PALLANUOTO: COPPA ITALIA, VINCE L’ORTIGIA MA BUONA PRESTAZIONE DEL POSILLIPO

19/09/2020 In News, Pallanuoto

10-7 PER L’ORTIGIA LA PRIMA SFIDA DI COPPA ITALIA ALLA SCANDONE

La prima delle tre sfide per le qualificazioni di Coppa Italia termina 10-7 con l’Ortigia che vince sui padroni di casa del Posillipo, che dalla loro conquistano il primo dei quattro tempi per 3 gol a 1.

Tutti in vasca alle ore 19.00, senza pubblico ovviamente, e con le dovute precauzioni da Covid19, tra mascherine e distanze. Ma in acqua è un’altra storia con le due compagini che se la giocano ad armi da definire pari, con i parziali che narrano di una solita Ortigia e di un piuttosto agguerrito Posillipo, così come si preannunciava alla vigilia della due giorni: 1-3/5-2/3-1/1-1, dove a decretare la vittoria siciliana sul tabellone è stato il terzo dei quattro tempi regolamentari.

Ad aprire la danza di reti è però un convincente Posillipo, ad un minuto dal fischio di inizio, e nello stesso prima tempo arriva anche l’unico rigore della gaa, a favore dell’Ortigia. Nel Posillipo, da segnalare i due esordi in prima squadra di Agostino Somma (classe 2004) e Lorenzo Telese (classe 2002), entrambi con buone prestazioni. Tre le espulsioni definitive da tabellino, per somma di falli tra le fila siciliane.

Per i rossoverdi, comunque, nulla da recriminare come sottolinea l’allenatore Roberto Brancaccio: “È stata una buona partita, i primi due tempi sono stati giocati molto bene. Nel terzo siamo calati un po’ ma sapevamo che poteva accadere. È chiaro che potevamo gestire meglio alcune situazioni ma nel complesso è stata una buona gara. Dal canto avversario, è venuta fuori la loro qualità natatoria, soprattutto negli due ultimi tempi”.

La corsa alla qualificazione per il Posillipo riprenderà domani, alle ore 18.30 contro i cugini della RN SALERNO.

| Area Comunicazione

TENNIS: RIPRENDONO I CORSI

16/09/2020 In News, Tennis

Corsi personalizzati

I corsi inizieranno il 21 settembre 2020 e termineranno il 30 maggio 2021

  • allievi da 8 anni in su con almeno un anno di tennis
    • Corsi da due allievi
    • Corsi da tre allievi
    • Corsi da quattro allievi (minimo 10 anni)
  • Corsi personalizzati da un allievo

Per informazioni rivolgersi alla segreteria

AL CIRCOLO POSILLIPO LA CAPRI-NAPOLI

09/09/2020 In Casa Sociale, News, Nuoto

IL PRESIDENTE SEMERARO: “IL MARE È SENSO DI APPARTENENZA”

Il mare è vita e libertà, soprattutto in questi tempi così difficili. E nel caso del mare di Posillipo, è anche appartenenza: è per questo che siamo felici che una competizione come la Capri-Napoli (non ufficiale) arrivi nello specchio antistante il nostro Circolo

A presentare la competizione non ufficiale in programma Venerdì 11 Settembre, è il Presidente del Posillipo Vincenzo Semeraro. La prova è valevole quale selezione per il trofeo Farmacosmo del 2021. L’arrivo è previsto intorno alle ore 15:00

In acqua si tufferanno (partenza da Le Ondine Beach Club alle 8 e arrivo nello specchio di mare antistante il Circolo Posillipo) 25 nuotatori: cinque quelli iscritti alla prova “Solo”, che emuleranno le imprese degli atleti professionisti provando a segnare il tempo minino (7 ore) valido per qualificarsi alla Capri-Napoli del prossimo anno e sono: l’irlandese Ned Denison, lo spagnolo Josè Ramon Sanz Rodenas e gli italiani Michele Barbuscia, Maurizio Mastrorilli e Laura Volpi. A completare il quadro degli atleti al via il doppio formato da Giuseppe Di Mare e Ivano Vano e le tre staffette del Circolo Nautico Posillipo, del Sorrento Infinity e dell’Asd Thebris.

