VELA: I ROSSOVERDI DI NUOVO A GONFIE VELE

12/07/2020 In News, Vela

La vela, da tutti ritenuta uno sport a rischio zero, in quanto si pratica in mare o in lago all’aria aperta, e per il naturale distanziamento, è ripartita al Posillipo il 21 maggio attenendosi rigidamente ai protocolli nazionali e regionali anti Covid, nonché alle linee guida della Federazione Vela, molto attenta alla salute dei suoi atleti.

Al Circolo Posillipo la Vela è stato uno dei primi sport a ripartire. Per primi il 21 maggio sono riscesi in acqua, agli ordini dell’allenatore Antonio Petroli, i timonieri della squadra agonistica rossoverde della classe Laser, uno dei team più numeroso e quotato del nostro Golfo sia a livello zonale che nazionale. A seguire hanno ricominciato le lezioni in mare i ragazzi della scuola Windsurf curata dall’istruttrice Chiara Nonno. Mentre dal mese di giugno hanno ripreso la loro attività i timonieri agonisti della squadra Optimist, agli ordini dell’allenatore Mattia Pressich. In contemporanea sono iniziati gli allenamenti della scuola vela Optimist e i corsi intensivi settimanali di avviamento alla vela, curati dai nostri atleti aiuto istruttori Maria Francesca Autiero e Fabrizio Perillo, coordinati dal capo allenatore Antonio Petroli.

Per un nuovo inizio la Federazione italiana Vela ha ricalendarizzato le regate, e annullando i campionati giovanili di Cagliari, per separare in diverse località le classi, evitando così gli assembramenti, ha deciso di far svolgere sul lago di Garda i giovanili di classe Optimist e a Salerno i Campionati italiani giovanili di classe Laser 4.7 e Radial nella prima settimana di settembre.

Intanto si sono classificati alla Coppa Prima Vela del Garda, nella prima regata post Covid del nostra V Zona, valida come selezione, i giovanissimi timonieri Optimist classe 2011 Donato Foschini e Giovanni Morra. Dal 13 luglio poi l’allenatore della Nazionale italiana giovanile under 19 di classe Laser, Alpa Alpagut, terrà per tutta la prossima settimana nelle acque del golfo di Napoli due raduni di perfezionamento, che hanno visto convocati in classe 4.7 i nostri timonieri Dylan Parisio e Giacomo Vallefuoco, e in classe Radial i rossoverdi Giorgia Deuringer, Aldo Perillo e Marlon Alem, ai primi posti della ranking zonale, in attesa di svolgere un’ulteriore selezione prima della fine del mese di luglio che vedrà certamente numerosi atleti laser posillipini qualificati ai Campionati Italiani giovanili di Salerno, in programma ad inizio settembre.

| Area Comunicazione

IL CIRCOLO POSILLIPO – VILLA MON PLASIR SI ILLUMINA DI BELLEZZA E SOLIDARIETÀ!

10/07/2020 In Casa Sociale, News

“DIAMO LUCE ALLA VITA!”
Venerdì 17 luglio, dalle ore 19.30, il Circolo Nautico Posillipo-Villa Mon Plaisir inaugurerà una nuova illuminazione con i colori rossoverdi, in segno del ritorno alla vita, sociale e sportiva, del Circolo e della Città di Napoli.

Premio PosillipoAlla manifestazione, voluta dal comitato organizzatore grandi eventi del CNP composto da Filippo Smaldone, Massimo Falco, Gennaro Famiglietti e Nunzia Marciano, e promossa in collaborazione con la Fondazione Cultura & Innovazione e l’Istituto di Cultura Meridionale, interverrà SE il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, al quale con l’occasione sarà consegnato simbolicamente il Premio Internazionale “Posillipo, Cultura del Mare” in segno di gratitudine per la vicinanza al Circolo e alla Città.

In stretto rapporto con la FENCO – Federazione Nazionale dei Diplomatici e dei Consoli Esteri in Italia – coordinata sull’intero territorio nazionale dall’avvocato Famiglietti saranno rimarcati l’impegno, la solidarietà e la fratellanza tra le istituzioni del territorio – in primo luogo la Chiesa – e le personalità della diplomazia internazionale.

Abbiamo affrontato mesi difficili e dolorosi”, afferma a riguardo il presidente del Posillipo, Vincenzo Semeraro, “e con questa occasione vogliamo simboleggiare il ritorno alla vita attraverso la luce ma soprattutto attraverso le personalità di rilievo che danno lustro alla Città.”

