CASA SOCIALE: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LA STAGIONE DEL FANGO”

16/10/2020 In Casa Sociale, News

GIOVEDÌ 15 OTTOBRE ALLE ORE 18.00 AL CIRCOLO NAUTICO POSILLIPO L’ULTIMO LIBRO DI ANTONIO FUSCO

Giovedì 15 ottobre, con inizio alle 18, presso il Circolo Posillipo, l’Associazione Dies Artis presenta l’ultimo libro, La stagione del fango, di Antonio Fusco, edito da Giunti.

L’ultima fatica letteraria di Antonio Fusco è ambientata in parte proprio a Napoli, la città dove l’autore si è formato, prima di girovagare per lavoro per tutta l’Italia e di approdare dal 2000 in Toscana.

Al commissario Casabona, il protagonista dei gialli di Antonio Fusco, capiterà di dover affrontare una discesa all’Inferno che lo porterà proprio nel capoluogo partenopeo, dove cercherà di salvare se stesso e il suo onore di poliziotto.

Con Fusco, giovedì 15 ottobre, dialogherà il giornalista Luigi Vicinanza, dopo l’introduzione di Enrico Deuringer e gli indirizzi di saluto del Presidente del Sodalizio rossoverde Enzo Semeraro e del Consigliere agli eventi culturali Filippo Smaldone. Le letture saranno affidate a Sergio Savastano e l’accompagnamento musicale a Beniamino Di Lorenzo.

Il Circolo Nautico Posillipo e l’Associazione Dies Artis daranno vita, dunque, ad un evento culturale che rappresenta un’occasione per conoscere Fusco e la sua scrittura ma anche un modo per riportare l’autore nella sua città, dove è nato ed ha anche lavorato, e dove conta moltissimi affezionati lettori.

Antonio Fusco ci regala ancora una volta un libro emozionante, un noir avvincente e coinvolgente – spiega Rosa Carillo Ambrosio, Presidente di Dies Artis: – e grazie alla sua scrittura asciutta e incisiva, ci porta a scoprire le rotte più oscure dell’animo umano. Questa volta c’è un colpo di scena Casabona è egli stesso vittima di trame e intrighi… in un crescendo di suspence che piacerà a tanti non solo agli appassionati di letteratura gialla!

Antonio Fusco, nato nel 1964 a Napoli, è funzionario della Polizia di Stato e criminologo forense. Dal 2000 vive in Toscana, dove si occupa di indagini di polizia giudiziaria e attualmente ricopre il ruolo di capo della squadra mobile di Pistoia.

Come scrittore ha vinto vari premi tra cui il Premio Mariano Romiti, il Premio scrittore toscano e il Premio Garfagnana in giallo. Molte delle sue opere sono tradotte all’estero.

La stagione del fango è il suo sesto romanzo.

Fotogallery

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: EVENTO ANNULLATO – PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LE DONNE DEL CANTO AMARO”

04/10/2020 In Casa Sociale

DI PIERO ANTONIO TOMA, NEI SALONI DEL CIRCOLO MERCOLEDÌ 7 OTTOBRE ALLE 18.00
L’EVENTO È STATO ANNULLATO SU RICHIESTA DEGLI ORGANIZZATORI

Interverranno:

  • il Presidente del Circolo Vincenzo Semeraro
  • Il Consigliere delegato agli eventi Filippo Smaldone

Le relatrici

  • Titti Marrone, giornalista del Mattino, docente universitaria
  • Valeria Parrella, scrittrice, finalista del Premio Strega 2020

Letture

  • Rosaria De Cicco, attrice di teatro, cinema e TV

Canzoni

  • Lino Blandizzi, cantautore, musicista, pianista

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “PENSIERI SUPERSTITI”

21/09/2020 In Casa Sociale, News

MARTEDÌ 29 SETTEMBRE ALLE 18.30 AL CIRCOLO POSILLIPO SARÀ PRESENTATO IL LIBRO DI LIDIA SELLA.

Il Centro Studi Michele Prisco in collaborazione con la Libreria Vitanova presentano “Pensieri Superstiti” di Lidia Nova

Con nota di Gino Ruozzi, pubblicato da puntoacapo

  • Introduce Piero Antonio Toma
  • Intervengono Bruno Galluccio, Annella Prisco e Filippo Smaldone
  • Letture a cura dell’autrice.

