PALLANUOTO: RINNOVANO IL CONTRATTO IL CAPITANO SACCOIA, BRIGANTI E MANUEL LANFRANCO

30/06/2022 In News, Pallanuoto

Il C.N. Posillipo comunica di aver rinnovato, con il suo Presidente Filippo Parisio, e con la preziosa collaborazione del consigliere delegato alla Pallanuoto del Circolo Nautico Posillipo Gigi Massimo Esposito, i contratti per la stagione 2022-2023 con il Capitano Paride Saccoia, e con i giocatori Lorenzo Briganti, e Manuel Lanfranco.

Altre conferme dunque per la squadra di Coach Brancaccio in vista del prossimo campionato di Serie A1.

Paride Saccoia, al Posillipo dal 2006, Vincitore della Coppa Len nel 2015, Briganti e Manuel Lanfranco si uniscono cosi’ ai già confermati Abramson, J. Lanfranco, Picca, Spinelli ed Aiello che, insieme all’americano Ben Stevenson, protagonista con la nazionale Usa al Mondiale in Ungheria, formeranno la rosa della formazione rossoverde.

| Area Comunicazione

PALLANUOTO: TYLER ABRAMSON PROTAGONISTA CON IL TEAM USA IN COPPA FINA

14/03/2022 In News, Pallanuoto

Tyler Abramson Coppa Intercontinentale AmericaIl nuovo mancino del Circolo Nautico Posillipo Tyler Abramson, ha vinto con la Nazionale USA la Intercontinental Cup che si è disputata a Lima in Perù.

Abramson è stato tra i protagonisti del prestigioso torneo, che comprende le squadre del continente americano e dell’Oceania, e qualifica le squadre per la super final della World League di Parigi. Nella finale vinta dagli USA contro l’Australia, Tyler Abramson ha realizzato una rete.

| Area Comunicazione

PALLANUOTO: IL GIOCATORE AMERICANO TYLER ABRAMSON AL POSILLIPO

12/01/2022 In News, Pallanuoto

Il Ciscolo Nautico Posillipo comunica di aver ingaggiato il giocatore americano Tyler Abramson
Nato ad Orinda, in California il 30/12/1998, Abramson è un mancino di 188 centimetri per 92 Kg di Peso.

Tyler Abramson

Tyler Abramson

Prodotto della Stanford University, con cui ha vinto nel 2019 il titolo NCAA, il nuovo giocatore del Circolo Nautico Posillipo è stato nominato per tre stagioni consecutive, dal 2018 al 2020, nella squadra migliore del Campionato Universitario Americano.

I prestigiosi risultati ottenuti a Stanford hanno portato Abramson nel giro della forte nazionale americana. Con la calottina statunitense il giocatore californiano ha ottenuto l’argento nelle Universiadi disputate a Napoli nel 2019, cedendo solo in finale alla nazionale italiana. Negli ultimi anni il mancino rossoverde è entrato in pianta stabile nelle convocazioni della prima squadra.

Il giocatore americano è arrivato ieri sera a Napoli e questa mattina ha incontrato l’allenatore Roberto Brancaccio, sostenendo il primo allenamento con i nuovi compagni di squadra al Circolo Nautico Posillipo.

Con l’arrivo di Abramson Il C.N. Posillipo ingaggia un giocatore di livello internazionale che potrà contribuire in maniera decisiva al raggiungimento degli obiettivi stagionali.
Contestualmente il C.N. Posillipo comunica di aver risolto consensualmente il rapporto con il giocatore Maros Tkac.

La società rossoverde ringrazia il giocatore slovacco per l’impegno profuso e gli augura le migliori fortune umane e professionali per il prosieguo della carriera.

| Area Comunicazione

DUE METRI, LA PALLANUOTO VISTA DA VICINO

05/11/2021 In News, Pallanuoto

PUNTATA DEL 4 NOVEMBRE 2011
Massimo Di Martire, attaccante del Circolo Nautico Posillipo, analizza il momento vissuto dalla formazione partenopea e presenta il match di sabato contro la SS Lazio Nuoto, incontro valevole per la quinta giornata di andata del campionato di serie A1.

| Area Comunicazione

PALLANUOTO: INTERVISTA A PARIDE SACCOIA

29/10/2021 In News, Pallanuoto

Due Metri, la pallanuoto vista da vicino 28-10-312°puntata

Paride Saccoia, capitano del Circolo Nautico Posillipo, analizza il momento vissuto dalla rinnovata formazione rossoverde, e presenta il match di sabato contro la SS Lazio, incontro valevole per la quarta giornata del girone di andata del campionato di serie A1.

| Area Comunicazione

WEEK END D’ORO PER IL POSILLIPO: INCETTA DI MEDAGLIE IN TUTTI GLI SPORT

DA “ILMATTINO.IT” DEL 5 MAGGIO 2021 DI GIANLUCA AGATA

Canoa, canottaggio, nuoto, pallanuoto, vela. E sulla terra ferma, anche la scherma: il Circolo Nautico Posillipo continua ad essere la fucina di giovani campioni orgoglio della terra partenopea che nei decenni è stata la scuola dello sport campano, italiano e internazionale, dimostrandolo alla ripresa dei campionati giovanili dove ottiene risultati straordinari in praticamente tutte le discipline praticate.