Ringraziamo Luciano Cotena per aver voluto che la gara terminasse al Posillipo”, aggiunge infine il vice presidente sportivo del Circolo, Antonio Ilario: “Il nostro sodalizio è da sempre e sarà sempre casa di tutti gli sport“.

| Area Comunicazione

CANOA: SUCCESSI NELLA PRIMA GIORNATA DI GARE UNDER 14 A CALDONAZZO

29/08/2020 In Canoa Velocità, News

QUESTI I RISULTATI DELLA PRIMA GIORNATA DI GARE A CALDONAZZO (TRENTO)

UNDER 14
Primi classificati Giacomo Giannino e Leonardo Luise
Terza classificata Elena Trapani

Domani mattina sono in programma le finali dei 200

| Area Comunicazione

ANDIAMO IN KAYAK: CONCLUDI L’ESTATE CON NOI AL CIRCOLO POSILLIPO – EVENTO SOSPESO

27/08/2020 In Canoa, News

Prenota la tua settimana in canoa, ogni mattina dalle 9 alle 13.00, dal lunedì al venerdì, oppure compra il blocchetto di 10 lezioni, di 1 h e mezza l’una, e prenota l’orario che preferisci! EVENTO SOSPESO!

Corso settimanale € 70,00
Blocchetto 10 lez. € 70,00 H: 9.00-10.30/10.30-12.00/12.00-13.30/14.30-16.00/16.00-17.30/17.30-19.00
‍♂‍ Bimbi dai 9 ai 16 anni. Start : lunedì 31 agosto
Prenotazione obbligatoria. Corsi e lezioni a numero chiuso. AFFRETTATI!‍♀‍

Per info e prenotazioni ☎️ whatsapp al 3384826415
oppure scrivi una e-mail a cnposillipokayak@gmail.com
#kayaking #canoa #campus #campusestate2020 #inmareasettembre #inmare #posillipo #costaposillipo #circolonauticoposillipo #canoapolo #mare #kanupolo #divertimento #pagaiando #bimbiinmare #outdoorsports #sealife #unavitaincanoa #unavitainmare

| Area Comunicazione

LUTTO NEL MONDO DELLA VELA: ADDIO A CARLO ROLANDI

08/08/2020 In News, Vela

LE ESEQUIE A NAPOLI DOMANI, DOMENICA 9 AGOSTO, ALLE 10:00 PRESSO LA BASILICA DI SANTA LUCIA

Il Circolo Nautico Posillipo, il Presidente Enzo Semeraro e tutti i Soci del Sodalizio rossoverde, partecipano al grave lutto del mondo della vela per la scomparsa di Carlo Rolandi, presidente onorario FIV dal 1989. Nove Olimpiadi, Otto anni Presidente FIV, protagonista della vela tricolore in Italia e nel mondo.

La vela perde uno dei suoi uomini più grandi: si è spento serenamente nella notte nella sua casa a Napoli, Carlo Rolandi, Presidente Onorario della Federazione Italiana Vela dal 1989.

Classe 1926, Rolandi aveva compiuto 94 anni lo scorso 1 luglio, e nonostante l’insufficienza cardiaca che da qualche tempo lo ha progressivamente indebolito, è stato lucido fino alla fine, a coronamento di una vita che lo ha visto sempre attivissimo e appassionatissimo, sempre ricco di idee, progetti e voglia di fare, in particolare verso il “suo” mondo della Vela.

Carlo Rolandi, che aveva perso l’amatissima moglie Laura alcuni anni fa, lascia i due figli Adele e Gigi, sei nipoti e un gran numero di pronipoti, che adoravano il loro bisnonno straordinario.

Carlo Rolandi ha contribuito a scrivere la storia di quasi un secolo della vela sportiva italiana. Dopo aver iniziato molto giovane a fare regate, la passione e le capacità ne hanno fatto un personaggio completo che ha lasciato un solco nelle vicende di questo sport. Dal punto di vista sportivo Rolandi vanta innumerevoli titoli italiani e internazionali. Ha partecipato a ben 9 Olimpiadi, un record per il mondo della vela: a Londra 1948, Helsinki 1952, Melbourne 1956 è stato riserva. A Roma 1960 (regate a Napoli) è stato prodiere di Agostino Straulino sulla Star, sfiorando il podio e classificandosi al 4° posto. Poi altre due edizioni dei Giochi da riserva: Tokyo (Enoshima) 1964 e Messico 1968. Quindi a Los Angeles 1984, Seul 1988 e Barcellona 1992, è stato componente della Giuria Internazionale.

