FOGLIO, DICHIARAZIONE D’AMORE PER NAPOLI E PER IL POSILLIPO

02/05/2020 In News, Pallanuoto

DA ILMATTINO.IT DI DIEGO SCARPITTI

Seduto su uno scoglio, incantato dalla grande bellezza. All’orizzonte si staglia imperioso il Vesuvio e il mare bagna Napoli. Indossa la calottina numero 4 e il costume rossoverde. È una dichiarazione d’amore quella di Gianluigi Foglio, un sognatore che non ha mai mollato, al Posillipo. La foto profilo Facebook sintetizza il rapporto speciale tra il difensore classe 1995 e il sodalizio che il 15 luglio compirà 95 anni di storia.

Passato, presente, futuro. «Ne approfitto in questo periodo di pausa forzata, per focalizzare le mie energie sulla tesi e completare il percorso di laurea», ammette il pallanuotista iscritto alla triennale in Scienze motorie. «Attendo la sessione estiva, per tagliare il traguardo e ho intenzione di continuare con la magistrale».

Principio di precauzione. «Mi manca tanto giocare a pallanuoto, più degli altri. È molto che non indosso la calottina. Lo stop della quarantena mi aiuta a recuperare meglio. Più tempo passa e più desidero tornare in vasca», ammette Foglio, in astinenza da cloro.

Difesa blindata ed equilibrio tattico. «Il legame con il Posillipo c’era, c’è, ci sarà: spero più a lungo possibile. Ho trascorso anni bellissimi a Napoli. Sono in continuo contatto con i ragazzi. Non mi sento mai troppo distante, nonostante la pandemia da Covid-19», osserva il biondo Gianluigi.

Dilemma A1. «Vedo remota la possibilità di ripresa di questo campionato anche nel periodo estivo, meglio concentrare l’attenzione sulla prossima stagione», afferma il giocatore pugliese, che sottolinea l’«ottimo rapporto con la società posillipina: mi è sempre stata vicina anche in questi anni difficili».

Il tempo non scalfisce il ricordo della vittoria continentale nel 2015. «Ci sono buoni propositi, spero di riprendere a giocare e ripartire insieme al Posillipo, con il quale ho trascorso anni bellissimi, coronati dalla vittoria importante dell’Euro Cup cinque anni fa».

Super derby. «Un ricordo indelebile. È stato stupendo vedere la Scandone gremita all’inverosimile, che difficilmente si presenta così durante la regular season. Un ricordo fantastico che spero si possa ripetere», dichiara orgoglioso Foglio, già campione mondiale a Perth nel 2012. «Euro Cup unico trofeo che mancava nella gloriosa storia del Posillipo. Sono onorato di averlo vinto ed aver contribuito a metterlo nella già nutrita bacheca rossoverde: un sogno che si è realizzato».

Psicologia positiva. «Esempio nitido di quanto la voglia e l’unione di un gruppo possa portare al raggiungimento di un obiettivo. Un desiderio coltivato ed espresso nella fortissima volontà del collettivo, costruito con la motivazione del singolo giocatore».

Gianluigi Foglio

Gianluigi Foglio

Condivideva la casa con Vincenzo Dolce, divenuto campione del mondo a Gwangju nell’estate del 2019, insieme a Vincenzo Renzuto Iodice. Terzetto che alzò al cielo di Fuorigrotta il trofeo europeo grazie alle parate di Tommaso Negri. I quattro atleti rossoverdi si resero protagonisti al San Paolo alla vigilia di Italia-Armenia.
«Avemmo la possibilità di incontrare Lorenzo Insigne. Fu una bella esperienza. Intesa automatica tra il Napoli e il Posillipo. È giusto che ci sia connessione tra sport diversi, che mette in risalto gli sportivi della città. Lorenzo Insigne si mostrò molto disponibile nei nostri confronti, contento di ricevere la nostra calottina. Si trattò di un confronto simpatico e formativo: scattò subito stima reciproca tra vere eccellenze. Spero che in futuro possa irrobustirsi la sinergia tra i due club e possa nascere qualche altra iniziativa», auspica Foglio.