E alla naturale vocazione ad eccellenza negli sport del mare del sodalizio rossoverde, si accompagna anche la grande capacità dei suoi schermitori: nelle ultime gare, il Posillipo ha, infatti, fatto incetta di medaglie e trofei, in un periodo come quello attuale in cui la pandemia ha messo a dura prova lo sport ma non ha impedito agli atleti di continuare a vincere, appunto.

Ultima, in ordine di tempo per il Posillipo, la straordinaria prestazione degli schermitori alla Prova di Qualificazione ai Campionati Italiani di Casagiove; dagli under 14 agli under 20, passando per gli under 17, il Posillipo vince: 3 ori, 3 argenti e 3 bronzi. Medagliere pieno anche per i canottieri del Circolo al II Meeting Nazionale Lago Patria: 7 ori conquistati, 5 argenti e 3 bronzi.

Un altro risultato importante per il canottaggio posillipino, che ancora una volta brilla in gara, dopo il successo al Trofeo Paolo D’Aloja. Restando in acqua, brillano anche i nuotatori rossoverdi che ai Campionati Nazionali di Categoria su base regionale alla piscina “Scandone” conquistano 6 ori, 11 argenti e 9 bronzi.

Vince, manco a dirlo, anche la pallanuoto: la formazione under 20 fa benissimo nell’avvio del suo campionato con quattro vittorie su quattro gare disputate. Nella canoa, il medagliere poi, trabocca: ben 22 ori, 10 argenti e 5 bronzi portati in Via Posillipo nel Campionato Regionale 1000 metri e Gara regionale Under 14.

Nella vela, dominio sia con l’equipaggio femminile sia con quello maschile nella Selezione nazionale laser di Castellammare di Stabia: il primo stravince la classifica assoluta e quella femminile in classe Laser Radial, con 4 primi posti nelle cinque regate disputate; il secondo vince con scarto in classe Laser 4.7 la classifica finale, collezionando ben 2 primi posti e 2 secondi su 5 regate.

Insomma, il Posillipo fa bene, a riprova dell’impegno della dirigenza nel guidare, accompagnare e motivare i suoi atleti, grazie anche allo straordinario lavoro di allenatori, consiglieri e staff. Un lavoro sempre di squadra, come dev’essere in ogni sport che si rispetti: «Lo sport per i nostri giovani resta la nostra più grande vocazione”, conferma il vicepresidente sportivo Antonio Ilario, “e riuscire a trasmettere, oltre ai valori legati alla pratica sportiva, anche quella giusta grinta agonistica, non può che riempirci di soddisfazione e soprattutto lasciarci ben sperare sul futuro dei nostri campioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
| Area Comunicazione

DPCM, CHIUSA AL PUBBLICO LA PISCINA DEL CIRCOLO POSILLIPO

DOPO LE DISPOSIZIONI DEL NUOVO DPCM A NAPOLI CHIUDE AL PUBBLICO LA PISCINA DEL CIRCOLO POSILLIPO

Ecco le prime immagini e il commento di Maurizio Santucci, Coordinatore Piscina Poerio, e Antonio Ilario, Vicepresidente Sportivo Circolo Nautico Posillipo. “Il danno è doppio, sia per la chiusura dell’impianto sia per le persone con patologie che non potranno fare terapia riabilitativa” commenta così Maurizio Santucci. Il Vicepresidente poi aggiunge: “Continuiamo a stare aperti per permettere agli atleti di allenarsi per le competizioni nazionali. Uno sforzo consistente, non sappiamo quanto potremo resistere“.

da video.repubblica.it

| Area Comunicazione

PALLANUOTO: CONFERENZA STAMPA ANNULLATA

28/09/2020 In Casa Sociale, News, Pallanuoto

È STATA ANNULLATA E RINVIATA ALLA PROSSIMA SETTIMANA LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA PRIMA SQUADRA

A seguito della positività al Covid19 di un giocatore del Telimar, con cui il Posillipo ha disputato la gara di qualificazione della Coppa Italia di pallanuoto lo scorso 25 settembre, la squadra della pallanuoto Posillipo si è sottoposta nella giornata di oggi all’esame del tampone.