Impressionante anche la carriera di Carlo Rolandi dirigente sportivo: entrato molto giovane nel Consiglio Federale della FIV la prima volta nel quadriennio 1965-1968 (Presidente Beppe Croce), poi nelle Commissioni Atleti (1969-1972) e Altomare (1973-1976). Diventa Vicepresidente FIV nel 1977-1980, e quindi nel 1981 diventa Presidente della Federazione Italiana Vela (Beppe Croce Presidente Onorario), ruolo che ricoprirà per due quadrienni fino al 1988.

Dal 1989 diviene Presidente Onorario FIV (Presidente Sergio Gaibisso, e successivi Carlo Croce e l’attuale Francesco Ettorre), carica che ha effettivamente “onorato” con un ruolo attivo e presente quasi fino all’ultimo.

Dal 1987 e fino a pochi anni fa, ha ricoperto ruoli importanti nella Federvela mondiale IYRU (International Yacht Racing Union), poi ISAF (International Sailing Federation) e oggi World Sailing, lasciando per scelta personale quando l’età non gli consentiva più lunghi viaggi.
Viaggi che peraltro non si è fatto mancare anche di recente: nel 2016 volò a Rio de Janeiro, questa volta non per la vela, ma per seguire da vicino e sostenere suo nipote Matteo Castaldo, vincitore della medaglia di bronzo nel canottaggio.
Successi e soddisfazioni non gli sono mancati anche nella vita professionale: era uno stimato Commercialista, ed è arrivato a essere amministratore delegato della Metropolitana di Napoli, negli anni in cui nasceva la nuova linea 1 Secondigliano-Vanvitelli.

Circondato dai ricordi, dagli affetti e dalle amicizie, Carlo Rolandi ha vissuto serenamente i suoi ultimi mesi, curando con attenzione uno dei suoi lasciti più ingenti: uno straordinario archivio di storie, appunti, testi, agende, documenti, fotografie e video su oltre 70 anni di storia della vela italiana e mondiale. Un’eredità preziosa che racconta vicende, costumi, personaggi, evoluzioni e valori di uno sport che da sempre ha nella tradizione un suo elemento distintivo, e del quale Carlo Rolandi è stato interprete unico e irripetibile.

Il presidente della FIV Francesco Ettorre, a nome di tutta la Federazione, Uffici, Dipendenti, Consiglieri nazionali e periferici, Atleti e Staff tecnico, fino a tutti i Tesserati, rende omaggio a Carlo Rolandi esprimendo alla famiglia le condoglianze e la gratitudine di tutti per la sua vita dedicata alla Vela.

Queste le parole di Ettorre: “Con Carlo Rolandi perdiamo un grande personaggio che ha fatto la storia di questa Federazione anche attraverso il suo stile e il suo carisma. La Federvela ne ricorderà la gestione sempre illuminata e da grande sportivo. Personalmente resterà prezioso l’insegnamento che mi ha lasciato su come dirigere una Federazione e sull’importanza dei rapporti personali. Sicuramente come Federazione Italiana Vela avremo modo di sottolineare e rendere omaggio alla figura del nostro Presidente Onorario e alla sua lunga presenza tra noi che ha lasciato un segno indelebile.”

| Area Comunicazione

LO SPORT AL POSILLIPO NON SI FERMA MA RADDOPPIA

ALLA PISCINA SI AGGIUNGE IL CAMPO DI PALLANUOTO A MARE

Antonio Ilario

Antonio Ilario

Lo sport al Circolo Posillipo non si ferma ma raddoppia: alla piscina si aggiunge il campo di pallanuoto a mare. “Siamo passati dall’utilizzo di moderni strumenti per gli allenamenti on line durante la quarantena, ad un ritorno al passato: la pallanuoto giocata a mare”, a spiegare la scelta del sodalizio è il vicepresidente sportivo del Circolo Nautico, Antonio Ilario, indicando il campo di pallanuoto, che fa bella mostra di sé a pochi metri della scogliera, dove si allenano i pallanuotisti posillipini di tutte le categorie.