Con Sua Eminenza saranno altresì premiati Beya ben Abdelbaki, la Console Generale di Tunisia per il Sud Italia; Amedeo Manzo, Presidente BCC Napoli e Presidente Federazione BCC della Campania; la Fondazione Grimaldi, nella persona del direttore generale Luca Marciani; la Fondazione Cultura & Innovazione, nella persona del presidente Riccardo Iuzzolino, e Massimo Di Martire, pallonuotista del Posillipo, medaglia d’oro alla 30th Summer Universiade Napoli 2019, Men Water Polo.

Per il mondo della scuola sarà attribuito un riconoscimento alla dirigente scolastica dell’IP.S.E.O.A. Duca di Buon Vicino, prof.ssa Carmela Musello per l’impegno e la costanza nella diffusione ai suoi studenti del tema della salvaguardia dell’ambiente e dell’ecosostenibilità.

I premi sono opera dello scultore Lello Esposito che ha assicurato la sua firma artistica anche a questa edizione.
Nel corso della serata sarà rivolto un pensiero ai soci del Circolo che sono mancati durante la pandemia da Covid19: l’avvocato Enrico Tuccillo e il dottor Raffaele Pempinello.
Nello Salza, tromba, collaboratore di Ennio Morricone in oltre 400 colonne sonore, e Simonetta Tancredi, piano, renderanno omaggio all’illustre Maestro, recentemente scomparso. Consulenza enologica a cura della Dr.ssa Paola Massamormile.
Interverranno alla manifestazione autorità istituzionali e sportive.

Si ringrazia “UNICO ENERGIA, in particolare il Suo Presidente Aldo Arcangeli socio del Circolo Posillipo, per la gentile concessione ed installazione dell’impianto di illuminazione.

L’evento è riservato ai soci del Circolo, alle autorità del territorio, agli sportivi e ai rappresentanti della stampa.
Si precisa che l’evento si terrà nel pieno rispetto di tutte le normative previste dai Decreti Ministeriali vigenti per l’emergenza COVID-19.

| Area Comunicazione

LO SPORT AL POSILLIPO NON SI FERMA MA RADDOPPIA

ALLA PISCINA SI AGGIUNGE IL CAMPO DI PALLANUOTO A MARE

Antonio Ilario

Antonio Ilario

Lo sport al Circolo Posillipo non si ferma ma raddoppia: alla piscina si aggiunge il campo di pallanuoto a mare. “Siamo passati dall’utilizzo di moderni strumenti per gli allenamenti on line durante la quarantena, ad un ritorno al passato: la pallanuoto giocata a mare”, a spiegare la scelta del sodalizio è il vicepresidente sportivo del Circolo Nautico, Antonio Ilario, indicando il campo di pallanuoto, che fa bella mostra di sé a pochi metri della scogliera, dove si allenano i pallanuotisti posillipini di tutte le categorie.

Roberto Brancaccio

Roberto Brancaccio

A fargli eco l’allenatore della prima squadra di pallanuoto del Posillipo, Roberto Brancaccio: “Abbiamo lavorato anche nel periodo della quarantena, sempre pronti a ripartire in conformità alle varie disposizioni. Per la pallanuoto, il campo a mare sarà utilizzato da atleti di tutte le fasce d’età, dai piccolissimi ai master e da chiunque voglia avvicinarsi agli sport acquatici. Ma”, aggiunge Brancaccio, “sarà usato anche per divertirsi facendo sport, sfruttando un’immensa risorsa che è quella del mare di Posillipo”. “L’obiettivo da cui il Posillipo non ha mai distolto l’attenzione è quello di continuare a praticare sport in sicurezza anche durante la stagione estiva”, sottolinea il Presidente del Circolo Vincenzo Semeraro, “non solo per gli atleti agonisti, ma anche per i praticanti lo sport di base e la nostra offerta formativa, grazie alla molte discipline sportive praticate e alla possibilità di usufruire del mare, è stata particolarmente gradita, non solo dai giovani neoatleti, ma anche dai loro genitori”.

Vincenzo Semeraro

Vincenzo Semeraro

Il mare protagonista dunque, che ha accolto anche il nuoto, e proprio in questi giorni, il Posillipo vanta la convocazione di Emanuele Russo al Collegiale di lavoro della nazionale di nuoto a Piombino.