In attesa dei risultati, ci troviamo costretti ad ANNULLARE la conferenza stampa di presentazione della squadra in programma oggi al Circolo Posillipo, che è rimandata alla prossima settimana.

| Area Comunicazione

PALLANUOTO: AMARCORD ROSSOVERDE, POSILLIPO CAMPIONE D’EUROPA 22 ANNI FA A ZAGABRIA

09/06/2020 In Pallanuoto

DA IL MATTINO DEL 8 GIUGNO 2020 di Diego Scarpitti

Posillipo 98
Quel giorno sulla vetta d’Europa. Una grande pagina di storia a tinte rossoverdi, un derby italiano in terra straniera. Correva l’anno 1998. Le foto di 22 anni fa, preziose e suggestive, appaiono nel loro profondo significato. Non operazione nostalgia ma il tentativo di scavare nei cassetti della memoria e riportare alla luce un successo indimenticato. Dopo la vittoria alla Scandone dell’anno precedente (5 aprile 1997 versus Mladost), il Posillipo del compianto Paolo De Crescenzo «signore degli scudetti, delizioso maestro di vita e di sport, sublime professore di pallanuoto», come ricorda Franco Esposito con il suo tratto fine e inconfondibile, segnava il bis.

Campioni d’Europa Milan Tadić, Marcello De Georgio, Tamás Kásás, Franco e Pino Porzio, Francesco Postiglione, il mancino Gergely Kiss, Fabio Galasso, Luca Giustolisi, Fulvio Di Martire, Carlo Silipo, Fabio Bencivenga, Antracite Lignano, che superarono 8-6 il Pescara di Manuel Estiarte, Francesco Attolico, Amedeo Pomilio, i fratelli Alessandro e Roberto Calcaterra, Sandro Bovo. Della compagine posillipina presenti e festanti il fisioterapista Silvio Ausiello, il medico Maurizio Marassi, il preparatore Dino Sangiorgio, il dirigente Gianni Grieco.

«La vittoria sancì la nostra doppietta. Ci tenevamo alla conferma con quel gruppo. Il trionfo non certo emotivamente coinvolgente come Napoli l’anno precedente», ricorda Silipo. «Situazione a tratti surreale, perché il pubblico di casa sperava di vedere Mladost Zagabria in finale per una possibile rivincita». Così non avvenne. «Vigilia pensierosa. Gli abruzzesi eliminarono i croati in semifinale e fu una vera sorpresa», ammette il gigante napoletano. «Ci imponemmo con due gol di scarto, gestendo abbastanza bene l’andamento della sfida», sottolinea l’oro olimpico a Barcellona’92, poi bronzo ad Altanta’96. «Rivedendo quelle immagini traspare una squadra serena: alle spalle c’era una società presente. E poi tanti soci al seguito, anche in trasferta. L’immagine più nitida e bella la vicinanza del circolo e della dirigenza dell’epoca», afferma l’Hall of Fame. Festeggiamenti al ristorante di Zvonimir Boban (sì proprio lui, «Zorro», che alzò la Coppa dalle grandi orecchie con la maglia del Milan nel 1994). «Cena simpatica con più di 50 soci in un clima gioioso».

Da incorniciare il 6 giugno nel calendario posillipino. Gli storici ricorderanno, invece, la morte di Camillo Benso conte di Cavour, avvenuta in quello stesso giorno nel 1861. «Sempre particolari le vittorie del Posillipo. Tensione naturale alla vigilia. Indimenticabili resteranno le tre Champions (1997, 1998, 2005 unitamente a Silipo e Postiglione) vinte con una squadra non costruite al computer ma sulla passione, lo spirito di sacrificio, la voglia di fare e di aiutare i propri compagni. Una formazione non assemblata con l’algoritmo. E’ sempre stato il cuore a fare la differenza nei momenti di difficoltà», rammenta Bencivenga, il «drago di Curti», centroboa dalle lunghe leve.

A richiamare l’aneddoto più stuzzicante Postiglione, con il «paraustiéllo» adatto per la circostanza del tempo, scelto sapientemente da Pino Porzio. «Amma tirà a varc osciutt», disse il giocatore napoletano (sportivo italiano più vincente di sempre), che conquisterà l’Eurolega 7 anni dopo anche da allenatore. «Una metafora calzante per indicare l’ultimo sforzo da compiere. Come il pescatore solito nell’atto di portare il pescato a riva e trascinare a dovere le reti, così il Posillipo doveva compiere l’ultimo atto: alzare la coppa e portarla a casa. E così avvenne, al termine di un match tirato e con una grande prestazione di Fulvio Di Martire», argomenta l’attuale vicepresidente Fin.

Alla sirena l’indicibile esultanza e il tuffo in acqua di Vincenzo Di Laurenzio, figlio di Salvatore, arbitro di serie A1, a raggiungere quel Posillipo stellare, stabilmente sul tetto d’Europa.

| Area Comunicazione