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: PRESENTATO AL POSILLIPO “RENATO CACCIOPPOLI. L’ENIGMA”

30/07/2020 In Casa Sociale, News

Martedì 28 luglio è stata presentata sulla terrazza del Circolo Nautico Posillipo la seconda edizione aggiornata del libro “Renato Caccioppoli. L’enigma” di Piero Antonio Toma (Edizioni Scientifiche Italiane).

Dopo l’indirizzo di saluto del presidente Vincenzo Semeraro e del consigliere delegato agli eventi culturali del Circolo, Filippo Smaldone, sono intervenuti con l’autore Antonio Bassolino, già sindaco di Napoli e ministro, Guido Trombetti, matematico e già rettore dell’università Federico II, e Dinko Fabris, musicologo e direttore di Dipartimento del Teatro di San Carlo.

Sono poi stati eseguiti dei brani di musica molto cari a Caccioppoli, che, oltre ad essere un grande matematico, era anche un eccellente musicista dal pianista Fabio Espasiano con il soprano Alessia Di Cicco, il mezzosoprano Rosa Montano e il tenore Pasquale Riccio che hanno interpretato tre lieder di Strauss e due estratti dell’Agnus Dei di Beethoven. Il pianista Pasquale Ruggiero ha eseguito Al chiaro di luna di Beethoven, la Polonaise 44 di Chopin e La fille aux cheveux de ljn di Debussy.

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: PRESENTATO IL LIBRO DI ASCIERTO, LA FOTOGALLERY

25/07/2020 In Casa Sociale, News

«IL VIRUS È ANCORA IN CIRCOLAZIONE:  Non c’ è e non può esserci alcun rompete le righe».

Il dottore Paolo Ascierto, lo scienziato del Pascale cui si deve una delle terapie possibili per intervenire contro la malattia, chiede ancora che «i cittadini siano responsabili» . «Abbiamo fatto sacrifici importanti. Non dobbiamo vanificarli adesso».

Questo in sintesi quanto dice al Circolo Posillipo alla presentazione del libro che Ascierto ha scritto a quattro mani con il giornalista Ugo Cundari. “Un medico in prima linea. Paolo Ascierto” è il titolo del volume pubblicato da Guida editori, un libro intervista che racconta lo scienziato e l’ uomo.

E ai giovani dice: «I giovani devono adeguarsi alla situazione senza rinunciare alla loro vita sociale e alle chiacchiere al bar, ma non devono abbandonare il senso di responsabilità che ci impone l’ uso delle mascherine e degli igienizzanti per le mani».  «Non ci sono stati picchi dell’ epidemia. Il che dimostra che mascherine e igienizzanti possono portarci al contagio zero».

Foto di Nunzio Russo

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “UN MEDICO IN PRIMA LINEA – PAOLO ASCIERTO”

21/07/2020 In Casa Sociale, News

Venerdì 24 Luglio alle ore 18.00 nel salone del nostro Circolo, si terrà la presentazione del libro “Un medico in prima linea – Paolo Ascierto”

All’iniziativa, organizzata nel rispetto delle limitazioni Covid19 ancora in essere, interverranno, tra gli altri, il Presidente del Circolo Vincenzo Semeraro, il consigliere Filippo Smaldone, l’editore Diego Guida e il dott. Paolo Ascierto.

| Area Comunicazione

“IL RISVEGLIO DI PARTENOPE” DI MARIAFELICIA CARRATURO

02/06/2020 In Casa Sociale, News

IL LIBRO SCRITTO DA MARIAFELICIA CARRATURO, L’ATLETA SPESSO OSPITE DEL CIRCOLO PER I SUOI ALLENAMENTI CHE L’HANNO PORTATA A BATTERE IL RECORD DEL MONDO DI APNEA

La felicità è l’emozione di sapere che qualcosa arriva ogni giorno, che arriva un altro momento ed è la mia vita. La felicità è il frutto di quella libertà, che ci conduce all’emancipazione”
“Scopro che mi piace andare sott’acqua e che sono molto portata … Nessuno capisce che là sotto mi sorridono il cuore e l’anima. Nessuno mi vuole ascoltare quando racconto che là io respiro, che mi sembra di volare, che il silenzio mi da’ pace e che quel tempo, dedicata solo a me stessa mi rigenera

Il Risveglio di Partenope Mariafelicia CarraturoHo cominciato a leggere tantissimi libri, non tutti li ho finiti, tanti li ho letti con vero piacere, di pochissimi ne ho acquistato più copie da regalare. Questo è uno di quei pochisismi: perché è scritto bene, ma soprattutto perché ha molto da dire alla mia generazione e non solo.

