

Frode; marchi di controllo imitati o contraffatti t.45.3.a) iii) iv)

4.3

piacimento la registrazione di una stoccata o il non

funzionamento dell’apparecchio

materiale contraffatto per consentire a proprio

t.45.3.a).v

4.4

(individuale o squadra) regolarmente iscritto

Rifiuto di un tiratore di incontrare un altro tiratore

t.85.1

4.5

Infrazioni contro lo spirito sportivo t.87.2 t.105.1

4.6

pubblico prima dell’inizio dell’assalto o dopo l’ultima

stoccata

rifiuto del saluto all’avversario, all’arbitro e al

t.87.3

4.7

4.8

4.9

Favorire l’avversario, accordi illeciti, collusione t.88, t.105.1Brutalità intenzionale (*) t.105.1Doping t.127

*

annullamento della stoccata eventualmente portata dal tiratore sanzionato

SPIEGAZIONE

CARTELLINO GIALLO

Avvertimento

dopo aver ricevuto un CARTELLINO ROSSO, riceve un altro CARTELLINO ROSSO.

valido nel corso del match. Se un tiratore commette un’infrazione del 1° gruppo,

CARTELLINO ROSSO

Stoccata di penalizzazione

CARTELLINO NERO

Esclusione dalla gara, sospensione per il resto del torneo e per i due mesi successivi della

stagione attiva in corso o successiva (1° ottobre per i Campionati del mondo Junior e 1°

gennaio per i Campionati del Mondo Assoluti).

Un tiratore riceve un CARTELLINO NERO del 3° gruppo solo se ha commesso in precedenza

un’infrazione dello stesso gruppo (sanzionata con un cartellino rosso).

Espulsione

:

(1)

dal luogo di gara.

(2)

nei casi più gravi, l’arbitro può escludere (cartellino nero) immediatamente il colpevole.

(3)

nei casi più gravi, l’arbitro può escludere (cartellino nero) e/o espellere

immediatamente il colpevole.

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

39

Capitolo 5

PROCEDURA

t.121

Principi

Le diverse sanzioni sono

conto della gravità dell’infrazione e delle circostanze nelle quali è stata commessa (vedi art.

seg., t.114 e seg., t.124, t.125, t.126

emanate dagli organi competenti che giudicano con equità, tenendot.94 e.).

t.122

1

2

3

4

Reclami ed appelli

Avverso una decisione dell’arbitro

Contro ogni decisione “nel fatto” dell’arbitro

t.95.1/2/4, t.96.2

Se un tiratore infrange questo principio, mettendo in dubbio una decisione “di fatto” dell’arbitro nel

corso del match, sarà sanzionato secondo le prescrizioni del Regolamento (vedi art.

t.120

ne fa un’applicazione contraria ad esso, è ammissibile un reclamo a questo titolo.

Questo

a) dal tiratore nelle prove

b) dal tiratore o dal capitano di squadra nelle prove

cortesemente e deve essere indirizzato

qualsiasi decisione di stoccata ulteriore.

Se l’arbitro persiste nella sua opinione

Supervisore (se non c’è il Delegato)

appello è ritenuto ingiustificato, il tiratore sarà punito secondo gli art.

non è possibile presentare un reclamo (vedi art.).t.114, t.116,). Ma, al contrario, se l’arbitro misconosce una prescrizione formale del regolamento, oreclamo deve essere fatto:individuali,a squadre, senza alcuna formalità, maverbalmente all’arbitro immediatamente e prima di, il delegato della Commissione per l’Arbitraggio o ilè chiamato a decidere in appello (vedi t.97). Se un talet.114, t.116 e t.120.

t.123

1

2

Altri reclami ed appelli

Lagnanze e reclami devono essere presentati,

indirizzati alla Direzione di Torneo.

I reclami relativi alla

sono accettati fino alle ore 19.00 della vigilia della prova (vedi art.

per iscritto, senza ritardo; devono esserecomposizione del primo turno ai Campionati del Mondo o ai Giochi Olimpicio.10)

t.124

Inchiesta. Diritto di difesa

Nessuna sanzione può essere deliberata se non dopo un’inchiesta nella quale gli interessati sono

invitati a dare spiegazioni sia verbalmente, sia per iscritto, nel termine convenuto appropriato alle

circostanze di tempo e di luogo. Trascorso tale termine, la sanzione può essere deliberata.

t.125

Deliberazione

Le decisioni di tutti gli organismi di giurisdizione nelle gare sono prese

voto del Presidente prevale in caso di parità.

a maggioranza di voti; il

t.126

1

2

Recidiva

Per le infrazioni contro lo spirito sportivo, l’ordine o la disciplina, se lo schermitore è stato

precedentemente oggetto di un biasimo, di una squalifica o di una sospensione, si ha

recidiva

quando egli commette una nuova infrazione, al di fuori delle regole di combattimento, nello spazio

di due anni.

In caso di recidiva, la pena da infliggere sarà:

a) l’

b) la

prova;

Si veda inoltre il Regolamento Disciplinare della FIE (Capitolo VII degli Statuti della FIE)

esclusione dalla prova se la pena precedente era stata un biasimo;squalifica dal torneo, se la pena precedente era stata l’esclusione o la squalifica da una

REGOLAMENTO TECNICO PER LE GARE DI SCHERMA – EDIZIONE SETTEMBRE 2009

40

Capitolo 6

CONTROLLI ANTIDOPING

t.127

Regole generali

a) L’uso di

disciplinari.

b) L’uso di doping è definito come una o più violazioni delle regole antidoping così come

enunciate dagli

c) La FIE ha aderito al

FIE è basato sui “Metodi per il corretto uso” dell’AMA e adotta nella totalità le

obbligatorie

metodi vietati”

d) La FIE si riserva il diritto di effettuare dei

occasione di ogni gara organizzata sotto il suo controllo – ed anche

doping è vietato dalla FIE. Ogni violazione di questa regola comporta delle sanzioniarticoli da 2.1 a 2.8 del Regolamento Antidoping della FIE.Codice Mondiale Antidoping dell’AMA. Il Regolamento antidoping delladisposizionidi tale documento. La FIE adotta nella totalità il documento “Classi di sostanze edell’AMA.controlli antidoping nel corso delle gare – cioè inal di fuori delle gare.

e) Gli atleti che partecipano alle competizioni FIE si impegnano a rispettare il Regolamento

antidoping della FIE, a non utilizzare né sostanze vietate né metodi vietati e ad accettare di

sottoporsi a qualsiasi controllo in gara e fuori gara.

f) Tutte le

fuori delle gare, sono riportate nel Regolamento Antidoping della FIE.

g) Le

antidoping, sono quelle previste dal Regolamento Antidoping della FIE.

h) Gli schermidori che hanno violato il Regolamento Antidoping saranno sottoposti alle

modalità riguardanti i controlli antidoping durante le gare ufficiali della FIE, e al disanzioni e le conseguenze delle sanzioni, conseguenti la violazione delle regole

procedure previste dal Regolamento Antidoping

e delle decisioni in merito alle sanzioni sarà fatta dal Bureau della FIE, che avrà solamente il

compito di portarli a conoscenza della comunità delle Federazioni.

i) Le infrazioni per doping commesse e sanzionate da una delle

saranno fatte proprie e applicate in tutta la comunità delle Nazioni affiliate alla FIE.

j) La

. La pubblicazione dei risultati dei controlliFederazioni affiliate alla FIE,modifica del Regolamento Antidoping della FIE spetta alla competenza del Comitato esecutivo.