Partenope. «Napoli mi manca molto, pur essendo di Giovinazzo, un bel paesino sul mare. Napoli è la mia seconda casa, dove mi sono trovato sempre bene. Otto stagioni in rossoverde, rapporti importanti stretti negli anni. Città bellissima, amo il Meridione. Napoli rispecchia molti valori che riscontro nella vita quotidiana, nonostante i soliti stereotipi che affibbiano».

Strizza l’occhio. «Conto di tornare presto a trovare i miei compagni di squadra, appena sarà possibile. Vorrei ricambiare l’affetto che hanno sempre mostrato medici, tecnici e staff nei miei confronti. Speriamo bene per la prossima stagione e in un futuro a tinte rossoverdi».

Amore e psiche, cuore e ragione

| Area Comunicazione

PALLANUOTO: NIENTE DA FARE PER IL POSILLIPO, FINISCE 11-13 CONTRO LA AS ROMA

NOI ABBIAMO GIOCATO A SINGHIOZZO, BRAVI GLI OSPITI CHE CI HANNO CREDUTO

Che peccato! Un Posillipo sprecone sui due rigori assegnati e incostante nel corso dei quattro tempi, cede i tre punti ad una caparbia Roma, nella 14esima giornata del Campionato di pallanuoto maschile di massima serie, davanti ai 450 della Piscina Scandone, con un tabellone che alla fine dei regolamentari segna un amaro 11-13.

Nel primo minuto di gioco è Luca Marziali a tirare il rigore parato da Francesco De Michelis; nel secondo tempo il portiere avversario nega il rigore a capitan Paride Saccoia. Dei due penalty assegnati agli ospiti, Tommy Negri ne para uno solo.

Da segnalare la cinquina di Giuliano Mattiello ma ciò nonostante i rossoverdi non riescono a tenere la gara con la giusta costanza, costanza che sarebbe stata determinante in una partita che si doveva vincere, senza se e senza ma: 1-3/4-3/3-4/3-3 i parziali che raccontano di una partita sostanzialmente in equilibrio dove sono stati i singoli episodi e le leggerezze di troppo del Posillipo a determinare il risultato, in una gara ad alta tensione che ha visto espulsioni ambo parte. Fuori anche i 2/3 del team di panchina degli ospiti, mentre tra i giocatori hanno abbandonato anzitempo la vasca Massimo Di Martire e Paride Saccoia per il Posillipo; l’ex rossoverde Paskovic, Michele De Robertis e Claudio Innocenzi per la Roma.

Lapidario il commento dell’allenatore del Posillipo Roberto Brancaccio: “Bravi loro, gli ospiti, che ci hanno creduto. Noi, invece, ci siamo accesi a sprazzi e ogni volta che entravamo in partita non eravamo bravi a restarci. Non c’è tanto da commentare se non che abbiamo giocato a singhiozzo”.

Foto di Nunzio Russo

Area Comunicazione

PALLANUOTO: SERIE A1 – CN POSILLIPO vs ROMA NUOTO

DOMANI, SABATO 15 FEBBRAIO 2020 ALLE 17:00 ALLA PISCINA SCANDONE

Quattordicesima di campionato per il Posillipo che domani alle ore 17.00 alla Piscina Scandone di Fuorigrotta ospita la A.S. Roma Nuoto per la gara di regular season di pallanuoto maschile di A1.

I rossoverdi ritornano di nuovo nella vasca di casa dopo aver affrontato, sempre alla Scandone sabato scorso, l’Ortigia. Nonostante la sconfitta, l’allenatore Roberto Brancaccio prende il buono della scorsa gara, pur conoscendo le difficoltà della sfida di domani: “Siamo consapevoli dell’importanza del match e sono certo che i ragazzi ripartiranno da domani con il giusto piglio, consci di aver affrontato una prima parte della stagione che servirà certamente da esperienza per il futuro. Affrontiamo un’avversaria dalle buone qualità, con diversi giovani in formazione. In queste sfide è sempre fondamentale approcciare l’incontro nel modo giusto”.

Tra le fila avversarie il Posillipo ritrova l’ex Vjekoslav Paskovic.