Ho pensato a lungo a come racchiudere in una sola parola questo prezioso libro di Mariafelicia Carraturo, un lungo racconto autobiografico, scritto di getto come un diario di un’adolescente ma impreziosito da saggie citazioni (mai fuori posto) di Vangeli, Baudelaire e Gibran, tante sottolineature a matita di frasi che vuoi ritrovare rapidamente in una seconda lettura. Alla fine ho scelto: appartenenza.

Sì, questo è un racconto di appartenenza.

Chi è della sua generazione, come me, sa di cosa sto parlando. Siamo nati appartenendo ai nostri genitori e a una storia familiare che non lasciava molta libertà di azione al nostro futuro, anche quando un genitore – il papà nel suo caso – è scomparso troppo presto e ciò che lui desidera per noi è solo una nostra proiezione. E poi siamo cresciuti appartenendo a una società e a dei passi obbligati che prevedevano lo studio, un lavoro a una scrivania, un matrimonio e dei figli.

Mariafelicia, che secondo i canoni di appartenenza alla società è una donna realizzata se non addirittura benedetta dalla nascita di due splendidi bambini, sente che c’è qualcosa fuori posto. E così quasi per caso, incontra il mare. E scopre un’altra appartenenza, una più forte e autentica: quella a se stessa e al suo talento da esprimere, della sua emenacipazione e della sua libertà.

Mariafelicia ritrova se stessa nella gioia di immergersi sempre più giù e nel compiere con una certa naturalezza ciò tanti fanno con enorme sforzo.

Mariafelicia Carraturo

Mariafelicia Carraturo

Il tutto a quasi 40 anni, un’età in cui la maggior parte di noi si sente comodo (o si accontenta?) di ciò che a creato e la smette di scalciare. Invece lei scalcia, o meglio pinneggia felice fino a meno 133 metri (avete letto bene: centotrentatre), e poi omologa il record di assetto variabile con la monopinna: 115 metri in 3 minuti e 4 secondi, recordi mondiale, la più adulta donna italiana ad aver mai omologato un primato mondiale (record nel record). Nonostante i dubbi affettuosi delle persone care, i rischi per la salute e la burocrazia e gli alti costi di uno sport povero.

La sua è di certo una grande storia di sport, di quella che andrebbe raccontata in una puntata di “Sfide”, quel programma Rai, ma è, come quasi sempre accade con le storie di sport, una grande storia umana, fatta di alti e bassi , di paure terrene e fede divina. Proprio la spiritualità – Mariafelicia ci tiene molto a distinguere fede dalla mera pratica religiosa – occupa una parte importante di questo libro e di questa vita, perché Mariafelicia continua a cogliere i segnali positivi che la vita le manda dal giorno in cui ha incontrato il mare e le sua profondità.

Viviamo tempi di grande smarrimento, di insicurezza che attanaglia tutte le generazioni. Per questo consiglio vivamente la lettura di questo libro non solo “a chi si trova nel mezzo del cammin di nostra vita” e può trovarvi l’ispirazione per tuffarsi nei propri sogni e cambiare i propri destini, ma anche ai più giovani, perché capiscano prima possibile che la vita appartiene solo a loro stessi e va vissuta con pienezza e incanto ogni giorno.

Auguro a Mariafelicia, la sirena Partenope delle Universiadi napoletane, ogni successo. E spero che l’editore Guida condivida con me l’idea che questo libro, nato con l’umile intento di voler mettere su carta le emozioni di una vita, ha tutte le potenzialità di raggiungere la più ampia delle platee, forse proprio per questo suo raccontare una storia tanto eccezionale con grande semplicità.