Nel mare del Posillipo si stanno poi svolgendo i corsi di avviamento allo sport della vela, della canoa, della canoa polo, del windsurf, del canottaggio anche con le barche di coastal rowing, mentre i giovani schermidori lanciano i loro primi assalti su quella scogliera del Posillipo che davvero sembra una pedana naturale.

Insomma, la stagione al Circolo continua in grande stile, nel segno dell’amore per lo sport, immersi nel meraviglioso mare del sodalizio di Via Posillipo.

| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: APERITIVI IN TERRAZZA

07/07/2020 In Casa Sociale, News

A partire da giovedì 9 luglio al Circolo ci sarà un nuovo appuntamento con la bellezza e la convivialità degli “aperitivi in terrazza”, in programma dal giovedì al sabato, dalle ore 19 alle ore 21.

L’aperitivo sarà accompagnato da una piacevole musica di sottofondo e stuzzicherie e sarà riservato ai Soci con un massimo di un ospite per Socio.

È gradita la prenotazione presso la portineria del Circolo.

Vi ricordiamo di rispettare tutte le disposizioni per il Covid19 ancora in vigore.

| Area Comunicazione

TRIATHLON: VERONICA YOKO PLEBANI OSPITE AL CIRCOLO

06/07/2020 In News, Triathlon

L’ATLETA NAZIONALE DI PARATRIATHLON È STATA OSPITE DEL POSILLIPO PER GIRARE ALCUNE SCENE DEL DOCUMENTARIO “CORPO A CORPO”

Il Circolo Nautico Posillipo ha con onore ospitato questa mattina nei suoi saloni e nelle acque di Posillipo, Veronica Yoko Plebani, atleta della nazionale di paratriathlon che ha scelto i luoghi del Circolo per girare alcune scene del documentario “Corpo a corpo” (regia di Maria Iovine – Age d’or produzione), ritratto di una giovane donna di ventiquattro anni, nata in provincia di Brescia con una grande voglia di affermarsi e di lasciare un segno.

Veronica Yoko Plebani al Circolo (1)Ad accoglierla al Circolo Posillipo, il Presidente Vincenzo Semeraro e il vicepresidente sportivo Antonio Ilario mentre ad accompagnarla e affiancarla, nuotando con lei, nella sua visita al Posillipo il dirigente del settore triathlon Neil Macleod, nonché Project Manager del settore Paratriathlon per la Federazione Italiana Triathlon della cui rappresentativa nazionale Veronica è elemento di punta.

Siamo fieri e orgogliosi che un’atleta come Veronica abbia scelto il nostro Circolo per girare alcune scene del suo racconto di vita, che si lega a doppio filo con lo sport”, ha detto il Presidente Semeraro.

Veronica aveva solo 15 anni quando una meningite batterica l’ha costretta a letto per un anno in bilico tra la vita e la morte. Il suo corpo è stato segnato per sempre, ma Veronica non si è mai persa d’animo: ha trasformato in opportunità la sua terribile malattia. Dopo aver rappresentato la nazionale italiana alle Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 nella specialità dello Snowboard e a Rio 2014 nel Kayak, si sperimenta nel triathlon, uno sport composto da tre frazioni: nuoto ciclismo e corsa.

| Area Comunicazione

SCHERMA: IL PRESENTE E IL FUTURO DELLA SCIABOLA MASCHILE

28/06/2020 In News, Scherma, Sciabola

DA ANYGIVEN SUNDAY – intervista di Luca Giovangiacomo a Luca Curatoli

Abbiamo raggiunto Luca Curatoli, classe 1994, napoletano, uno dei membri della squadra di sciabola maschile già qualificata per Tokyo 2020. Non solo, Luca rappresenta oggi il presente ed il futuro della sciabola italiana.

Allenato dal fratello Leonardo Caserta, è cresciuto al prestigioso Posillipo dove si è allenato insieme a Diego Occhiuzzi (argento individuale alle Olimpiadi). Luca ha già al suo attivo 1 oro, 1 argento e 3 medaglie di bronzo ai mondiali (di cui una individuale), 4 medaglie d’argento e 2 bronzi (uno individuale) agli europei. La sua prima vittoria in Coppa del Mondo nel 2017 a Mosca, a casa dei russi, un Grand Prix con punteggio doppio. Città con la quale Luca pare avere un feeling particolare avendo vinto sempre a Mosca anche i Mondiali a squadre nel 2015, 20 anni dopo l’ultimo successo datato 1995 quando nella squadra del tempo c’era un certo Raffaello Caserta, altro fratello di Luca, che fu artefice di una clamorosa, inaspettata e fantastica rimonta che consentì all’Italia di conquistare l’oro.