Roberto Brancaccio

Roberto Brancaccio

A fargli eco l’allenatore della prima squadra di pallanuoto del Posillipo, Roberto Brancaccio: “Abbiamo lavorato anche nel periodo della quarantena, sempre pronti a ripartire in conformità alle varie disposizioni. Per la pallanuoto, il campo a mare sarà utilizzato da atleti di tutte le fasce d’età, dai piccolissimi ai master e da chiunque voglia avvicinarsi agli sport acquatici. Ma”, aggiunge Brancaccio, “sarà usato anche per divertirsi facendo sport, sfruttando un’immensa risorsa che è quella del mare di Posillipo”. “L’obiettivo da cui il Posillipo non ha mai distolto l’attenzione è quello di continuare a praticare sport in sicurezza anche durante la stagione estiva”, sottolinea il Presidente del Circolo Vincenzo Semeraro, “non solo per gli atleti agonisti, ma anche per i praticanti lo sport di base e la nostra offerta formativa, grazie alla molte discipline sportive praticate e alla possibilità di usufruire del mare, è stata particolarmente gradita, non solo dai giovani neoatleti, ma anche dai loro genitori”.

Vincenzo Semeraro

Vincenzo Semeraro

Il mare protagonista dunque, che ha accolto anche il nuoto, e proprio in questi giorni, il Posillipo vanta la convocazione di Emanuele Russo al Collegiale di lavoro della nazionale di nuoto a Piombino.

Nel mare del Posillipo si stanno poi svolgendo i corsi di avviamento allo sport della vela, della canoa, della canoa polo, del windsurf, del canottaggio anche con le barche di coastal rowing, mentre i giovani schermidori lanciano i loro primi assalti su quella scogliera del Posillipo che davvero sembra una pedana naturale.

Insomma, la stagione al Circolo continua in grande stile, nel segno dell’amore per lo sport, immersi nel meraviglioso mare del sodalizio di Via Posillipo.

| Area Comunicazione

TRIATHLON: VERONICA YOKO PLEBANI OSPITE AL CIRCOLO

06/07/2020 In News, Triathlon

L’ATLETA NAZIONALE DI PARATRIATHLON È STATA OSPITE DEL POSILLIPO PER GIRARE ALCUNE SCENE DEL DOCUMENTARIO “CORPO A CORPO”

Il Circolo Nautico Posillipo ha con onore ospitato questa mattina nei suoi saloni e nelle acque di Posillipo, Veronica Yoko Plebani, atleta della nazionale di paratriathlon che ha scelto i luoghi del Circolo per girare alcune scene del documentario “Corpo a corpo” (regia di Maria Iovine – Age d’or produzione), ritratto di una giovane donna di ventiquattro anni, nata in provincia di Brescia con una grande voglia di affermarsi e di lasciare un segno.

Veronica Yoko Plebani al Circolo (1)Ad accoglierla al Circolo Posillipo, il Presidente Vincenzo Semeraro e il vicepresidente sportivo Antonio Ilario mentre ad accompagnarla e affiancarla, nuotando con lei, nella sua visita al Posillipo il dirigente del settore triathlon Neil Macleod, nonché Project Manager del settore Paratriathlon per la Federazione Italiana Triathlon della cui rappresentativa nazionale Veronica è elemento di punta.

Siamo fieri e orgogliosi che un’atleta come Veronica abbia scelto il nostro Circolo per girare alcune scene del suo racconto di vita, che si lega a doppio filo con lo sport”, ha detto il Presidente Semeraro.

Veronica aveva solo 15 anni quando una meningite batterica l’ha costretta a letto per un anno in bilico tra la vita e la morte. Il suo corpo è stato segnato per sempre, ma Veronica non si è mai persa d’animo: ha trasformato in opportunità la sua terribile malattia. Dopo aver rappresentato la nazionale italiana alle Olimpiadi Invernali di Sochi 2014 nella specialità dello Snowboard e a Rio 2014 nel Kayak, si sperimenta nel triathlon, uno sport composto da tre frazioni: nuoto ciclismo e corsa.

| Area Comunicazione