Piscina Scandone – ore 17.00 – Ingresso Gratuito.

Live Streaming on Videoplay

Area Comunicazione

PALLANUOTO: SCONFITTA CASALINGA PER IL POSILLIPO, FINISCE 6-10 CONTRO L’ORTIGIA

BRANCACCIO: “LA DIFFERENZA L’HA FATTA TEMPESTI E ABBIAMO PAGATO QUALCHE INGENUITÀ”

Ci prova il Posillipo, nella gara del giro di boa del campionato maschile di pallanuoto, i rossoverdi ospitano il CC Ortigia, in una partita quattro tempi giocata davanti ai 350 spettatori della Piscina Scandone: 2-2, 1-3, 2-3, 1-2, i parziali della gara finita 6-10 per gli ospiti.

Out per somma di espulsioni i posillipini Silvestri e Scalzone, rigori ambo parte messi a segno da Gallo per l’Ortigia e Marziali per il Posillipo. Ben tre gli ex del Circolo Posillipo tra le fila biancoverdi: Gallo, Caruso e Rossi.

Negri nega più di una volta il gol all’Ortigia ma non può nulla su quelli incassati che compongono la doppia cifra finale: “La seconda parte della preparazione ha portato i suoi risultati”, il commento a caldo dell’allenatore Roberto Brancaccio, “La differenza l’ha fatta Tempesti, e abbiamo pagato qualche ingenuità. La giovane età deve però fare di più: finora sono stati trascinati e spinti dai soliti senatori ma adesso possono fare la loro parte. Dobbiamo migliorare assolutamente per raggiungere i nostri obiettivi e mettere l’esperienza di questa andata. Nella seconda parte del campionato dobbiamo perciò fare di meglio”.

Foto di Nunzio Russo

Area Comunicazione

NUOTO PER SALVAMENTO: TERZA POSIZIONE PER IL POSILLIPO

21/01/2020 In News, Nuoto, Nuoto e Pallanuoto

BUONI RISULTATI AL PRIMO TROFEO NAZIONALE DEL 2020

Alla manifestazione, che si è svolta alla Piscina Scandone domenica 19 gennaio, il Circolo Nautico Posillipo si è presentato ai nastri di partenza con sei atleti febbricitanti ma nonostante tutto la squadra si è aggiudicata la terza posizione nella classifica finale per società.

Ottime le prestazioni di Marianna Esposito (un oro e un argento) Gaetano Lubrano Lobianco (quattro ori) Chiara Lubrano (un argento), oro nella staffetta poolifesaver e argento nella staffetta manichino maschile e femminile.

Il prossimo appuntamento è ai campionati regionali di categoria il 2 febbraio a Caserta.

Area Comunicazione

IL POSILLIPO OSPITA LO SPORT MANAGEMENT

SABATO 7 DICEMBRE ALLA SCANDONE ALLE 17:00

Ritorno in vasca alla Scandone per i ragazzi della prima squadra di pallanuoto del Circolo Posillipo che domani alle ore 17.00 ospiteranno gli avversari della Pallanuoto Sport Management.

Dopo il punto conquistato a Genova, i rossoverdi puntano a tenere la gara, consapevoli dello spessore degli avversari, praticamente terzi in classifica per il pari punti di Brescia e Ortigia.

Roberto Brancaccio avrà a disposizione la rosa al completo per cercare di fare al meglio in una gara complicata e dall’alta valenza agonistica: “Affrontiamo una squadra tra le migliori messe fisicamente. Per questo sarà una gara dall’agonismo molto acceso, così come ci ha sempre abituati Baldineti -allenatore della Sport Management- con le sue squadre”.

Area Comunicazione

PALLANUOTO: NON LA SPUNTA IL POSILLIPO CONTRO IL SAVONA

FINISCE 10-12 LA PARTITA CON I LIGURI ALLA SCANDONE

Sconfitta quasi di misura per il Posillipo impegnato nel turno infrasettimanale della nona giornata del campionato di A1 di pallanuoto alla piscina Scandone, dove ha ospitato gli avversari della RN Savona: 10-12 il risultato finale di quattro tempi decisamente altalenanti, con i parziali di 2-2/1-3/2-4/5-3.