Questa settimana si è tenuto il primo collegiale della nazionale assoluta di sciabola maschile. Come è stato riprendere e come è stato rivedere i tuoi compagni di squadra?
La settimana di ritiro di sicuro ci voleva, è stata la prima occasione per rivedere i compagni e di condividere un po’ i pensieri su questo momento che abbiamo passato e ritrovare la giusta carica. Per fortuna siamo molto legati tra noi ed è stato davvero divertente trascorrere un po’ di tempo insieme e di ricominciare ad allenarci e tornare alla normalità.

Il periodo di stop forzato è stato lungo. Come sei riuscito a mantenerti in forma?
La fortuna è stata quella di avere un piccolo terrazzo che ho reinventato un po’ come palestra, ordinando anche qualche attrezzo online, e rimanendo in costante contatto telefonico con il mio maestro Leonardo Caserta e il mio preparatore atletico Roberto De Cesare che mi hanno di certo aiutato in questo periodo non semplicissimo per un atleta.

La stagione che si è interrotta bruscamente ti vede quarto assoluto nel ranking mondiale. Qual è il tuo bilancio personale?
Il bilancio è sicuramente positivo, considerando il mondiale scorso e le prime gare non posso nascondere che mi trovavo in un buon periodo di forma, dovrò essere bravo a sfruttare questo periodo per crescere per poter dare sempre di più.

La squadra è qualificata a Tokyo2020. Come influisce il posticipo di un anno?
Sarei ipocrita a non dire che il posticipo delle Olimpiadi mi è dispiaciuto essendomi guadagnato il pass olimpico sul campo, e dato che già stavo assaporando quei momenti che avevo solo sentito raccontati perché mai vissuti. Ma con la giusta razionalità era la cosa migliore da fare dato il momento che stiamo vivendo, cercherò di fare in modo di arrivare ancora più pronto avendo un anno in più per prepararmi e lavorerò duro per questo.

Montano avrà 42 anni ed ancora pare non abbia preso una decisione certa sul esserci o no. Cosa significa per te avere un atleta del suo calibro all’interno del team? Aldo non può che essere una grande fonte di ispirazione,la sua voglia e determinazione è invidiabile, dispiace questo rinvio anche perché rende il suo futuro leggermente più incerto,ma sono sicuro che farà di tutto per esserci e lo dimostrerà sul campo.

Se la partecipazione a squadre è sicura quella individuale ancora non è stata defnita dal CT Sirovich. Come incide tutto questo sul tuo modo di affrontare la stagione?
Il mio obiettivo sarà quello di partecipare anche alla gara individuale oltre che a quella a squadre. Io penso ad allenarmi e dare il massimo in pedana, ho sempre fatto così e credo sia il modo più giusto per arrivare a perseguire i propri obbiettivi e sogni.

Sei allenato da tuo fratello Leonardo (Caserta). Com’è il rapporto con lui?
Il rapporto con Leo è molto particolare, ad essere onesto non saprei come definire il nostro rapporto, se più di fratellanza o di maestro/atleta, di certo siamo molto affiatati ed entrambi molto pignoli. Ci diamo la carica a vicenda per affrontare i momenti più difficili e questo è uno dei nostri punti di forza.

Un altro fratello, Raffaello Caserta, è stato medaglia olimpica ed ha vinto numerosi titoli tra europei e mondiali. Senti il peso del confronto con lui o è piuttosto uno stimolo?
Mio fratello Raffy è sicuramente la persona per la quale ho iniziato a fare questo sport, ricordo che da piccolo durante le gare che vedevo in tv urlavo nello schermo e tifavo pensando che lui potesse sentirmi. Di certo il confronto con lui è molto stimolante, è stato un grande campione e spesso mi da dei consigli post gara o prima avendo anche lui molta esperienza. Non ho mai sentito pressione perché so che sono sostenuto in ciò che faccio dai miei fratelli e dalla mia famiglia e questo mi da molta carica agonistica e mi stimola a fare bene.

Qual è il tuo programma nei prossimi mesi?
La mia intenzione è quella di allenarmi fino alla fine di Luglio come se fosse una stagione normale che termina con il mondiale, per poi ripartire a settembre sperando che la situazione gare e nuova stagione sarà più definita, l’obbiettivo è quello di farsi trovare pronto a ricominciare sin dai primi di ottobre poi si vedrà.