Alberto Corbino

Alberto Corbino, scrittore, docente sviluppo sostenibile, presidente Fondazione Cariello Corbino

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “BABA JAGO”

20/02/2020 In Casa Sociale

DOMANI, VENERDÌ 21 FEBBRAIO, PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI DORIANA MARTINI AL CIRCOLO POSILLIPO ALLE 18:00

  • Interverranno Amelia Prisco e Franco Roberti;
  • Modera Raffaele Messina;
  • Indirizzo di saluto di Filippo Smaldone.

Un viaggio nelle nebbie psichiche ed emotive nella vita di due donne, diretto e immediato. Simmetricamente opposte, sono chiamate ad affrontare svolte esistenziali improvvise, battute d’arresto e potenti colpi di realtà

a cura del Centro Studi Michele Prisco.

Area Comunicazione

CASA SOCIALE: INCONTRO CON L’ASSOCIAZIONE “31SALVATUTTI”

26/11/2019 In Casa Sociale, News

IL 6 DICEMBRE 2019 NEL POMERIGGIO NEI SALONI DEL CIRCOLO POSILLIPO

L’Associazione culturale senza scopo di lucro “31SALVATUTTI” tra le sue attività si occupa di tutelare la salute dei giovani con particolare attenzione al fenomeno delle dipendenze (da alcol, da droga, da social, dal gioco etc).

31SalvatuttiQuest’anno tornerà con noi la Fondazione Ema Pesciolino Rosso con la storia di Emanuele Ghidini, un ragazzo bellissimo, intelligente e sensibile, di famiglia benestante del bresciano. Emanuele non era un drogato era un ragazzo che stava solo attraversando quella delicatissima fase adolescenziale in cui irrompe l’esigenza di testare la propria infallibilità, di provare qualche emozione diversa ma con le amicizie sbagliate.

A pochi giorni dalla morte del figlio il 24 novembre 2013 papà Gianpietro Ghidini iniziò la sua missione per l’Italia. L’occasione è un invito alla riflessione per tutti: i giovani che vengono invitati ad avere cura della propria salute conducendo una vita sana e dedicandosi allo sport senza cedere neppure per un attimo alle lusinghe delle droghe, ad essere solidali con i propri amici e ad averne cura, e gli adulti a correre meno ed incentrare le proprie attenzioni ai valori concreti della vita, bene prezioso insostituibile con beni materiali. Al grido di “Hug no Drug” l’incontro è un inno alla vita e alla salute.

Durante l’incontro è prevista la vendita dei libri “Lasciami volare” “Era tutto perfetto” “Soffia forte il vento nel cuore di mio figlio” (autrice Carolina Bocca) il cui ricavato va interamente a sostegno della Fondazione Ema Pesciolino Rosso.

Area Comunicazione

CASA SOCIALE: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “TERRE DI LATTE”

26/11/2019 In Casa Sociale, News

VENERDÌ 29 NOVEMBRE ALLE 18:00 AL CIRCOLO LA PRESENTAZIONE DEL ROMANZO DI GIUSEPPINA DE RIENZO

Terre di Latte (Manni Editore)
di Giuseppina De Rienzo con Franco Roberti e Generoso Picone

Venerdì 29 novembre al Circolo Posillipo alle ore 18.00 ci sarà la presentazione del romanzo “Terre di latte” (Manni editore) di Giuseppina De Rienzo con Franco Roberti e Generoso Picone.

Dopo l’indirizzo di saluto del presidente Vincenzo Semeraro e del consigliere delegato agli eventi culturali del Circolo, Filippo Smaldone, e l’introduzione di Piero Antonio Toma, ne parleranno con l’autrice, Franco Roberti, già Procuratore nazionale antimafia e dal 2 luglio 2019 europarlamentare europeo, e Generoso Picone già redattore capo del Mattino, scrittore e critico letterario.

Letture dell’attore Luca di Tommaso. Durante l’incontro si proietteranno immagini e musiche relative al “viaggio” che i protagonisti Antonia e suo fratello Andrés faranno dentro se stessi per meglio definire il rapporto con la terra natale, la famiglia, il sesso, la ricerca di identità. Nel titolo, «Terre di latte», la doppia valenza di una storia che si muove tra passato e presente, racconto, rievocazione, sogno.

Area Comunicazione