Nonostante lo sprint finale dei padroni di casa, e i ben sei gol messi a segno da Luca Marziali (marcatori anche Di Martire, Silvestri, Ricci e Capitan Saccoia), alla fine sono stati gli ospiti a spuntarla davanti ai 200 spettatori di Fuorigrotta. Due i rigori assegnati alla RN Savona, uno quello messo a segno contro il Posillipo ancora orfano di Giuliano Mattiello per la decisione del giudice sportivo che gli ha inflitto due giornate di squalifica, ma recuperato in extremis Massimo Di Martire, che è entrato per qualche minuto in vasca.

Continua purtroppo la scia negativa per la compagine guidata da Roberto Brancaccio, nonostante l’impegno dei soliti senatori e dei giovani in rosa: “Abbiamo avuto due occasioni nitide per chiudere il secondo parziale in pareggio, quattro pari. Ma sono stati bravi loro a chiudere sul 5-3, prima della pausa lunga. Brutto il terzo parziale, ottimo il recupero dei ragazzi, a meno uno a 40 secondi dalla fine, che però è svanito nel gol finale di Molina”, il commento di Brancaccio.

Foto di Nunzio Russo

Area Comunicazione

PALLANUOTO: ARRIVA LA RARI NANTES SAVONA ALLA SCANDONE

RITORNO ALLA SCANDONE PER IL POSILLIPO DOMANI, 27 NOVEMBRE 2019 ALLE 20:00 CONTRO LA RN SAVONA

Ritorno in vasca alla Piscina Scandone per la prima squadra di pallanuoto del CN Posillipo che domani alle 20 ospiterà gli avversari della RN Savona.

Periodo complicato per la compagine allenata da Roberto Brancaccio che sabato ha subìto la sconfitta proprio alla Scandone, contro la Pro Recco. I rossoverdi saranno ancora orfani sia di Giuliano Mattiello, che sconta la seconda della due giornate di squalifica rimediate nella trasferta contro la SS Nuoto Lazio e di Massimo Di Martire, tenuto fuori rosa per problemi alla schiena.

Brancaccio dovrà dunque ricorrere ai giovanissimi reclutando giocatori dall’U20 e confidando nella guida dei soliti senatori, da capitan Saccoia a Marziali, passando per Negri e Scalzone: “Siamo consapevoli del fatto di dover fare a meno ancora di due dei nostri top scorer, Mattiello e Di Martire, il che rende la gara molto complicata. Ma abbiamo tutta la voglia e la determinazione di far bene per rimediare alla brutta prestazione contro il Recco”, il commento alla vigilia di Brancaccio.

La partita sarà trasmessa su VideoPlay

Area Comunicazione

PALLANUOTO: POSILLIPO SCONFITTO DAL BRESCIA ALLA SCANDONE PER 6 A 14

IL POSILLIPO CEDE AL BRESCIA LA SESTA GIORNATA DI CAMPIONATO DAVANTI A 200 SPETTATORI

Sconfitta per il Posillipo che nella sesta giornata del campionato di pallanuoto maschile di serie A1, ha ospitato in una Scandone da 200 spettatori per il turno infrasettimanale, gli avversari dell’AN Brescia cedendogli la gara col risultato finale di 6-14.

I padroni di casa tengono bene la gara soprattutto nei primi due tempi, portandosi a casa il primo quarto sul risultato di 2-1, doppietta di Marziali (saranno quattro a referto i gol del numero 11) che apre la partita con la sua prima rete. Secondo tempo ancora bene in partita per i rossoverdi che chiudono prima della pausa lunga sul 4-6, con uno straordinario Negri che più volte nega i gol al Brescia. Due i rigori concessi al Posillipo, che non riesce a trasformare in gol: sbaglia capitan Saccoia nel terzo tempo, che si lascia parare da Del Luongo e sbaglia Mattiello che prende la traversa. Sbaglia anche il Brescia, che prende la traversa con Cannella dai 5 metri nel primo quarto di gioco.