Hai un atleta a cui ti ispiri (non necessariamente uno schermidore)?
Al di fuori del mondo schermistico mi piace molto Nadal e come ha saputo cambiare il suo modo di giocare e migliorarsi in molti aspetti , è una cosa alla quale punto anche io, sento di poter migliore ancora molto e spero di riuscirci al più presto.

| Area Comunicazione

CANOA: CORSI DI CANOA E CANOA POLO

16/06/2020 In Canoa, News

Riprendono i corsi di Canoa e Canoa Polo al Circolo Nautico Posillipo

I corsi si terranno nella sede del Circolo in via Posillipo dalle 9.00 alle 13.00 dal lunedì al venerdì e sono aperti ai ragazzi e alle ragazze dai 9 ai 14 anni.

Per informazioni e iscrizioni rivolgersi alla segreteria del Circolo: 081 5751282

Corsi di Canoa 2020| Area Comunicazione

CASA SOCIALE: FESTA DEL PORTOGALLO AL CIRCOLO POSILLIPO

14/06/2020 In Casa Sociale, News

L’EVENTO SU IL ROMA DEL 14-06-2020
In occasione dell’incontro operativo della rappresentanza campana dei consoli componenti la “Fenco”

Al Circolo Nautico Posillipo mercoledì è andato in scena l’incontro operativo della rappresentanza campana dei consoli componenti della Fenco-Federazione nazionale dei Diplomatici e Consoli esteri in Italia per sviluppare il progetto denominato “Il tavolo della diplomazia e la diplomazia a tavola”.

In tale occasione si è onorata la festa nazionale del Portogallo, in presenza del console onorario del Portogallo Maria Luisa Cusati, con un pranzo conviviale caratterizzato da degustazioni delle migliori tradizioni culinarie del Portogallo.

L’incontro è il primo di una serie di momenti al Circolo Posillipo con l’obiettivo di creare un appuntamento fisso che vedrà di volta in volta riuniti esponenti della diplomazia, delle istituzioni, dello sport, della cultura, dell’economia, delle arti e delle professioni, attraverso un confronto e una conoscenza reciproca tra i vari paesi e l’Italia, in particolare Napoli e il Mezzogiorno, quale contributo per lo sviluppo di relazioni internazionali e nuove opportunità.

La scelta del Circolo Posillipo è dettata sia particolare bellezza del luogo sia dalla sua storia e dalla sua naturale vocazione di sbocco sul mare, quale riferimento alla particolare attenzione ai paesi del bacino del Mediterraneo. Il legame tra Fenco e Circolo Posillipo, grazie all’avvocato Gennaro Famiglietti, console della Repubblica di Bulgaria, coordinatore nazionale della Fenco e socio del sodalizio di via Posillipo, si era già consolidato in occasione della seconda edizione del “Premio Posillipo, Cultura del Mare”, reso internazionale dalla consegna di riconoscimenti alll’ambasciatore della Repubblica di Malta, Vanessa Frazier, e all’ammiraglio James Foggo, nuovo comandante della Nato a Napoli.

All’incontro al Posillipo erano presenti l’avvocato Famiglietti con l’autorevole presenza di Beya Ben Abdelbaki Fraoua, console della Tunisia; l’avvocato Eugenio Maria Patroni Griffi, console onorario dell’Austria; l’avvocato Gennaro Danesi, console onorario del Nicaragua; il dottor Francesco Cossu, console onorario dello Zambi; la professoressa Maria Luisa Cusati, console onorario del Portogallo; l’avvocato Mario Luiz Piccaglia De Menezes, console onorario del Brasile; Maria Grazia Alvarez Rodriguez, console onorario dell’Ecuador; l’avvocato Carmine Capasso, console onorario dello Sri Lanka; l’avvocato Francesco Napolitano, console onorario della Mauritania; il dottor Giuseppe Genovese, console onorario del Belgio; il dottor Vincenzo Russo, console onorario della Lituania; l’avvocato Francesco Gala Trinchera, console onorario del Montenegro; il presidente del Circolo Posillipo Enzo Semeraro, i vicepresidenti Antonio Ilario e Antonio Parente e alcuni membri del Consiglio direttivo, tra cui Filippo Smaldone, Gianluca De Crescenzo, Sergio Campodonico, Pippo Russo e il dottor Aldo Arcangioli, Ceo di “UnicoEnergia”.

| Area Comunicazione

IlRoma-14-06-2020