In rete tra le fila dei padroni di casa Marziali appunto, Parrella e Picca. Unica espulsione per somma di falli, quella del n. 10 in calottina Bianca, Andrea Scalzone, nel quarto tempo.

Una gara tosta per i più giovani che hanno dovuto fare a meno anche di Massimo Di Martire, tenuto fuori dalla rosa in via precauzionale per un disturbo alla schiena. Ciò nonostante il CN Posillipo ha saputo almeno in parte, non farsi sopraffare dall’AN Brescia. I parziali del 2-1/2-5/2-5/0-3, raccontano, infatti, di una gara dal finale più che prevedibile dove l’obiettivo dei rossoverdi era fare una buona prestazione, cosa riuscita nei primi due quarti, come sottolinea anche l’allenatore Roberto Brancaccio: “I primi tempi della partita sono stati quelli dove abbiamo retto bene l’impatto, negli ultimi due la superiorità fisica del Brescia è inevitabilmente venuta fuori. I giovani hanno sofferto tantissimo negli ultimi due tempi, dopo la pausa lunga e adesso è più fondamentale che mai lavorare su molti aspetti. Abbiamo fatto un passo indietro rispetto all’ultima gara”, commenta l’allenatore del Posillipo, “ma era prevedibile, nonostante l’alto livello dei primi due tempi, venendo fuori la forza del Brescia. E proprio la sua caratura ci ha riportati ai punti più deboli su cui lavorare. Ci prendiamo comunque quanto di buono fatto in questi due primi tempi di partita da cui ripartire”, conclude Brancaccio.

Foto di Nunzio Russo

Area Comunicazione

PALLANUOTO: IL POSILLIPO OSPITA ALLA SCANDONE L’ AN BRESCIA

DOMANI, MERCOLEDÌ 6 NOVEMBRE ALLE 20:00, IL POSILLIPO OSPITA GLI AVVERSARI DELL’AN BRESCIA ALLA PISCINA SCANDONE

È un Posillipo rinvigorito dalla vittoria del derby di sabato scorso nella quinta giornata del campionato maschile di pallanuoto di serie A1, alla piscina “Alba Oriens” di Casoria contro i cugini del CC Canottieri, quello che domani alle ore 20.00 nella rinnovata – e ritrovata – Scandone ospiterà gli avversari dell’AN Brescia, allenati da Alessandro Bovo e che quest’anno hanno rinforzato la sua rosa con innesti importanti, tra cui Cannella e Alesiani, giovani di grandi prospettive, tra i protagonisti della vittoria finale dell’Italia alle ultime Universiadi di Napoli alla Scandone, e Figari, tra i protagonisti, invece, della scena mondiale.

Una gara tutt’altro che semplice quella che attende i rossoverdi, risaliti in classifica con l’aggancio alle cinque squadre a quota 5 punti, che se la vedranno con la compagine bresciana al terzo posto in classifica, che considera la sfida di sabato come una “rotta su Napoli per preparare al meglio la gara di
Euro Cup” del Sabato successivo.

Il Posillipo ambisce a confermare quanto di buono fatto nel derby, nella vasca di casa della Scandone, dove sinora ha rimediato due pareggi – contro la RN Florentia e nel derby regionale contro la RN Salerno – e a far bella figura davanti al suo pubblico. Roberto Brancaccio punta ancora sui giovani, brillantemente trainati dai soliti senatori, con il capitano Paride Saccoia a fare da capofila, seguito dai vari Negri, Scalzone, Mattiello e Marziali, con un Massimo Di Martire sempre più certezza per l’allenatore rossoverde che così commenta la gara alla vigilia: “Sappiamo che il Brescia è una formazione rodata e consolidata in questi anni, nonostante i cambi di questa stagione. Noi puntiamo sui nostri giovani e stiamo lavorando per creare una squadra compatta e capace di gestire al meglio tutti e quattro i tempi, come abbiamo fatto appunto nel derby. Sappiamo che il divario tra noi e gli avversari è ampio. Ma puntiamo ad una buona partita attraverso cui crescere e affrontare così al meglio il prosieguo di stagione”.

Area Comunicazione